Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

PS Miracle dall’Italia – Nuova Hypercar Elettrica: Pininfarina Batista Testata

BERLINO (dpa-infocom) – Finora, un quartetto di auto italiane Ferrari o Lamborghini è stato fermo in ogni tattica. Ma ora il nuovo Trump ha sbattuto.

Perché quando Pininfarina mette in circolazione in primavera la sua prima auto su strada, le cose si confondono sulla corsia di sorpasso a sud delle Alpi: 2,3 milioni, la Batista è una delle auto stradali più costose mai costruite in Italia. Data. Ma con 1400 kWW / 1912 CV, la Coupé offre una potenza significativamente maggiore rispetto alla Ferrari e Co.

Con la potenza di quattro motori

I precedenti conducenti di auto Supersportive hanno dovuto affrontare le critiche dei ambientalisti, poiché il Batista era tecnicamente strettamente correlato al Remake Nevera ed era completamente elettrico. Gli sviluppatori possono ora disporre di quanta più tecnologia di azionamento possibile senza emissioni: le batterie hanno una capacità di 120 kWh e, per prestazioni precedentemente irraggiungibili dai motori a combustione, è necessario montare quattro motori nelle vicinanze. Ruote: sono da 250 kW / 340 CV ciascuna e da 450 kW / 612 CV anteriori e posteriori. La loro coppia massima arriva a 2300 Nm e porta l’azionamento in un’altra dimensione.

Puoi davvero prenderlo. Perché quando le macchine elettriche inviano un Batista che pesa più di due tonnellate all’orizzonte ad alta velocità durante un kickdown, ti senti come un lanciarazzi. 1,9 secondi da 0 a 100 km/h per lo sprint, sette secondi a 200 km/h e oltre 350 km/h per le zampe anteriori: per il pilota meno appassionato di velocità, non c’è macchina più sorprendente di questa. .

Nella modalità “Furiosa”, Batista diventa una macchina da corsa

L’accelerazione impressionante è lontana da tutto. La dinamica di guida è più influenzata di qualsiasi altra vettura ad eccezione della Nevera poiché ogni motore può essere controllato individualmente senza indugio. Chi cambia cinque modalità di guida con nomi come “Kalma” o “Furiosa” apprezzerà la Batista in modo molto diverso: la Gran Turismo, che mantiene un’autonomia costante di 500 chilometri, lascia improvvisamente il posto all’ambiziosa hypercar. Curve.

READ  Come sarà l'Italia dopo la crisi?

Tuttavia, l’esperienza ad alta velocità è un po’ sterile. Dal momento che senti solo il rumore di alcune ventole e un rollio diviso sotto il corpo in carbonio, a molte teste di benzina mancherà il classico suono del motore. È probabile che le vibrazioni alla fine del viaggio, l’aumento della temperatura o l’odore di gomma, olio e benzina scompaiano.

L’attrezzatura digitale è più sorprendente del suo aspetto

Quando il Batista viene guidato da un altro pianeta, il suo aspetto è quasi tipico: fatta eccezione per una barra di luce continua sulla prua, l’aereo a bassa quota non è diverso dalle altre supersportive. Ma dal momento che sarà costruito solo 120 volte, sarà comunque raro.

In base alla sua fascia di prezzo, Battista propone interni con materiali di alta qualità. Sorprendentemente, la funzione è completamente digitalizzata: ci sono tre schermi a semicerchio dietro al volante, ma qui non si trovano pulsanti o interruttori. I sedili sono anche regolabili sul touch screen. Anche l’asta si apre facendo scorrere il dito.

Conclusione: interesse per le auto per la generazione E.

L’elettricità nelle auto elettriche è quasi sempre utilizzata per l’inflazione. Ma anche in un mondo in cui i SUV compatti hanno già più potenza delle normali auto sportive, la Batista raggiunge comunque il record. In una combinazione di accelerazione estrema e controllo personale di tutti e quattro i motori, offre un’esperienza di guida straordinaria. Pur non superandone le 100 copie, la supersportiva elettrica dimostra che la fine dell’era della benzina non significa guidare con emozione.

Scheda tecnica: Pininfarina Batista

Motore e azionamento: Quattro motori elettrici
Massima potenza: 1400 kW / 1912 CV
Coppia massima: 2300 nm
Autista: Trazione integrale
READ  L'Italia vuole aprire ai turisti da metà maggio
Dati di guida:
Velocità massima: Oltre 350 km/h
Accelerazione 0-100 km/h: 1,9 V
Capacità della batteria: 120 kWh
Inventario: 500 km
Emissioni di CO2: 0 g/km
Classe di emissione: kA
Classe di efficienza energetica: A+
Costi:
Prezzo base di Pininfarina Batista: 2,3 milioni di euro
Tassa di circolazione: 0 euro/anno
Dotazioni di serie importanti:
Sicurezza: Quattro airbag, carrozzeria in carbonio, fari a LED, quattro ruote motrici
Comfort: Aria condizionata automatica, pozzetto virtuale, interni in pelle, cofano del bagagliaio elettrico