Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

“Scena del crimine” nella Foresta Nera: Moon Sherry è stata l’ispirazione per “Quello che abbiamo ereditato”?

Aggiornato il 25 aprile 2021, 21:45

Sulla scena del crimine devono essere chiarite le misteriose circostanze della morte di una ricca vedova. Ma la domanda interessante è perché le controversie sull’eredità possono avere conseguenze così tragiche. Non si tratta solo di denaro: la sociologia conosce un motivo importante per cui il diritto ereditario gioca un ruolo importante nell’immagine di sé tedesca.

critica

A partire dal Iris Al-Aniyali

Scena del crimine nella Foresta Nera: gli eredi hanno davvero torto?

“L’eredità è un privilegio obsoleto”, si lamenta il commissario Tobler in “Tatort – What We”, e il dramma sull’eredità della vedova del proprietario dell’impianto Klingler sembra dimostrare che il commissario ha ragione. In effetti, ci sono dibattiti in alcuni ambienti sul fatto che i suoi critici vedono il “privilegio” come un principio anacronistico dell’era feudale europea – cioè, può essere paragonato a un impero che sopravvive da re a re all’interno di una famiglia.

Di conseguenza, dicono i critici, la disuguaglianza sociale nella distribuzione della ricchezza si verifica da una generazione all’altra.
Secondo il sociologo Jens Beckert, ogni anno in Germania vengono ereditati o ceduti beni per un valore superiore a 200 miliardi di euro: “Dopo aver dedotto i debiti, la metà inferiore delle famiglie tedesche non ha effettivamente alcun patrimonio e quindi non lo eredita”. il Max Planck Institute for Social Research ha detto nella rivista “From Politics and Contemporary History”.

Beckert scrive: “Il 75 per cento di tutta l’eredità è inferiore a centomila euro. Più del 60 per cento della ricchezza è concentrato nel dieci per cento più ricco delle famiglie. L’uno per cento più ricco possiede il 32 per cento della ricchezza privata totale della società”.

READ  Thomas Gottschalk perde la pazienza con RTL: "Stai zitto!" - Celebrato dagli spettatori

La legge sulle successioni è controversa?



Gisen Rathman (Jenny Shelley, a destra), suo fratello Richard (Jan Mesutat, al centro) e la nipote Tony (Joanna Polly, a sinistra) alla cerimonia funebre.

© SWR / Benoit Linder

Al contrario: secondo un articolo radiofonico del giornalista Lorenz Rollhäuser su Deutschlandfunk, l’84% dei tedeschi concorda con la seguente frase in un sondaggio: “È giusto che i genitori trasmettano i loro beni ai figli, anche se ciò significa che il i bambini sono genitori ricchi nella vita hanno migliori opportunità “. Tuttavia, l’indagine risale al 2007. Un’indagine rappresentativa nel 2013 ha rilevato che la maggior parte dei residenti accetterebbe di aumentare l’imposta sul reddito e sul patrimonio. Tuttavia, due terzi degli intervistati hanno rifiutato un aumento dell’imposta sulle successioni.

Secondo l’argomento di Beckert, l’ignoranza potrebbe essere uno dei motivi per l’approvazione: non solo viene proposta la modifica, ma la stessa tassa di successione è criticata come una “tassa dell’invidia”, sebbene l’eredità sia “tassata al 2,5 per cento” in media e attualmente “patrimonio” può “Eredità fino a 2 milioni di euro in una situazione familiare normale senza imposta di successione”.

L’altro lato è evidente nella “scena del crimine”: ogni interferenza nel diritto successorio è vista come un’interferenza con la famiglia: “Eredità e doni danno un contributo importante alla solidarietà familiare e in questo senso rafforzano le strutture familiari”, afferma il sociologo Beckert .

Ciò diventa anche molto tangibile quando i trasferimenti intergenerazionali sono usati come doni e sono bilanciati con contro doni, in particolare le emozioni sentimentali. Gli esempi includono “doni dei nonni ai nipoti, che ricambiano mantenendo i contatti, o servizi genitoriali, che possono essere implicitamente collegati all’aspettativa di eredità”.

Moon Sherry è stata l’ispirazione per questa “scena del crimine”?

Le “ciliegie al cioccolato nero” prodotte dall’azienda di famiglia in “What We Inherit” ricordano il marchio “Mon Chérie”. Ma Ferrero, che dagli anni Cinquanta produce la famosa pralina alcolica “con ciliegie piemontesi”, non ha nulla a che fare con la famigerata storia di Tatort: ​​Ferrero nasce in Italia solo nel 1946, nel dopoguerra.

Per inciso, la ciliegia per Mon Chérie non viene dal Piemonte italiano, ma da Ortenau, tra l’altro – come questo “Tatort” – dalla Foresta Nera.

“Quello che ereditiamo”: cosa significa una citazione di Bismarck?

L’avvocato di famiglia non pensa molto al nipote amante delle feste del proprietario della fabbrica deceduto e descrive la sua prenotazione con il Commissario Tobler come segue: “Sono libero di citare Bismarck:” La prima generazione crea ricchezza, la seconda la gestisce, la terza studia la storia dell’arte, la quarta corrompe completamente. “ La citazione è spesso citata con piacere per descrivere l’effeminata, la decadenza o la mancanza di acume commerciale delle giovani generazioni.



Jesse Rathman (Jenny Shelley) è preoccupata per sua madre, Elizabeth, che è caduta dalle scale dopo una violenta discussione.

© SWR / Benoit Linder

Ma non è stato stabilito se sia stato effettivamente acquistato dall’ex consigliere Otto von Bismarck (1815-1898): non esiste un’unica fonte di informazioni su Internet, e anche gli esperti della Fondazione Otto von Bismarck sono riusciti a trovare la posizione. Rapidamente non trovato. Lo studioso Ulf Morgenstern conosce il problema: “Gli amanti degli idiomi sinceri conoscono Bismarck come il creatore di molte immagini linguistiche accattivanti”, ha scritto il ricercatore nel 2016 sul sito web della fondazione. “Alcune metafore sono collegate ad esso (ferro e sangue). Altre sembrano derivarne perché la scelta delle parole e del contesto sono appropriate. Tuttavia, molte di esse non possono essere provate”.

L’autore Thomas Mann ha cambiato la frase nel 1901 nel suo romanzo “Die Buddenbrooks”, con il sottotitolo appropriato, “The Decay of the Family”: “Il padre lo crea, il figlio la riceve e suo nipote crolla”.




Nel 2020 la “scena del crimine” compie 50 anni. Quindi ora è nel fiore degli anni, come qualcuno potrebbe dire. In media, 9,1 milioni di telespettatori hanno guardato ciascuno dei 36 nuovi episodi in prima linea. Cosa possono aspettarsi gli spettatori nel nuovo anno? Panoramica delle squadre su ciò che sta accadendo a Taturt 2021.