Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Reporter BILD in Kazakistan: Da dove viene l’improvvisa violenza? – Politica all’estero

Per diversi giorni non c’è stato quasi nessun modo per raggiungere il Kazakistan, le frontiere terrestri sono state chiuse, i voli sono stati cancellati, Internet è stato chiuso.

I giornalisti della BILD sono ora arrivati ​​nel paese dove diverse centinaia sono state uccise, migliaia sono state ferite e oltre 10.000 sono state imprigionate nei disordini.

▶ ︎ Nur-Sultan, l’ex capitale, Astana, martedì sera: -17 gradi, il traffico è normale. Ci sono state proteste qui poco dopo il nuovo anno, ma sono rimaste pacifiche. Nessun confronto con quanto accaduto nell’ex capitale e capitale Almaty, che dista circa 1.300 chilometri.

Le persone per le strade di Nur-Sultan sono a disagio per lo sfondo dei disordini; Inoltre non hanno avuto connessione a Internet per giorni.

“Ogni giorno ci viene detto qualcosa di diverso su chi c’è dietro tutto questo …” dice Svetlana, 53 anni, commessa.

Una cosa è certa: Ne ha beneficiato in particolare il presidente del Kazakistan KassymShomart Tokayev, 68 anni, che ha anche sfruttato la crisi per cacciare il suo predecessore, l’ex presidente Nursultan Nazarbayev.

Anche dopo le sue dimissioni nel 2019, Nazarbayev era ancora considerato l’uomo più potente del Kazakistan.


Presidente del Kazakistan Tokayev (68)Foto: Joanna Giron/dpa

Tokayev ha recentemente respinto la sua posizione di capo dell’influente Consiglio di sicurezza ed ha espulso molti di coloro che gli erano vicini da posizioni importanti.

W: Il presidente ha sconfitto anche il governo durante la crisi. Martedì il Parlamento ha votato a favore di Alishan Smagilo, che già ricopriva la carica a titolo provvisorio dopo aver destituito il vecchio governo una buona settimana fa.


Il giornalista della BILD Paul Runzheimer a Nur-Sultan, la capitale del Kazakistan

Il giornalista della BILD Paul Runzheimer a Nur-Sultan, la capitale del KazakistanFoto: Evgeny Malyutka

Da dove viene l’improvvisa violenza nelle proteste?

▶ ︎ In treno per Almaty: Con 16 ore di auto, è attualmente il collegamento più veloce con Almaty perché l’aeroporto è ancora chiuso. Per le persone nella cabina del treno sulla strada per Almaty, il tema principale: da dove viene l’improvvisa violenza durante le proteste?

“Sono convinta che sia soprattutto una guerra tra le due famiglie”, dice una donna sulla cinquantina, sulla via del ritorno nella sua città natale con il figlio. Tra Tokayev e Nazarbayev. Quello che trovo crudele: il fatto che persone che hanno manifestato pacificamente sono state coinvolte, alcune uccise e molte ora in prigione”.


Daulet (30, Breakdancer)

Daulet (30, ballerino di break dance) è scappato da AlmatyFoto: Evgeny Malyutka

▶ ︎ Daulet (30, break-dancer): “Sono scappato da Almaty quando ho iniziato perché gli attacchi erano così violenti. Ora spero che si sia calmato, ma ovviamente può esplodere di nuovo in qualsiasi momento. Soprattutto mi chiedo dove tutto le armi provengono da”.


Paul Runsheimer parla con due passeggeri del treno per Almaty: Karima (21) e Ayana (23)

Paul Runsheimer parla con due passeggeri del treno per Almaty: Karima (21) e Ayana (23)Foto: Evgeny Malyutka

▶ ︎ Karima, 21 anni, e Ayana, 23 anni, erano in vacanza quando sono scoppiati disordini nella loro città: “Cerchiamo di stare fuori dalla politica perché non sai in cosa credere. Spero che le persone pacifiche possano manifestare anche in Kazakistan in futuro. “

Le proteste sono iniziate una settimana fa, quando il governo ha aumentato drasticamente i prezzi della benzina all’inizio dell’anno. Questo aumento di prezzo è stato rapidamente ritirato e il governo si è dimesso.

Poi il malcontento della popolazione si è diretto contro la leadership autoritaria del Paese. Il capo di stato Tokayev ha dato alle forze di sicurezza l’ordine di sparare ai manifestanti venerdì scorso.

Il risultato: proiettili, violenza e tanta morte!

Molte persone accusano l’élite del paese di arricchirsi, mentre la stragrande maggioranza della popolazione del paese, che conta circa 19 milioni di abitanti, rimane povera.


Il giornalista della BILD Paul Runzheimer si reca in Kazakistan

Il giornalista della BILD Paul Runzheimer si reca ad AlmatyNella foto: Paul Runzheimer

Vice Primo Ministro ora Primo Ministro

Il parlamento dell’ex Repubblica Centrasiatica a guida autocratica ha seguito la proposta del presidente Kasim Shomart Tokayev martedì ed ha eletto l’ex vice primo ministro Alishan Smailo. Sono stati nominati anche altri ministri.

Alcuni di loro erano già rappresentati nel vecchio governo che Tokayev aveva licenziato pochi giorni prima sulla scia delle proteste.

Il capo dello Stato ha anche annunciato che i primi soldati stranieri dovrebbero lasciare il Kazakistan questa settimana.


Sangue e distruzione ad Almaty

Sangue e distruzione ad AlmatyFoto: Vladimir Tretyakov / AP


La polizia antisommossa è intervenuta contro i manifestanti nelle città del Kazakistan

La polizia antisommossa è intervenuta contro i manifestanti nelle città del KazakistanFoto: Vasily Krestyaninov / dpa

Il 49enne ha ricoperto in passato la carica di vice primo ministro e ministro delle finanze per diversi anni. La formazione del nuovo governo è un altro passo di Tokayev per espandere la sua influenza nel nono paese più grande del mondo per area.

In vista delle elezioni di martedì, il governo era guidato da Askar Mamin, che è vicino al predecessore di Tokayev, Nursultan Nazarbayev.

READ  Forti temporali: decine di morti per tornado negli Stati Uniti