Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Gli aumenti dei prezzi di Netflix erano illegali?  Richiedi indietro i tuoi soldi ora

Gli aumenti dei prezzi di Netflix erano illegali? Richiedi indietro i tuoi soldi ora

Dall’inizio in Germania, i costi di abbonamento a Netflix sono aumentati fino a sei euro. Ma era illegale?

Il servizio di streaming Netflix continua ad aumentare i prezzi. La società ha rettificato per l’ultima volta i costi di abbonamento in Germania nel 2021 e il successivo aumento è seguito negli Stati Uniti all’inizio del 2022. Ma il tribunale distrettuale di Berlino ha stabilito che questi cambiamenti non erano legali. La clausola contrattuale nei Termini di utilizzo di Netflix, in base alla quale l’azienda concede aumenti di prezzo, non è accettabile. Netflix resiste.

I Termini di servizio di Netflix non sono trasparenti

L’Associazione federale delle organizzazioni dei consumatori (vzbv) ha intentato una causa contro Netflix International BV nel gennaio 2021. L’associazione accusa l’azienda di non aver formulato in modo sufficientemente chiaro i termini dell’aumento dei prezzi. Le Condizioni d’uso affermano che si riservano il diritto di modificare i prezzi di abbonamento per riflettere le “modifiche […] Per riflettere i costi totali.” Le ragioni possono essere, ad esempio, i costi elevati delle licenze, del personale e dei sistemi informatici.

In primo luogo, il tribunale regionale di Berlino ha confermato l’Associazione federale delle organizzazioni dei consumatori. Il tribunale ha giustificato la decisione con il fatto che i termini di utilizzo di Netflix non sono sufficientemente trasparenti e quindi gli utenti non possono capire le variazioni di prezzo. Nel caso di un’azienda globale, non è chiaro in che misura i costi operativi più elevati influiscano sui prezzi di abbonamento. Secondo il tribunale regionale, anche Netflix dovrà tagliare i prezzi se i costi dell’azienda saranno inferiori al previsto. Al momento, la clausola dei Termini di utilizzo è molto sbilanciata.

READ  “La sicurezza informatica è affare di tutti”: come le aziende di Karlsruhe possono proteggersi dagli attacchi degli hacker

Netflix ha presentato ricorso contro la sentenza alla Corte d’Appello di Berlino. Un portavoce di TECHBOOK ha dichiarato: “Abbiamo ottenuto l’approvazione dai nostri membri per un aumento dei prezzi in Germania. Gli aumenti dei prezzi non erano basati sulla clausola nelle Condizioni d’uso, che è oggetto di una causa in corso. Pertanto, l’efficacia del nostro l’aumento dei prezzi non è in discussione”.

Interessante anche: Aumento dei prezzi di Netflix: chi è in rialzo questa volta

Gli utenti vengono pagati ora?

Come riportato da Stiftung Warentest, gli utenti interessati dall’aumento dei prezzi possono ora richiedere un rimborso da Netflix. Di conseguenza, è possibile un rimborso fino a 226 € se si annulla l’abbonamento prima del primo aumento nel 2017. Per ogni mese aggiuntivo in cui Netflix addebita il canone di abbonamento, l’azienda dovrà pagare la differenza. Per chi aveva un abbonamento premium prima del 2017 e ora deve pagare 17,99€, la differenza è di 6€. Secondo Stiftung Warentest, esiste anche un tasso di interesse del 4,12%.

Gli utenti interessati possono ora richiedere un rimborso utilizzando un modulo di lettera già pronto. Tuttavia, questo non significa che Netflix stia pagando i soldi ora. Poiché la sentenza della Corte Regionale non è ancora definitiva e Netflix ha presentato ricorso, dobbiamo attendere la decisione della Corte d’Appello di Berlino.

rigonfiamento