Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Scopri il “tallone d’Achille” del virus Corona: una svolta nella lotta contro il virus?

  • Scoperto il “tallone d’Achille” del Corona virus: Scopri i ricercatori più grande debolezza
  • può studiare Una svolta nella lotta contro il Corona egli è
  • ultima scopertaIl virus non può più nascondersi dal sistema immunitario
  • Si può ipotizzare un nuovo tipo di trattamento corona utilizzando “proteine ​​complesse”

Anche circa 18 mesi dopo il primo grande focolaio, il coronavirus ha ancora un forte impatto sulla nostra vita quotidiana. Non solo nella privacy, ma anche nella pratica medica quotidiana.
gruppo di scienziati Sotto la supervisione di ricercatori di Vienna IMBA (Istituto di biotecnologia molecolare dell’Accademia austriaca delle scienze) è ora L’hack potrebbe essere riuscitoChe stavamo aspettando da tanto. In uno studio pubblicato, i ricercatori hanno scritto su Scoperta di un possibile tallone d’Achille di SARS-CoV-2. Quindi la più grande debolezza del virus.

Scopri il tallone d’Achille del Corona virus: il virus può “nascondersi” dal sistema immunitario

Molto semplicemente, ha a che fare con due proteine ​​​​leganti lo zucchero che possono impedire alle varianti di SARS-CoV-2 di penetrare in altre cellule. Durante la ricerca di modi per prevenire la diffusione di SARS-CoV-2, i ricercatori si sono concentrati su quella che è nota come proteina spike. Questo è il caso del coronavirus e, fedele al suo nome, può aggrapparsi alle superfici cellulari. È anche la proteina principalmente responsabile della penetrazione del virus nelle cellule. Particolarmente pericoloso: la proteina spike non è solo responsabile della penetrazione nella cellula, ma assicura anche che il sistema immunitario non possa riconoscere il virus. La proteina del coronavirus SARS-CoV-2 ha un meccanismo di mimetizzazione per questo. Quindi utilizza un “meccanismo di legame della glicosilazione”. Ciò porta alla formazione di uno strato di zucchero in alcuni punti sull’involucro proteico del virus. Il risultato: il sistema immunitario non è più in grado di riconoscere il virus.

READ  Abbassa la glicemia e il peso con il nuovo farmaco

Maschera FFP2: guarda il vincitore del test su Amazon

Il virus forma questi strati di zucchero ogni volta che sta per moltiplicarsi e diffondersi in tutto il corpo. La proteina spike del coronavirus ha 22 siti a cui possono legarsi le catene di zucchero. “Queste catene di zucchero sono simili alle strutture del sistema immunitario del corpo, anche se si formano nelle cellule di qualcun altro”, spiega l’autore principale dei risultati dello studio, David Hoffman. I ricercatori sono anche interessati al fatto che sembrano esserci 22 siti di legame dello zucchero nel coronavirus, che sono anche molto importanti per il virus. “Non ci sono mutazioni in queste strutture. Forse perché altrimenti il ​​virus non sarebbe in grado di replicarsi efficacemente senza questi siti”.

Dopo questa conoscenza, gli scienziati che lavorano con Peter Hinterdorfer e Josef Penninger hanno dovuto studiare il ruolo delle lectine, le proteine ​​che legano lo zucchero. “Le lectine sono le cosiddette glicoproteine, che a loro volta possono legarsi alla struttura della molecola dello zucchero degli antigeni, come la proteina spike. Queste possono occupare siti neurali direttamente sulla proteina spike, interrompendo così l’attaccamento del patogeno alle cellule bloccate dal virus. . Non ha più la possibilità di entrare nella cella”, spiega Hinterdorfer.

I recenti tentativi danno speranza: respingere il virus Corona mentre penetra nella cellula

David Hoffman, un ex studente di dottorato presso il Penninger Laboratory dell’IMBA, ha aggiunto: “Abbiamo pensato intuitivamente che le lectine potessero aiutarci a trovare nuovi partner di interazione per la proteina spike”. Per corroborare questa considerazione con risultati tangibili, il team ha testato più di 140 diverse lectine e il loro effetto sul virus. Buona fortuna. Due delle lectine testate sono state in grado di legarsi fortemente alla proteina spike di SARS-CoV-2. “Clect4g” e “CD209c”.

READ  La vaccinazione obbligatoria contro l'herpes per i cavalli da competizione arriverà nel 2023

“Ora abbiamo opzioni a disposizione per impedire al virus di entrare nelle cellule”, spiega Stefan Meriter, co-primo autore e ricercatore post-dottorato del Penninger Laboratory. “Questa scoperta potrebbe davvero essere il tallone d’Achille di un virus che la scienza stava aspettando da così tanto tempo”, aggiunge. Le lectine fortemente leganti “Clec4g” e “CD209c” che il team di scienziati ha scoperto hanno ciascuna un’altra caratteristica cruciale. Se queste due lectine si legano a un punto particolare della proteina spike, la proteina diventa instabile. Quindi il sistema immunitario ha l’opportunità di riconoscere il virus e combatterlo di nuovo.

Il team non ha dubbi sulle potenziali mutazioni. “I virus che contengono un sito proteico mutato non sono infettivi. Ciò significa che le nostre lectine si legano al sito glicano necessario per l’azione del picco. Pertanto, è improbabile che una mutazione priva di questo glicano sviluppi una mutazione”, spiega Meriter. Per la gioia dei ricercatori, le lectine rilevate aiutano anche a ridurre l’infezione da SARS-CoV-2 nelle cellule polmonari umane.

I risultati dello studio rendono possibili nuove forme di trattamento

I risultati della ricerca sono stati recentemente pubblicati sul popolare EMBO Journal. Con i risultati della ricerca, c’è anche la possibilità di sviluppare trattamenti che includano tutti diverse mutazioni virali. “Questo interrompe semplicemente l’interazione tra il virus e la cellula e quindi riduce l’infettività del virus”, spiega il team, guidato da Hinterdorfer e Penninger.

L’articolo contiene link di affiliazione

*Nota: nella redazione siamo sempre alla ricerca di prodotti utili per i nostri lettori. I link forniti in questo articolo e contrassegnati con un’icona del carrello o un asterisco sono chiamati link di affiliazione/link sponsorizzati. Se fai clic su uno di questi collegamenti e fai un acquisto da esso, riceviamo una commissione dal commerciante. Questo non cambia il prezzo per te. I nostri rapporti editoriali sono principalmente indipendenti dalla presenza o dall’importo della commissione.

READ  Sebbene ci siano molti meno casi di corona, il tasso di infezione è in aumento - BZ Berlino