Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Rifugiati mediterranei: lieto fine e tragedia | Europa attuale | DW

La guardia costiera greca ha confermato che giovedì un gommone con migranti si è capovolto al largo dell’isola di Liros. Ben 49 persone potrebbero essersi salvate sulla terraferma, ma secondo i primi risultati, sei residenti sono scomparsi. Nella ricerca sono coinvolti motovedette e aerei dell’agenzia europea per la sicurezza delle frontiere Frontex.

I profughi sarebbero partiti dalla costa turca. Giovedì forti venti hanno sferzato la regione. Questa mattina, 86 migranti sono stati salvati da una barca affondata a ovest della penisola del Peloponneso. Tutti i passeggeri sono al sicuro, ha riferito l’emittente statale, citando la guardia costiera. Dovevano essere portati al porto greco meridionale di Kalamata. Inizialmente non era chiaro da quale stato provenissero.

Operazione di salvataggio nel porto di Tartus, Siria

Molti sono morti in Siria

34 persone sono morte dopo che una barca di profughi si è capovolta al largo delle coste siriane. Il ministero della salute di Damasco ha annunciato che i loro corpi sono stati recuperati dalla città portuale di Tartus. 20 sopravvissuti riceveranno cure ospedaliere. Le nazionalità delle vittime non sono state inizialmente rivelate. Il destino di circa 100 persone rimane poco chiaro, tuttavia, ha riferito l’agenzia statale siriana SANA.

Secondo i rapporti ufficiali, i sopravvissuti hanno affermato che la barca aveva lasciato il Libano pochi giorni prima. Tartus si trova a sud dei principali porti della Siria e 50 chilometri a nord della città portuale libanese di Tripoli.

Il Libano è un’altalena

Nell’ultimo anno, il Libano ha visto aumentare il numero di migranti che effettuano la pericolosa traversata verso l’Europa con barche sovraffollate dalle sue coste. La destinazione della maggior parte delle barche è Cipro, membro dell’UE, che dista 175 chilometri.

READ  Serie A: Trasmissione in TV e live streaming in Germania

Molti dei rifugiati che attraversano il Mediterraneo dal Libano all’UE sono siriani. L’aggravarsi della crisi economica in Libano ha portato all’esodo di sempre più libanesi.

Italia, Messina |  Nave di salvataggio Open Arms Uno

“Open Arms UNO” salva centinaia di profughi dal Mediterraneo (27/08/2022)

Centinaia sono al sicuro – per ora

Dopo giorni nel Mediterraneo, giovedì 402 persone sono sbarcate dalla “Open Arms Uno” nel porto della città siciliana di Messina, ha detto l’organizzazione di soccorso spagnola Open Arms. Per la prima volta dopo tanto tempo andarono in un luogo sicuro.

Tutte le 398 persone salvate da “Humanity 1” hanno potuto lasciare la nave dopo una lunga attesa. Secondo SOS Humanity, sono sbarcati nel porto della città di Taranto, nel sud Italia. Le persone soccorse, tra cui 55 bambini e 110 minori non accompagnati, hanno dovuto rimanere a bordo da 8 a 16 giorni.

Salvataggio nel Mar Mediterraneo |  Apri l'arma Uno

I rifugiati osservano una scialuppa di salvataggio a braccia aperte sulla costa siciliana

Una pericolosa fuga attraverso il Mediterraneo

Non esiste un servizio di soccorso marittimo organizzato dallo Stato nel Mediterraneo. La ricerca di rifugiati in pericolo in mare è limitata agli sforzi privati. Dopo essere stati soccorsi, spesso devono aspettare giorni o settimane per essere assegnati a un porto. L’Italia è l’unico paese che offre questi permessi. Malta non ha permesso alle navi di soccorso di entrare nei suoi porti per mesi.

Il Mediterraneo è considerato una delle vie di fuga più pericolose al mondo. Almeno 1.301 persone sono morte o sono scomparse dall’inizio dell’anno, secondo l’Organizzazione internazionale per le migrazioni (OIM). Il numero di casi non registrati è molto alto.

READ  Vacanze in Italia nonostante Corona - I viaggiatori dovrebbero saperlo ora

mak/ack (dpa, afp, epd)