Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Robert Habeck vuole fermare l'acquisizione da parte della Cina della fabbrica di chip di Dortmund

Robert Habeck vuole fermare l’acquisizione da parte della Cina della fabbrica di chip di Dortmund

Berlino, Monaco di Baviera Il governo federale vuole vendere la fabbrica di chip di Dortmund Elmo per un investitore cinese. Il ministro federale dell’Economia Robert Habeck (i Verdi) ha proposto al resto del governo federale di bloccare l’accordo, secondo i dipartimenti del dipartimento martedì. “Questa acquisizione costituirebbe una minaccia per l’ordine pubblico e la sicurezza in Germania”, ha affermato.

Lunedì sera, la stessa Elmos ha annunciato in un annuncio privato che il ministero aveva informato la società che il divieto sarebbe stato emesso mercoledì in Consiglio dei Ministri. Handelsblatt aveva precedentemente segnalato il cambiamento emergente.

Ma per fermare la vendita, HABC ha bisogno del supporto di altre divisioni. Nel caso in cui la compagnia di navigazione statale cinese COSCO fosse entrata in un terminal per container nel porto di Amburgo, è stato negato dal cancelliere Olaf Schultz (SPD).

Ora è stato riportato in Elmos che anche la Cancelleria è critica nei confronti della vendita della fabbrica di chip. Si ritiene che la vendita della produzione di chip avrà un significato diverso rispetto alla partecipazione nell’operatore del terminal portuale. Il leader dell’SPD Lars Klingbeil ha recentemente spiegato in un’intervista a Handelsblatt di vedere l’accordo con la fabbrica di chip come “molto più importante dell’ingresso di Cosco”.

I migliori lavori di oggi

Trova i migliori lavori ora e
Sei avvisato via e-mail.

L’acquirente dello stabilimento di Dortmund era il concorrente svedese Silex. La società è controllata al 100% dal gruppo cinese sai micro elettronica. Con la vendita, Elmos abbandonerà la produzione di chip.

Habeck vuole smettere di prendere in consegna la fabbrica di chip

READ  Krypto-Unternehmen Aurox morirà Börse

L’acquisizione di Elmos: i funzionari del governo hanno sempre difeso l’approvazione

La settimana prima, il quotidiano Handelsblatt ha riferito che il governo federale stava pianificando di consentire probabilmente la vendita a Silex. Anche i circoli del Ministero dell’Economia critici nei confronti della Cina hanno affermato che l’acquisizione non sarebbe un problema. L’accordo da 85 milioni di euro non gioca un ruolo importante, la tecnologia Elmos è obsoleta e la situazione può essere chiarita a livello di business.

>>Leggi anche: Protezione dagli investitori dalla Cina: come un semaforo vuole proteggere le infrastrutture critiche

Nel frattempo, il ministro Habek si è occupato personalmente del caso e si è espresso contro l’acquisizione. Secondo i dipartimenti del ministero, il ministero dell’Economia e Habeck sono critici nei confronti degli accordi nel campo dei semiconduttori e dei chip.

Nella sua valutazione, il ministro dell’Economia condivide il parere dei funzionari della protezione costituzionale. L’allarme era già stato lanciato dall’Ufficio federale per la protezione della Costituzione prima dell’acquisizione, quando il governo federale era ancora propenso all’approvazione. I funzionari della sicurezza hanno avvertito che la Cina sta prendendo di mira alcune industrie da utilizzare come merce di scambio politica.

Anche Elmos è stato sorpreso dal divieto previsto. L’annuncio personalizzato recita: “Questo è un nuovo sviluppo, da BMWK ai giorni nostri [Bundesministerium für Wirtschaft und Klimaschutz, Anm. d. Red.] Informare le parti coinvolte che è probabile che l’operazione venga approvata”.

Rilevamento cinese di Elmus: avviso dell’Ufficio per la protezione della Costituzione

Secondo Habeck e il suo dipartimento, misure più moderate dell’arresto delle vendite, ad esempio ordini finalizzati a contratti di fornitura o manutenzione del sito, non sono un’opzione per Elmos. I dipartimenti governativi hanno affermato che, nonostante le dimensioni ridotte, Habek voleva classificare l’acquisizione come parte della nuova strategia cinese. Il governo federale è sempre più critico nei confronti della dipendenza. Aveva già indicato un percorso più duro verso la Cina nell’accordo di alleanza.

READ  Dax sta arrivando a 15.000 o sta girando adesso?

Anche il capo dell’Ufficio della Turingia per la protezione della costituzione, Stefan Kramer, avverte che la tecnologia di Elmos stessa non è più niente di speciale. “Ma se la produzione di tali chip viene messa nelle mani dei cinesi, la grande dipendenza economica dalla Cina e la fragilità della Germania continueranno a crescere”, ha detto Kramer a Handelsblatt. La leader parlamentare del Partito dei Verdi Katharina Druge è d’accordo e chiede anche un divieto di acquisizione. “Non possiamo vendere aziende in una tecnologia così strategicamente importante alla Cina”. Questo rende la Germania più dipendente e vulnerabile ai ricatti.

Tuttavia, esperti di semiconduttori come Jan-Peter Kleinhans della New Responsibility Foundation, che si occupa da anni di ricerche sull’argomento, vedono l’acquisizione come vantaggiosa per la competitività di Elmos. Se la produzione di chip a 350 nm andasse a un’azienda cinese, non sarebbe come vendere una tecnologia importante. Quello che Silex vuole fare dopo l’acquisizione del Dortmund è stato a lungo fatto da altre società dell’Unione Europea. Secondo la sua argomentazione, un divieto di vendita parziale danneggerebbe Elmos. Elmos ha successo e vuole concentrarsi sulla sua competenza principale, la progettazione di chip. Dortmund Fabry “non aiuta”.

Controllo qualità presso Elmos a Dortmund

In particolare, l’industria automobilistica tedesca si affida ai semiconduttori, indispensabili per ogni veicolo moderno.

(Immagine: Hulton Archive/Getty Images)

Alla luce dell’inversione di tendenza prevista dal governo federale, martedì la quota di Elmos è scesa del 13%. Né la società né la cancelleria hanno voluto commentare ufficialmente.

All’industria è stato detto che non esiste ancora un acquirente alternativo. Centinaia di posti di lavoro al Dortmund sono a rischio a lungo termine se non ci saranno ulteriori offerte di acquisto. Tuttavia, a breve termine, Elmos ha ancora bisogno di produrre il proprio semiconduttore, in modo che i tagli di posti di lavoro non siano imminenti.

Tuttavia, c’è un’altra possibilità di conflitto nella strategia cinese

Se la Cancelleria approva il divieto, come previsto, ciò dovrebbe allentare la tensione nella lotta del governo interno sulla corretta strategia della Cina. Oltre alla controversia sull’ingresso di Cusco ad Amburgo, il viaggio del cancelliere Schulz in Cina la scorsa settimana ha suscitato indignazione.

I prossimi potenziali conflitti sono già incombenti. Ulteriori revisioni degli investimenti con la partecipazione cinese dovrebbero essere completate nei prossimi mesi. Nell’anno in corso ci sono 261 controlli di questo tipo sugli investimenti diretti esteri, 35 volte l’acquirente viene dalla Cina. 17 di questi investimenti cinesi sono ancora in fase di valutazione. Il produttore di ventilatori Heyer Medical era già stato bandito ad aprile.

>>Leggi anche: Come le aziende produttrici di chip in Europa possono colmare una lacuna critica nella catena di approvvigionamento

Inoltre, Habek prevede di cambiare radicalmente la politica del commercio estero nell’ambito dello sviluppo della strategia cinese da parte del governo federale. Secondo i dipartimenti del ministero, “occorre prestare un’attenzione particolare, ad esempio, se le infrastrutture sono interessate o se c’è il rischio che la tecnologia si esaurisca”.

I funzionari stanno già lavorando alla revisione dei test di investimento. Lo Stato deve garantire che gli effetti negativi degli investimenti esteri siano evitati. I blocchi parlamentari nell’FDP e nel Partito dei Verdi hanno già avanzato proposte di riforma concrete, che tuttavia sono state valutate con cautela nell’SPD.

Il ministro dell’Economia Habek non vuole lasciarlo alle revisioni degli investimenti. Vuole anche adeguare le garanzie di investimento ed esportazione del governo federale al fine di prevenire ulteriori dipendenze. Come riportato da Handelsblatt ad agosto, su questo punto ci sono riserve anche all’interno del governo federale.

Di più: Cinque grafici che mostrano la dipendenza della Germania dalla Cina

Il primo numero è il 22/11/7 alle 20:08.