Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Quando muoio lo studio trova “la prova più forte” per la tua mortalità

I segnali che i nostri corpi ci inviano non possono sempre essere spiegati con certezza. Soprattutto quando si tratta di domande relative al sonno, i ricercatori stanno ancora cercando invano risposte. Ma avrebbero potuto avvicinarsi a uno di loro. Può dirci la risposta alla domanda”.quando morirò“È più vicino.

Quando morirò? Le prove sono state scoperte nel sonno

Nell’ambito di uno studio pubblicato sulla rivista npj Digital Medicine Meta studio Decine di 55enni hanno analizzato le caratteristiche del loro sonno. La ricerca è stata condotta da Emmanuel Minot, professore di medicina del sonno alla Stanford University. Mignot e colleghi hanno analizzato i risultati di quasi 12.000 studi, ognuno dei quali riguardava un singolo individuo.

Il lavoro si è occupato principalmente del comportamento dei soggetti del test durante il sonno. Sono state prese in considerazione caratteristiche come la respirazione, il battito cardiaco e persino il movimento della mascella e delle gambe. Sulla base di questi dati, Mignot e il suo team hanno identificato un sistema per assegnare una cosiddetta “età del sonno” alle persone.

Fondamentalmente, anche le persone di diverse fasce d’età mostrano comportamenti diversi durante il sonno. Utilizzando l’apprendimento automatico, i ricercatori hanno filtrato queste sottili differenze per creare una sorta di sistema di classificazione. Ma ciò che è particolarmente interessante è che non tutti dormono in base alla loro età biologica. Quindi parte della risposta alla domanda “Quando morirò?” Può essere trovato nel sonno stesso.

Risultati principali

“La nostra scoperta principale è che la frammentazione del sonno – svegliarsi più volte durante la notte per meno di un minuto senza ricordarsene – è il più forte predittore di mortalità”, spiegato Mignot intervista a Futurity. Finora, il team è stato in grado di identificare solo una correlazione, ma non una relazione causale.

READ  Figure, mappe e disegni per la Germania e il mondo

Fino a quando non saranno anche in grado di rispondere alle restanti domande sulle interazioni e sui possibili metodi di trattamento, i ricercatori non hanno ancora il metodo giusto in questo momento. Tuttavia, studi futuri dovrebbero fare luce su questi risultati.

Le app possono aiutare

Allora quando muoio? Non riesci a trovare una risposta esatta dal tuo sonno. Tuttavia, se ti svegli molto durante la notte, questo potrebbe almeno indicare che ciò accadrà prima piuttosto che dopo. Può aiutarti a rallentare un po’ la tua vita per rendere il tuo sonno più sano. Perché lo stress gioca un ruolo importante anche nella qualità del sonno.

App per dormire come Sleep Cycle o SnoreLab Può aiutarti a monitorare il tuo sonno. L’ex ti mostra anche quando ti svegli di notte, anche se non te lo ricordi. Se noti delle irregolarità, fai uno sforzo per cambiare le tue abitudini prima di coricarti.

Fonte: la stima dell’età da studi sul sonno che utilizzano l’apprendimento profondo predice l’aspettativa di vita (2022; medicina digitale npj); futuro

La guerra infuria in Ucraina dal 24 febbraio 2022. quaggiù Puoi aiutare le persone colpite?.