Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Riunione del G20 a Washington: Quando il rappresentante russo prende la parola, diversi ministri lasciano l’aula – e Lindner rimane

DottLe giornate a Washington iniziano presto per il ministro federale delle finanze Christian Lindner (FDP). Quando, con un quarto d’ora di ritardo, poco prima delle nove del mattino, si è precipitato nella Kennedy Ballroom del Fairmont Hotel nel cuore della capitale americana, aveva già avuto i primi incontri con i ministri delle finanze e i governatori delle banche centrali . E sono molto risonanti le parole che ha scelto dopo davanti ai giornalisti riuniti al fianco del presidente della Bundesbank Joachim Nagel in occasione della Conferenza di primavera del Fondo monetario internazionale (FMI).

Ci sono anni in cui la storia è scritta poco o per niente. “Siamo in una situazione in cui le settimane fanno decenni”, ha detto Lindner. Lo hanno confermato anche i partecipanti che, a differenza di lui, hanno vissuto molti di questi convegni. Non c’è ripresa economica dopo la pandemia di coronavirus, che ha avuto un impatto massiccio, perché invece c’è inflazione e nuovi problemi nella filiera. La fornitura di molti beni si è interrotta.

“Tutti dovrebbero essere chiari sul fatto che la ragione di ciò non sono le sanzioni”, ha detto Lindner. Solo la Russia è responsabile di questo. “La Russia deve essere isolata politicamente, economicamente e finanziariamente”. Nei vari incontri di Washington, alla Russia non sarà certo dato un palcoscenico per diffondere propaganda e menzogne.

Leggi anche

Previsioni di crescita del FMI

E così c’è stato un boicottaggio alla riunione del G-20 in tarda mattinata. Il segretario al Tesoro statunitense Janet Yellen, la presidente della Banca centrale europea Christine Lagarde e diversi rappresentanti di Canada e Gran Bretagna hanno lasciato la sala riunioni mentre il delegato russo Anton Siluanov ha preso la parola. Anche il rappresentante ucraino, invitato come ospite, ha lasciato la riunione. “Alcuni dei ministri delle finanze e dei governatori delle banche centrali che hanno partecipato alla conferenza hanno praticamente spento le telecamere mentre la Russia parlava”.

READ  "Vita di successo negli Stati Uniti": il governo degli Stati Uniti vuole miliardi per gli sfollati

Il ministro del Tesoro canadese Chrystia Freeland posta una foto Rappresentanti occidentali che hanno lasciato la sala conferenze. “Le democrazie del mondo non rimarranno inerti a guardare l’aggressione e i crimini di guerra in corso della Russia”, ha scritto.

Qui troverai i contenuti di Twitter

Per visualizzare i contenuti incorporati, è necessario il tuo consenso revocabile al trasferimento e al trattamento dei dati personali, poiché tale consenso è richiesto dai fornitori di contenuti incorporati in quanto fornitori di terze parti [In diesem Zusammenhang können auch Nutzungsprofile (u.a. auf Basis von Cookie-IDs) gebildet und angereichert werden, auch außerhalb des EWR]. Impostando il toggle su “On”, accetti questo (che può essere revocato in qualsiasi momento). Ciò include anche il tuo consenso al trasferimento di determinati dati personali ad altri paesi, inclusi gli Stati Uniti d’America, in conformità con la Sezione 49(1)(a) del GDPR. Puoi trovare maggiori informazioni a riguardo. Puoi revocare il tuo consenso in qualsiasi momento tramite il toggle e tramite Privacy in fondo alla pagina.

Lindner non ha lasciato la sala mentre i suoi colleghi lavoravano. Tuttavia, circoli informati hanno riferito di aver “contraddetto fortemente” le dichiarazioni russe.

Poco prima, Lindner ha sottolineato che le conseguenze di una guerra aggressiva contro l’Ucraina sull’economia globale si possono già vedere sotto forma di tassi di interesse più alti, tassi di cambio deboli e prezzi alimentari più elevati. Ciò colpisce in particolare i paesi meno prosperi, che dispongono già di poche riserve finanziarie.

L’esito di questa “fase molto sensibile e fragile” è aperto, ma il punto di partenza è esplosivo: “Abbiamo un aumento globale del rischio. Esiste il rischio di una crisi del debito globale nei paesi emergenti e in via di sviluppo”. impedito, ma è necessario agire ora.

Leggi anche

Il cancelliere Schulze parla dopo l'incontro virtuale con i leader mondiali

Non lascia dubbi su chi vede i maggiori responsabili: la Repubblica popolare cinese. In quanto uno dei maggiori creditori dei paesi poveri, ha una responsabilità speciale. Una parte maggiore del quadro creato dalle principali nazioni economiche deve ora essere spinto verso la rinegoziazione e la ristrutturazione del debito. Ciò include, tra l’altro, regole chiare su come ristrutturare il debito pubblico e calcolarlo in modo prevedibile se il peggio arriva al peggio. La Cina deve agire qui.

READ  Dopo il vertice Corona, gli scolari chiedono il diritto di anticipare il vaccino Bointech

Il debito di quasi tutti i paesi è aumentato dalla pandemia di coronavirus del 2020. Accelerare l’energia e prezzi del cibo Gli esperti del FMI si sono lamentati questa settimana che porta alla carenza di cibo e ad un aumento del rischio di malnutrizione e disordini sociali, specialmente nei paesi economicamente deboli.

La Germania vuole dare più sostegno ai paesi più deboli con i soldi del FMI

Lindner ha annunciato che diversi fondi del FMI forniranno ulteriore supporto di stabilizzazione ai paesi deboli in Germania. Il Fondo di sostenibilità, che mira a garantire una migliore protezione della salute e del clima, sarà riempito in modo significativo. La Germania fornirà prestiti per 6,3 miliardi di euro.

Inoltre, ci saranno altri 100 milioni di euro per il Fondo Monetario Internazionale per i Paesi in via di sviluppo più poveri. Lindner ha cercato di raggiungere l’obiettivo della cooperazione globale tra gli stati, ad eccezione della Russia. Lindner ha affermato che il potenziale di crescita globale deve essere rafforzato e i rischi di inflazione globale ridotti.

Leggi anche

Colleghi e concorrenti allo stesso tempo: il ministro dell'Economia Robert Habeck e il capo delle finanze Christian Lindner

Ministro dell’Economia contro Finanze

Proprio il giorno prima, il Fondo monetario internazionale ha ridotto le sue previsioni di crescita economica mondiale nel 2022 dal 4,4% al 3,6% come parte delle prospettive economiche globali. Per il presidente della Bundesbank Joachim Nagel, questa non è l’ultima parola. Nagel è d’accordo con la visione pessimistica dell’attuale situazione economica: “Dobbiamo vedere se rimarrà al 3,6 per cento, sono possibili ulteriori correzioni”.

In qualità di presidente della Bundesbank, il suo obiettivo principale è lo sviluppo dell’inflazione. “Questo è un onere molto grave ed enorme, soprattutto per le persone a reddito medio-basso”, ha detto. Con questo intendeva anche persone in Europa e Germania. Questo era un problema in Ucraina prima della guerra, ma ora sta prendendo piede. Qui le banche centrali sono chiamate nella loro politica monetaria. “Dobbiamo affrontare il mandato di controllare l’inflazione”.

Quindi il successore del presidente della Bundesbank Jens Weidmann ha chiarito più che mai durante il suo breve mandato cosa si aspetta dai suoi colleghi della banca centrale nel Consiglio direttivo della BCE (BCE) in questa situazione: un imminente aumento dei tassi di interesse.

Ha detto cautamente all’inizio che è vero che un giro di vite di emergenza sulla politica monetaria non ha senso, è opportuno procedere con cautela e metodica. Ma poi ha fissato un momento preciso per un possibile primo rialzo dei tassi: “l’inizio del terzo trimestre”. Sarà a luglio.

“Non dovremmo avere stagflazione”

Secondo Nagel, gli acquisti di obbligazioni della BCE dovrebbero essere completati per allora. In ogni caso, si sarebbe potuto risolvere il problema dei tassi di inflazione estremamente bassi, per i quali si sarebbe dovuto procedere all’acquisto di obbligazioni. Un ritorno all’obiettivo di inflazione del 2% fissato dalla BCE sta diventando sempre più improbabile.

Se ci fosse stato un embargo energetico generalizzato sulla Russia, e di conseguenza prezzi più alti, si sarebbero visti tassi di inflazione a due cifre. “Non dovremmo avere alcuna stagflazione”, in altre parole, una fase di stagnazione economica con inflazione in aumento allo stesso tempo, ha detto Nagel.

Oltre alla richiesta dei suoi colleghi della Banca Centrale, Nagel ha avuto anche una richiesta di ministri delle finanze: in futuro dovrebbero impegnarsi di più per costruire una riserva in buone fasi economiche. “Le crisi degli ultimi decenni ci hanno insegnato che, qualunque cosa accada, alla fine ci vogliono molti soldi per affrontare le crisi”, ha detto. Occorrono sempre risorse finanziarie elevate per agire contro le crisi. Forse il ministro delle finanze Lindner non l’avrebbe detto diversamente dopo Nagel.

Il test corona positivo di Lindner

Dopo questa lunga giornata di lavoro, è emerso un altro messaggio spiacevole: Lindner è risultato positivo al corona. Ora è il momento di isolarsi.

Puoi ascoltare il podcast WELT qui

Per visualizzare i contenuti incorporati, è necessario il tuo consenso revocabile al trasferimento e al trattamento dei dati personali, poiché tale consenso è richiesto dai fornitori di contenuti incorporati in quanto fornitori di terze parti [In diesem Zusammenhang können auch Nutzungsprofile (u.a. auf Basis von Cookie-IDs) gebildet und angereichert werden, auch außerhalb des EWR]. Impostando il toggle su “On”, accetti questo (che può essere revocato in qualsiasi momento). Ciò include anche il tuo consenso al trasferimento di determinati dati personali ad altri paesi, inclusi gli Stati Uniti d’America, in conformità con la Sezione 49(1)(a) del GDPR. Puoi trovare maggiori informazioni a riguardo. Puoi revocare il tuo consenso in qualsiasi momento tramite il toggle e tramite Privacy in fondo alla pagina.

“All in Stock” è l’istantanea giornaliera della borsa valori del team editoriale di WELT Business. Ogni mattina dalle 7 del mattino con i nostri giornalisti finanziari. Per esperti di borsa e principianti. Iscriviti al podcast su spotifyE Podcast di AppleE musica amazzonica E Deezer. o direttamente tramite RSS Feed.