Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Promuovi le pagine sui disturbi alimentari di Instagram per adolescenti

pte20211005013 media/comunicazione, medicina/benessere

La piattaforma, che è stata pesantemente criticata, ammette di non aver implementato le linee guida

Instagram: i divieti spesso possono andare avanti (Foto: Solen Feyissa, unsplash.com)

Instagram: i divieti spesso possono andare avanti (Foto: Solen Feyissa, unsplash.com)

NEW YORK (pte013 / 05.10.2021 / 10:30) – “Dovrei essere magro”, “Per sempre affamato”: questi e altri account simili hanno suggerito algoritmi di Instagram per una ragazza di 13 anni che ha mostrato interesse per la perdita di peso e la dieta . E la “CNN” ha riferito, citando il senatore Richard Blumenthal, la cui squadra ha notato questo. Tali siti che esaltano i disturbi alimentari in realtà violano le linee guida di Instagram e non dovrebbero essere consentiti, ha ammesso l’affiliato del canale di notizie Facebook.

Fan molto affamato

Il senatore Blumenthal e il suo team hanno creato l’account, presumibilmente appartenente a un tredicenne, per avere un’idea di quanto bene o male Instagram protegga i giovani da contenuti potenzialmente dannosi. Come test, hanno seguito alcune narrazioni sulle diete e quelle che esaltano i disturbi alimentari (che in realtà non sono consentiti). In breve tempo, gli algoritmi suggerivano siti sempre più simili. Per una selezione di cinque account discutibili, con i quali la CNN è passata a Instagram, la piattaforma ha confermato di aver violato le linee guida della piattaforma.

Un portavoce della società madre Facebook ha dichiarato: “Non consentiamo contenuti che promuovono o incoraggiano i disturbi alimentari e abbiamo rimosso gli account condivisi con noi perché violano queste regole”. Si sostiene che oltre alle segnalazioni degli utenti, la tecnologia viene utilizzata anche per trovare e rimuovere istantaneamente i contenuti pertinenti. Quando la CNN ha ripetuto l’esperienza di Blumenthal con il suo account demo, alla tredicenne sono stati presto presentati vari account con la parola “magro” nel nome, un termine usato per anni per glorificare i disturbi alimentari. Il movimento dell’anoressia è popolare.

READ  Corona a Monaco: la follia dell'incidente riprende il sopravvento! Queste regole del festone entrano in vigore da mercoledì

solo la punta dell’iceberg

Blumenthal ha detto alla CNN lunedì che l’esperienza del suo team mostra molto chiaramente che “le affermazioni di Facebook di proteggere i bambini o eliminare account che potrebbero metterli a rischio sono sciocchezze”. Dovrebbero rappresentare solo la punta dell’iceberg. Dopotutto, il Wall Street Journal ha lanciato delle scoperte nel settembre di quest’anno, secondo le quali Facebook dovrebbe sapere esattamente quanto danno le sue piattaforme, in particolare Instagram, possono fare alle ragazze in particolare, ma forse non molto per avidità.

(Fine)