Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Rapporto di mercato: il DAX si sta dirigendo verso una forte perdita settimanale

Rapporto di mercato: il DAX si sta dirigendo verso una forte perdita settimanale


Rapporto di mercato

Stato: 23/06/2023 12:51

Le banche centrali stanno spingendo l’economia in recessione alzando i tassi di interesse? In ogni caso, il mercato obbligazionario sta inviando un forte segnale di recessione e il DAX continua ad espandersi nel suo minimo settimanale.

Alla fine della settimana, la prospettiva di tassi di interesse più elevati ha inasprito l’appetito degli investitori per le azioni. Gli investitori temono che le banche centrali possano aumentare eccessivamente i tassi di interesse. Persistono i timori di recessione. L’indice DAX è sceso a 15.811 punti nelle prime contrattazioni, ma è riuscito a limitare in una certa misura le sue perdite di prezzo fino a mezzogiorno. L’offerta settimanale su DAX è attualmente di circa il tre percento.

Tecnicamente, il DAX ha registrato un doppio fondo con minimi giornalieri ieri e oggi a 15.810/15.811 punti. Questo alimenta qualche speranza a breve termine. Tuttavia, poiché non è riuscito a raggiungere il massimo record (16.427 punti) ed è sceso sotto i 16.000 punti, il DAX ha sofferto tecnicamente.

Da un punto di vista fondamentale, sono i timori relativi ai tassi di interesse e alla recessione a pesare sui mercati azionari in questo momento. Proprio il giorno prima, il presidente della Federal Reserve statunitense Jerome Powell ha chiarito che la speculazione di alcuni partecipanti al mercato secondo cui i tassi di interesse saranno tagliati nel prossimo futuro è del tutto infondata. Al contrario, gli investitori dovranno prepararsi a nuovi aumenti dei tassi di interesse negli Stati Uniti. Anche la Banca d’Inghilterra ha alimentato i timori economici nel mercato alzando sorprendentemente i tassi di interesse il giorno prima.

I segnali negativi arrivano dai PMI di fine settimana. L’indice dell’industria e dei servizi nell’eurozona è crollato a giugno a 50,3 punti dai 52,8 punti di maggio. L’indicatore economico anticipatore, attentamente monitorato nei mercati finanziari, è rimasto appena al di sopra della soglia di crescita di 50 punti. Christoph Weil, economista di Commerzbank, ritiene che la sua valutazione abbia confermato “che l’economia nell’eurozona si contrarrà nuovamente nella seconda metà dell’anno”.

READ  Analisi della guerra elettronica - SMI - Le imprese svizzere più competitive

Sempre più investitori obbligazionari scommettono anche su una profonda recessione in Germania. La curva dei rendimenti è più invertita di quanto non lo sia stata dal 1992 e il divario tra titoli a breve e lungo termine (lo spread) si è nuovamente ampliato alla fine della settimana. Il rendimento delle obbligazioni federali a due anni è di circa il 3,3 per cento, mentre quello a 10 anni rende solo il 2,4 per cento circa. I mercati considerano una curva dei rendimenti invertita un affidabile presagio di recessione.

Anche a Wall Street è probabile che i venditori siano la maggioranza alla fine della settimana: i future sui principali indici sono evidenziati in rosso e i future sull’indice principale perdono lo 0,3%. Le perdite nei titoli tecnologici sensibili agli interessi sono più pronunciate e le prospettive per il Nasdaq 100 sono inferiori dello 0,7%.

Nel frattempo, i timori di una grave recessione economica stanno spingendo gli investitori verso il biglietto verde, che è considerato un rifugio sicuro. L’indice del dollaro è salito dello 0,7% a 103,08 cifre. Nel frattempo, l’euro, che questa settimana era temporaneamente al di sopra di $ 1,10, ha perso lo 0,9% a $ 1,0853. Il prezzo di un’oncia d’oro è aumentato dello 0,2% a $ 1918.

Le preoccupazioni per l’economia e i tassi di interesse smorzano l’umore d’acquisto degli investitori nel mercato petrolifero. All’ora di pranzo, il petrolio del Mare del Nord Brent è stato scambiato in calo dello 0,3% a 73,56 dollari al barile.

Nel DAX, la quota di Siemens Energy ha registrato una forte perdita di oltre il 30%. Il produttore di tecnologia energetica deve ritirare le sue previsioni sugli utili a causa di difetti di qualità e l’onere di miliardi nella sua controllata di turbine eoliche Siemens Gamesa. I problemi di qualità sono “molto peggiori di quanto pensassi possibile”, ha affermato Jochen Eckholt, presidente di Siemens Gamesa. Secondo Siemens Energy, i costi associati sono “probabilmente superiori a 1 miliardo di euro”.

READ  La ricompensa per l'auto elettrica è in calo e potrebbe finire nel 2023> teslamag.de

MTU, che ha costruito il motore a Monaco, ha raccolto ordini per oltre 1 miliardo di dollari al Paris Air Show. MTU ha affermato che la maggior parte degli ordini riguarda il geared turbofan (GTF), un motore per velivoli di medio raggio considerato particolarmente efficiente.

Thyssenkrupp sta vendendo le azioni della sua controllata per l’idrogeno Nucera a un prezzo inferiore al previsto quando diventerà pubblica. Saranno offerte fino a 30,3 milioni di azioni a un prezzo compreso tra 19 e 21,50 euro. Ciò corrisponde a un valore di mercato compreso tra 2,4 e 2,7 miliardi di euro. Di recente era prevista una valutazione di oltre tre miliardi di euro. La società dovrebbe debuttare alla Borsa di Francoforte il 7 luglio.

La banca d’affari statunitense Morgan Stanley ha aggiornato l’Evotec da pari peso a sovrappeso e ha alzato il suo obiettivo di prezzo da € 22 a € 29. L’analista James Quigley ha scritto in uno studio che il forte business di Amburgo e le potenziali nuove collaborazioni dovrebbero attirare nuovamente l’interesse degli investitori. Inoltre, Evotec è il migliore in Europa a beneficiare della “rivoluzione dell’intelligenza artificiale” nell’industria farmaceutica.

Una primavera fredda e piovosa ha rovinato l’inizio della stagione del giardinaggio per il gruppo Hornbach DIY Shop. Le vendite nei tre mesi da marzo a maggio sono diminuite del 2,2% a 1,77 miliardi di euro, con un utile netto di un buon terzo a 71 milioni di euro.

Nella controversia legale sull’acqua potabile contaminata causata dai cosiddetti prodotti chimici permanenti, un’altra società statunitense, la 3M, deve pagare ingenti somme di denaro. La società ha accettato di pagare fino a 12,5 miliardi di dollari con le autorità. Le società chimiche DuPont, Chemours e Corteva hanno recentemente accettato di pagare un totale di 1,2 miliardi di dollari.

READ  Partnership: azioni Porsche ancora sotto pressione: Porsche SE aumenta notevolmente i profitti - colloqui con Apple su una possibile cooperazione | newsletter

GSK ha risolto per la prima volta la controversia legale sul farmaco per lo stomaco Zantac. Tuttavia, gli inglesi accettarono in via confidenziale e quindi non menzionarono alcun importo. Negli Stati Uniti sono pendenti un gran numero di cause legali a causa dei presunti rischi di cancro di Zantac, che viene citato in giudizio per, tra l’altro, bruciore di stomaco.