Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Rolling Stones a Monaco di Baviera: Soddisfazione allo Stadio Olimpico – Monaco di Baviera

Mick Jagger, signore, ha dimenticato qualcosa? Non è uno scherzo britannico, il nero è servito da coppa di Earl Grey. “Ieri ho bevuto una birra all’English Garden”, dice in tedesco allo Stadio Olimpico, come se non fosse uno dei giganti del rock sopravvissuti tra i circa 70.000 fan, ma fosse in visita da amici. Ed è esattamente quello che sembravano le foto del suo picnic in città, che ha condiviso su Instagram il giorno prima dei primi due concerti in Germania del tour “60” dei Rolling Stones: Mick riposa su Friedensengel, Mick che imita il passo del gigante bianco sulla Leopoldstrasse per .

E Mick è seduto nella birreria all’aperto, alzando un bicchiere (qui passato alla modalità video), dicendo qualcosa di incomprensibile, esultando e sorridendo un sorriso malizioso.

“Era il tempo dei bikini”, ha detto ora al pubblico, “non molti bikini stasera!”

Una grande ironia, perché nessuno pensava di nuotare prima del 116° concerto della band in Germania (come calcola Jäger). Un’e-mail avverte i possessori di biglietti di indossare indumenti resistenti alla pioggia in quanto “maltempo con forti piogge, fulmini e raffiche di vento” si avvicina a Monaco. Intorno alle 14:30, le forze di sicurezza hanno chiamato al megafono coloro che stavano già aspettando: l’ingresso doveva essere ritardato di un’ora fino alle 18 e la festa è iniziata alle 20:45.

I Rolling Stones a Monaco di Baviera: Aspettando la pioggia e le leggende del rock.

Aspettando che finisca la pioggia e le leggende del rock.

(Foto: Stefan Rampf)

Il cielo è grigio scuro, a volte pioviggina. “Sei già in linea o hai ancora il controllo?” I fan si chiedono l’un l’altro in una situazione un po’ confusa. Molti controllano il radar della pioggia sui loro telefoni cellulari e cantano lo slogan: “Laggiù sta diventando di nuovo più luminoso”. L’Olympiaberg, dove molte persone passeggiano nel pomeriggio durante eventi così importanti per poter vedere e sentire qualcosa dallo stadio in seguito, è ora deserto.

I Rolling Stones a Monaco di Baviera: Bagnati da tutte le parti alle Olimpiadi.

Bagnati su tutti i lati all’Olympiasee.

(Foto: Jana Yopstel)

Pochi di loro vogliono passare il tempo di attesa a teatro. Sul palco dell’Olympiasee, “Pacifico Boy” dovrebbe essere il secondo giorno di Teatro di PentecosteFestival aperti. Il cantante Fede Sanchez, unico nella scena di Monaco, è scappato dietro le quinte sotto un telone. È anche entusiasta delle pietre. Nel 1990, all’età di quattordici anni, la vide per la prima volta a un concerto. “Ho pensato: è bello rivederli, questa sarà l’ultima volta”. E ora si dice che si esibisca a 150 metri dai suoi “genitori musicali”, “Wow, che bella giornata!”

Christian Kessler non è ancora sicuro. Ha indossato il Theatron, proprio come ha fatto per il palco estivo allo stadio nei miei anni da Corona. Pensa che sia fantastico suonare di nuovo sul palco più piccolo: “Ieri c’erano 3.500 persone. Fantastico. Questa è casa mia”. E la collaborazione con il Parco Olimpico è stata fruttuosa: quest’anno gli è stato concesso di organizzare concerti per i Campionati Europei e la Settimana della Memoria Olimpica. Poi fruga nella tasca della giacca ed estrae un foglio piegato: lo Stones Ticket.

Qualcuno della Park-GmbH gliel’ha saltato. Non sa ancora se dare un’occhiata più tardi, deve prima prendere una decisione difficile con la squadra: la seconda giornata del Theatron sarà annullata per pioggia.

Alcune centinaia di fan vorrebbero prendere i loro “biglietti fortunati” dalla coda “Lucky Dip” accanto al botteghino. Un uomo di Rosenheim ha detto che hanno pagato solo 66 euro dopo una mancia del fan club, potevano sedersi in prima fila o in lontananza sugli spalti. “Comunque, decisamente un affare.” Ma erano in fila da ore perché solo una persona nella minuscola casa avrebbe emesso i biglietti su presentazione di un documento d’identità. “disastro!” dice Rosenheimer.

Robin è un giovane di Dusseldorf e suo padre, Stephan, è paziente. Per tutto il pomeriggio. Sei in prima fila all’ingresso principale, dietro una donna che aspetta dalle nove del mattino. Hanno i biglietti nel parcheggio sul retro, categoria “Argento”, dove vogliono arrivare alla barriera. Non rinunci mai alla tua buona posizione di attesa.

La corsa al primo posto

Nemmeno se hai dimenticato i tuoi poncho antipioggia in hotel. “Ah, i primi stanno già correndo dentro”, dice Robin confortato. Anche qui stanno per aprire i cancelli. “Una volta acceso, chiuderemo di nuovo qui”, avverte Folder tramite l’altoparlante di mantenere la calma. La donna delle nove allarga le braccia nella posizione del Titanic e alza le punte dei piedi verso di lui.

Un uomo è ancora in piedi con le spalle allo stadio, a guardare i tifosi che ora arrivano sempre più spesso, portando una manica trasparente come i Testimoni di Geova Torre di controllo-rivista. Ha due mappe e un piano per il campo da gioco. “Sono totalmente in prima linea”, spiega a una coppia interessata. Chiedono quanto dovrebbero costargli. “Al momento sono a 750. Per entrambi”, spiega l’uomo con calma. Costano 523 euro ciascuno. Gli ispettori strillarono per lo stupore e andarono dal rivenditore più vicino.

I Rolling Stones a Monaco di Baviera: alcuni avevano già un biglietto, o un biglietto di troppo.

Alcuni hanno già un biglietto – o uno di troppo.

(Foto: Stefan Rampf)

“Non sono un venditore professionista”, dice Frisinger. Aveva quattro carte. Ne aveva già venduto uno, che era a suo figlio, ma non poteva venire con lui. La “migliore donna del mondo” gli diede gli altri due biglietti, non sapendo di averne già ordinati alcuni.

I Rolling Stones a Monaco: gli altri stavano ancora cercando i biglietti poco prima.

Altri stavano ancora cercando i biglietti poco prima.

(Foto: Stefan Rampf)

“Mi restano ancora due ore”, ha detto con un sorriso, “beh, nessuno vuole sedersi in cortile per così tanti soldi quando piove”. Oltre a lui, la coppia ha ricevuto due biglietti da un professionista del mercato grigio: invece di 300 pagano 200 euro. dare il cinque.

“E se riuscissimo anche ad arrivare allo stadio oggi”, ha detto una coppia di Ulm. Ha comprato una maglietta con il leggendario logo della lingua presso il merchandising. Abbinando i suoi collant con tante piccole bocche su di loro. “Qualsiasi donna avrebbe potuto averlo, e io l’ho posseduto come zidonia”, dice.

Rolling Stones a Monaco di Baviera: Stasera: solo con la lingua

Stasera: solo con la lingua

(Foto: Stefan Rampf)

Flirta ancora con la giacca per 80 euro. Sebbene ora ci sia un movimento nel gruppo in attesa, hanno ancora dei dubbi. “Abbiamo appena sentito che il concerto sarà cancellato”.

Rolling Stones a Monaco: cancellati?  C'è già qualcuno?  Paura e dubbio prima dell'accettazione.

annullato? C’è già qualcuno? Paura e dubbio prima dell’accettazione.

(Foto: Stefan Rampf)

Nell’ufficio dell’Olympiapark GmbH, il telefono ha continuato a squillare nel pomeriggio del primo concerto dello stadio dopo l’epidemia di due anni. Anche i proprietari di biglietti costosi per i posti nella piazza all’aperto chiamano per chiedere se possono portare un ombrellone. Nessuna possibilità, spiega il portavoce del parco Tobias Koehler, “È solo il rischio di eventi all’aperto”.

La tempesta spacca il campo

Tuttavia, ci sono rischi molto alti: grandine, temporali o se un fulmine colpisce la ciotola bagnata dalla pioggia, spiega Kohler. Ecco perché la gestione del parco e l’autorità di regolamentazione FKP Scorpio hanno consultato costantemente il servizio meteorologico e hanno lasciato le persone sotto la pioggia per la propria sicurezza.

Gli ospiti hanno aspettato in silenzio. Poi diventa chiaro: il terribile temporale si sta spostando a nord ea sud dello stadio. La grande festa può iniziare. Poco dopo l’annuncio del film “Ladys and Gentlemen: The Rolling Stones”, nel cielo sono apparse nuvole rosa e tramonti dorati.

I Rolling Stones a Monaco di Baviera: uno spettacolo in campo e in cielo

Appaiono sul campo e nel cielo

(Foto: Jana Yopstel)

“Ci divertiamo molto a Monaco”, dice Jäger, facendo il tifo per altre decine di migliaia. non piace? Programmato. Non puoi sempre ottenere quello che vuoi? Mick Jagger ha torto qui, ognuno ottiene ciò che sognava questa sera.

“Oh, una tempesta minaccia la mia vita oggi, se non trovo un riparo, oh sì, sparirò”, canta il capitano sotto la torre olimpica radiosa di giallo e blu e alle immagini di rovine fumanti di guerra, ricordandoci che ci sono cose peggiori di qualche doccia. “La guerra, ragazzi, è solo un colpo.”

I Rolling Stones a Monaco di Baviera: La Torre Olimpica in giallo e blu sullo sfondo, gli Auguri di Pace sul podio in primo piano.

Torre olimpica in giallo e blu sullo sfondo, auguri di pace sul podio in primo piano.

(Foto: Jana Yopstel)

È un grande momento per la più grande vecchia rock band del mondo. Ce ne sono un bel po’. Per Tobias Kohler, è il fantastico e potente “Ghosttown”. E Gerhard Vats è entusiasta della “seconda parte energetica” dello spettacolo. Nella prima versione – le “versioni strane, leggermente accattivanti” – forse si sarebbero salvate la vita, incarna il ragazzo solare dai capelli lunghi dopo il concerto nell’anfiteatro.

Vates sa che Mick, Keith & Co. all’epoca stavano aiutando Giorgio Moroder e Reinhold Mack negli studi di Musicland, anche se gli Stones stavano registrando “tonnellate” di materiale a Monaco. “Avevo una band. Non ho mai chiesto autografi. Sono sempre stati gentili con me”, ricorda. Bello, ancora pietre.

O come ha appena detto Jäger: “Monaco, io sono Moog de”. Non ha dimenticato nulla.