Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Ricercatori di Tubinga: un nuovo vaccino per la corona, soprattutto per i malati di cancro – prove

Il nuovo vaccino Corona mira a proteggere in particolare dal virus Covid-19 i malati di cancro e le persone con difetti immunitari congeniti.

È quanto hanno riferito gli scienziati di Tubinga all’incontro annuale dell’Associazione americana per la ricerca sul cancro (AACR) a New Orleans.

Corona nuovo vaccino

In un piccolo studio clinico, il preparato CoVac-1 sviluppato dai ricercatori di Tubinga ha mostrato l’effetto desiderato nel 93 per cento delle persone vaccinate: l’attivazione della risposta immunitaria ai linfociti T.

Restrizione: non è stato studiato se 14 pazienti nello studio fossero effettivamente protetti dall’infezione o da sintomi gravi con la vaccinazione.

I vaccini corona convenzionali stimolano principalmente la cosiddetta risposta immunitaria umorale nel corpo, cioè la formazione di anticorpi da parte dei linfociti B.

Tuttavia, molte chemioterapie e alcune terapie immunitarie distruggono i linfociti B, il che significa che i vaccini non funzionano bene per le persone infette. La formazione di anticorpi è disturbata anche nelle persone con difetti immunitari congeniti.

CoVac-1 deve quindi costruire principalmente l’immunità cellulare stimolata dai linfociti T.


Immunità dei linfociti T

“L’immunità mediata dai linfociti T è essenziale per lo sviluppo di una risposta antivirale protettiva e ricerche precedenti hanno dimostrato che i linfociti T possono combattere il COVID-19 anche in assenza di anticorpi neutralizzanti”, spiega Claudia Tandler dell’Università di Tubinga.

Questi si riferiscono alle vaccinazioni di 14 pazienti con anomalie dei linfociti B, inclusi 12 pazienti con leucemia o cancro ai linfonodi.

Circa due terzi dei pazienti sono già stati vaccinati con il vaccino corona approvato, ma il loro sistema immunitario non ha sviluppato un’adeguata risposta anticorpale.

Ma: 28 giorni dopo la vaccinazione CoVac-1, è stata registrata una robusta risposta dei linfociti T in 13 pazienti.

Uno studio pianificato più ampio

L'articolo non è più disponibile

Secondo la DPA, è attualmente in preparazione uno studio clinico con più pazienti.

La preparazione dei ricercatori di Tubinga è il cosiddetto vaccino a base di peptidi. Questo contiene sei diversi componenti proteici (peptidi) di Sars-CoV-2 come antigeni contro i quali il sistema immunitario costruisce una risposta dei linfociti T dopo la vaccinazione. Tra questi c’è la proteina spike, contro la quale sono diretti anche i vaccini precedentemente disponibili.

La combinazione di più proteine ​​virali in un vaccino ha lo scopo di stimolare la più ampia risposta immunitaria ai linfociti T in modo che l’effetto protettivo sia mantenuto anche in caso di mutazioni del virus.

“Per quanto ne sappiamo, CoVac-1 è attualmente l’unico vaccino candidato a base di peptidi sviluppato e valutato specificamente per le persone immunocompromesse”, afferma Julian Waltz dell’ospedale universitario di Tubinga, capo dello sviluppo del vaccino.

Si spera che questo protegga i pazienti ad alto rischio da un decorso grave di Covid 19.

READ  Marte: il rover della NASA fa un'eccitante scoperta e risolve un grande mistero