Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Responsabile delle catene di approvvigionamento di Würth: le aziende hanno reagito in modo esagerato

Responsabile delle catene di approvvigionamento di Würth: le aziende hanno reagito in modo esagerato

nSecondo Robert Friedman, presidente di Würth, la pianificazione a breve termine di molte aziende e la reazione eccessiva alla prima chiusura nel 2020 sono corresponsabili degli attuali gravi problemi della catena di approvvigionamento. Ha detto in una videochiamata con FAZ che il suo gruppo ha attraversato meglio la crisi perché la dirigenza ha agito in modo diverso nella primavera del 2020 rispetto ad altri.

A quel tempo, l’azienda, che è conosciuta come il rivenditore di viti e guadagnava con la tecnologia di assemblaggio e stabilizzazione, modificò le sue capacità, ma non iniziò l’uso dell’ascia. “Sapevamo che questo arresto non sarebbe durato per sempre”. Ecco perché i problemi della catena di approvvigionamento ora sono meno per Würth che per altri. “A nostro avviso, i cambiamenti nelle catene di approvvigionamento sono dovuti al fatto che molte aziende hanno reagito in modo esagerato”.

“Abbiamo respiri più lunghi”

Poiché Würth non è quotata in borsa, avevano un vantaggio. “La famiglia Würth è incentrata sul successo a lungo termine. Abbiamo più resistenza. E questo ha dato i suoi frutti. “Molte delle persone coinvolte avevano già vissuto la crisi dei mercati finanziari nel 2008 e da essa hanno imparato ad adattare le proprie capacità in modo meno grave. Secondo per l’azienda, traggono vantaggio anche dal fatto che è sempre più dipendente dalla propria produzione. Ciò garantisce “una certa indipendenza dalle catene di approvvigionamento globali”. L’80% delle merci di Würth proviene dall’Europa.

Il motivo della discussione è stato l’annuncio del bilancio consolidato preliminare dell’ultimo anno. L’azienda di Künzelsau, nel nord-est del Baden-Württemberg, ha stabilito valori record. Nel 2021, le vendite sono aumentate del 18,5% rispetto all’anno precedente, di quasi un quinto a 17,1 miliardi di euro, e il risultato operativo è stato di 1,2 miliardi di euro. Secondo la società, entrambi sono livelli record. Anche nel 2020 il gruppo ha registrato una leggera crescita delle vendite. Per l’anno in corso è prevista una crescita nella fascia percentuale più alta a una cifra, forse anche a doppia cifra.

READ  Il produttore a contratto Sono Motors NEVS è in vendita