Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

OTS: PwC Germany / Il valore totale delle 100 aziende più costose del mondo ...

Riepilogo: la Russia minaccia di nazionalizzare le società occidentali

MOSCA (Dpa-AFX) – Le aziende occidentali che lasciano il Paese a causa della guerra della Russia contro l’Ucraina sono ora minacciate dalla nazionalizzazione delle loro attività e degli impianti di produzione. Giovedì l’ex presidente russo Dmitry Medvedev ha dichiarato che le aziende “abbandoneranno virtualmente i loro gruppi al loro destino”. Il vice capo del Consiglio di sicurezza russo ha affermato che il governo russo sta quindi lavorando a passi per avviare il fallimento delle aziende e quindi la nazionalizzazione degli immobili. Il compito principale è non finire con le persone per strada.

Medvedev ha affermato che la nuova produzione dovrebbe essere realizzata “sulla base dei beni lasciati dagli investitori in preda al panico”. “Un tale approccio è obiettivo ed equo”. Sono interessate le aziende tedesche, di altri paesi dell’UE e degli Stati Uniti.

Ad esempio, la scorsa settimana Volkswagen ha interrotto le sue attività in Russia. La produzione e l’esportazione di veicoli in Russia sono state sospese fino a nuovo avviso. Il produttore gestisce i propri impianti di produzione di automobili a Kaluga, a sud-ovest di Mosca, ea Nizhny Novgorod a est. L’amministratore delegato della Volkswagen Herbert Diess era un sostenitore delle “sanzioni massime”, che devono essere integrate da trattative.

Secondo Dies, la guerra della Russia contro l’Ucraina potrebbe avere effetti più gravi sull’economia europea rispetto alla crisi del Corona. È probabile che le catene di approvvigionamento globali permanentemente danneggiate portino a “massicci aumenti dei prezzi, carenza di energia e inflazione”, ha affermato il direttore del Financial Times.

In molti paesi, le conseguenze dell’attacco all’Ucraina hanno già rallentato la produzione delle case automobilistiche a causa della perdita di parti per i fornitori. Inoltre, la guerra ha portato a significative perturbazioni nei mercati delle materie prime. I prezzi di petrolio, gas e materie prime hanno continuato a salire, poiché le aziende temevano la carenza di pezzi di ricambio e forniture vitali.

READ  L'ufficio federale mette in guardia contro i solfiti nella zuppa di patate

Non esiste ancora una legge specifica in Russia per nazionalizzare i beni delle società che si sono ritirate in questo momento. Ma gli appelli di politici di spicco a rispondere alle sanzioni occidentali in questo modo stanno crescendo e aumentando. Si prevede che il parlamento russo prenderà presto una decisione su tale misura.

Molte società occidentali hanno annunciato solo inizialmente che le operazioni sarebbero state sospese. Nella maggior parte dei casi non si trattava di un ritiro definitivo. “Qualunque sia il motivo della partenza, le aziende straniere devono capire che tornare nel nostro mercato non sarà più facile”, ha affermato Medvedev.

Secondo Interfax, il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha avvertito che la nazionalizzazione delle società occidentali e la confisca dei loro beni avrebbe conseguenze negative per entrambe le parti. Anche le società russe rischiano il sequestro dei loro beni all’estero. Ora ci sono anche suggerimenti che i beni saranno gestiti onestamente a causa delle sanzioni.

Le ricadute della guerra in Ucraina stanno mettendo sotto pressione anche gli esportatori e i grossisti tedeschi. Secondo un sondaggio della Federal Wholesale and Foreign Trade Association (BGA), quasi un terzo delle aziende si vede colpito da sanzioni contro la Russia e contro-sanzioni. “Le conseguenze della pandemia di Corona non sono state ancora superate. La ripresa economica in Germania continua a rallentare a causa della guerra e delle sanzioni”, ha detto giovedì a Berlino il presidente della BGA Dirk Gandora. Tuttavia, la stragrande maggioranza delle aziende sostiene le sanzioni.

Le relazioni con la Russia rappresentano solo il 3% del commercio estero tedesco. “Ma in un’economia di rete, gli effetti spesso vanno oltre”, ha detto Jandoura. Ad esempio, le aziende hanno segnalato la limitazione del commercio di alluminio o le spedizioni di cereali perduti, interruzioni nelle catene di approvvigionamento o la perdita di camionisti, molti dei quali provenivano dall’Ucraina. / hgo/DP/as

READ  Esclusivo: Qualcomm CFO afferma che l'azienda è "in una posizione naturale" per trarre vantaggio dalla trasformazione digitale: "Le opportunità davanti a noi sono infinite