Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Rischi di infezione da corona virus: che ruolo gioca il gruppo sanguigno?

All’inizio della pandemia, numerosi studi hanno dimostrato che il gruppo sanguigno svolge un ruolo fondamentale nel rischio di infezione e nel decorso della malattia in Covid-19. Ora c’è un nuovo studio dalla Francia, che – come molti altri – è giunto alla conclusione che le persone con gruppo sanguigno 0 hanno meno probabilità di essere infettate dal coronavirus. Allo stesso tempo, secondo la conclusione della nuova ricerca, le persone con gruppo sanguigno 0 sono particolarmente brave a trasmettere il virus agli altri, e quindi sono chiamate “supersloyers”.

conseguenze Uno studio francese pubblicato sulla rivista “Frontiers in Microbiology”. Ha senso anche per lo scienziato Andre Frank della Kiel University. L’aveva già fatto A giugno 2020 uno studio che ha ottenuto molta attenzione Pubblicato sulla relazione tra gruppi sanguigni e infezione da corona. Tuttavia, Jacques Le Pendu, capo del lavoro ora pubblicato, avverte in un’intervista a BR: il gruppo sanguigno da solo non protegge dall’infezione da corona, e certamente non da una variante dell’omicron.

Fondamentale in caso di trasmissione – compatibilità del gruppo sanguigno

Per il loro studio, il team guidato da Jacques Le Pindo dell’Università di Nantes ha intervistato più di 300 coppie interconnesse, una delle quali aveva il coronavirus. Lo scopo dello studio era scoprire con quale frequenza l’altro partner fosse stato infettato e quali gruppi sanguigni avessero le persone.

Il risultato è stato che le persone i cui gruppi sanguigni erano incompatibili in caso di trasfusione di sangue avevano meno probabilità di essere infettate dai loro partner rispetto a quelle il cui gruppo sanguigno era “compatibile” con il loro partner, poiché i ricercatori chiamano compatibilità del partner. un altro. Secondo il leader della ricerca Le Pendu, il rischio di infezione era “più del 40 per cento in meno”. Perché significhi anche che le persone con gruppo sanguigno 0 hanno il rischio più basso di contrarre il coronavirus è in realtà abbastanza semplice: dopotutto, il gruppo sanguigno 0 è compatibile solo con il tuo stesso gruppo sanguigno.

READ  Omega 3 a Omega 6: questo è il rapporto ottimale

Digressione: perché i gruppi sanguigni non corrispondono?

Il motivo dell ‘”incompatibilità” di diversi gruppi sanguigni sono le piccole proteine ​​sui globuli rossi, chiamate antigeni. Il gruppo sanguigno A ha antigeni A corrispondenti, B ha antigeni B. Il sangue del gruppo 0 non contiene antigeni, ma contiene anticorpi contro A e B, che attaccano le cellule. Se alle persone con gruppo sanguigno 0 viene somministrato sangue di gruppo sanguigno A, B o AB durante una trasfusione, il loro sangue si coagula, il che può essere pericoloso per la vita.

Perché le persone con gruppo sanguigno 0 sono meno a rischio?

Secondo i risultati dei ricercatori guidati da Le Pendu, è proprio questa difesa anticorpale che potrebbe anche essere il motivo per cui le persone con gruppo sanguigno 0 sono particolarmente protette dall’infezione da Corona virus. Vale a dire, quando il coronavirus “incorpora gli antigeni del gruppo sanguigno nella sua superficie”, cosa che secondo Le Pindus potrebbe essere.

Quindi le persone con gruppo sanguigno 0 – grazie agli anticorpi contro A e B – possono combattere bene i corona virus – almeno se appartengono a persone con un gruppo sanguigno diverso. distanza Statistiche della Croce Rossa tedesca Poco più del 40% della popolazione in Germania ha il gruppo sanguigno 0.

Gruppo sanguigno 0: basso rischio di infezione, ma altamente prevalente

Tuttavia, il gruppo sanguigno 0 ha uno svantaggio per quanto riguarda l’epidemia di Corona, secondo i ricercatori francesi nel loro studio. Poiché il gruppo sanguigno 0 non ha antigeni sulla superficie dei globuli, le persone con gruppo sanguigno 0 possono circolare più spesso. Il virus che trasmettono non contiene antigeni corrispondenti. Nonostante la presenza di anticorpi, possono moltiplicarsi senza impedimenti e causare malattie.

READ  La carenza di vitamina D può essere fatale: studio con risultati scioccanti

Anche Andre Frank, microbiologo della Kiel University, è convinto che sia così. “Questi virus volano sotto il radar, il che significa che se questi virus incontrano una persona che ha anticorpi contro A e B, questi virus non possono essere identificati molto bene”, spiega in un’intervista a BR.

L’infezione da Corona dipende dai geni, dal sistema immunitario e dallo stato di vaccinazione

Ma secondo gli esperti, non è solo il gruppo sanguigno a determinare il rischio di infezione da SARS-CoV-2. Anche i geni, il sistema immunitario e lo stato di vaccinazione svolgono un ruolo. Ad esempio, le informazioni genetiche di un recettore sulle cellule di alcune persone cambiano leggermente, rendendo difficile la penetrazione dei coronavirus. Quanto segue si applica al sistema immunitario: chiunque abbia già dovuto combattere virus simili è meglio protetto dalle infezioni.

Anche lo stato della vaccinazione è importante, assicura il ricercatore tedesco Andre Franke. Come i francesi, nei suoi studi ha riscontrato un rischio ridotto di infezione nelle persone con gruppo sanguigno 0. Tuttavia, i valori erano “al 20 percento di protezione relativa”, non più del 40 percento, come mostra l’analisi dei dati dei francesi. Questo mostra, secondo Frank, “quanto sia importante semplicemente vaccinare per aumentare notevolmente questa protezione relativa”.

Lo scienziato francese Le Bindou ha anche messo in guardia dal fare affidamento sulla protezione del gruppo sanguigno per l’infezione da coronavirus: “Personalmente, ho il gruppo sanguigno 0, eppure ho avuto un omicron. Quindi dovresti prendere le stesse precauzioni, indipendentemente dal gruppo sanguigno”. Osserva inoltre che lui e altri hanno esaminato la protezione solo contro delta e varianti precedenti, ma non contro omicron.

READ  Corona: Perché alcune persone vengono infettate e altre no?

Secondo lo stato attuale delle conoscenze, è relativamente probabile che le persone con gruppo sanguigno 0 abbiano una protezione leggermente migliore contro omicron o varianti future. Ma questo non è stato ancora scientificamente provato.