Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Regole più severe in Francia: 200.000 persone manifestano contro la vaccinazione obbligatoria

Regole più severe in Francia
200.000 persone protestano contro la vaccinazione obbligatoria

La Francia sta attualmente combattendo una quarta ondata di Corona. Ma ciò non impedisce a centinaia di migliaia di persone – alcune senza mascherina – di protestare contro le misure previste per contenere l’epidemia. Anche l’opposizione vuole agire contro la legge.

Continua senza sosta la protesta contro l’ampliamento del passaporto sanitario e la vaccinazione obbligatoria di alcuni gruppi professionali in Francia. A livello nazionale, più di 200.000 persone sono scese in piazza per manifestare contro regolamenti più severi. L’ultimo fine settimana, prima che fosse approvata la decisione del Parlamento sulle misure, più di 100.000 persone hanno manifestato. In totale, sabato si sono svolte manifestazioni in più di 150 città, tra cui Tolone, Montpellier, Bordeaux, Marsiglia e Nizza. Secondo il ministero dell’Interno, nella capitale, Parigi, si sono radunate più di 14.000 persone.

Alcuni manifestanti hanno paragonato i requisiti di vaccinazione all’apartheid.

(Foto: picture alliance / dpa / MAXPPP)

Le regole più severe non riguardano solo gli oppositori della vaccinazione e i negazionisti del coronavirus. Persone di ogni ceto sociale si sono mescolate alle proteste. A Parigi si sono svolte due marce di protesta per le strade. I manifestanti, tra cui molti “gilet gialli”, a volte si riferivano al governo come a una “dittatura” sui manifesti, lo accusavano, tra le altre cose, di un “attacco alla libertà” e facevano paragoni con l’apartheid, i decenni dell’apartheid del sud. Africa. La tessera sanitaria veniva talvolta chiamata “Pass nazista”.

Questa disparità e la portata delle proteste in tutto il paese stanno alimentando i timori in Francia per il nuovo movimento dei “gilet gialli” o per una rinascita delle loro proteste. Gillette Jones ha iniziato le sue proteste nel 2018 come movimento regionale contro l’aumento dei prezzi della benzina. I suoi soggetti si sono presto ampliati per criticare le politiche di riforma del governo centrista e del presidente Emmanuel Macron. Le proteste hanno portato continuamente alla distruzione e alla violenza.

Come dimostrano le foto della stampa, la maggior parte dei manifestanti non indossava maschere protettive. Più di 3.000 agenti di polizia erano in servizio, anche sugli Champs Elysees, i cui ingressi principali erano chiusi, ha riferito un fotografo all’agenzia di stampa.

L’opposizione vuole vietare la legge

Il parlamento francese ha approvato una legge per inasprire le regole di Corona domenica scorsa dopo una lunga lotta. Entra in vigore il 9 agosto e impone la vaccinazione contro il coronavirus per gli operatori sanitari, nonché per i vigili del fuoco e altri soccorritori. Contrariamente a quanto originariamente voluto dal governo, il rifiuto di vaccinare in queste professioni non è minacciato di licenziamento, ma solo di sospensione degli stipendi.

È stato inoltre deciso di ampliare il passaporto sanitario che fornisce informazioni sulla vaccinazione o su un test negativo. Per la prima volta, il test corona si applica alle persone non vaccinate nei ristoranti francesi e nei treni a lunga percorrenza, nonché nelle fiere e nelle fiere. Nei cinema, nei teatri o nei musei, dal 21 luglio devono essere effettuati i certificati di vaccinazione, infezione sopravvissuta o un test corona negativo.

L’opposizione si è rivolta al Consiglio costituzionale per vietare la legge. Il governo ha anche sottoposto la legge al consiglio per la revisione. Il Consiglio costituzionale annuncerà la sua decisione il 5 agosto, pochi giorni prima della prevista entrata in vigore.

L’85% dei pazienti COVID-19 non è stato vaccinato

250350194.jpg

Durante le proteste, persone di diverse correnti si sono mescolate, compresi i “gilet gialli”.

(Foto: picture alliance / dpa / MAXPPP)

Il ministro dell’Interno francese Gerald Darmanin ha affermato che il numero dei manifestanti dovrebbe essere messo in prospettiva. “Se si confrontano i quattro milioni di persone che sono state vaccinate a seguito del discorso del presidente, si può vedere che i manifestanti non sono la maggioranza”, ha detto Le Parisien citando Le Parisien.

In effetti, i registri delle vaccinazioni e il numero di dosi giornaliere iniettate sono aumentati drasticamente dopo l’annuncio di Macron. Circa il 62% delle persone in Francia è ora vaccinato contro il coronavirus almeno una volta. Più della metà delle persone era completamente vaccinata. Lo stato di salute resta comunque teso. Di recente, il numero di nuove infezioni ogni 100.000 persone in una settimana è stato di circa 214 a livello nazionale.

Secondo le statistiche ufficiali pubblicate venerdì, una grande percentuale di pazienti Covid-19 trattati negli ospedali francesi non è stata vaccinata: quindi circa l’85% dei pazienti Covid-19 nelle unità di terapia regolare e intensiva non ha una vaccinazione contro la corona. Inoltre, il 78% di tutti i decessi dopo aver contratto il virus non viene vaccinato. La Francia sta attualmente combattendo una quarta ondata di Corona.

READ  Netflix offre la vaccinazione obbligatoria nel gruppo