Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Processo a Los Angeles: Britney Spears crolla in lacrime in tribunale – gente

La famosa pop star che non riesce a smettere di piangere…

L’emergere di un processo incredibilmente emotivo di Britney Spears (39)!

In una controversia sulla sua tutela, in vigore dal 2008, la cantante ha testimoniato mercoledì in tribunale a Los Angeles – e come.

Nella sua supplica di dieci minuti, Britney racconta quanto ha sofferto per la tutela di suo padre. Ti senti minacciato e hai paura di lui: “Sono qui per scappare da mio padre. Mi sento minacciato e non dovrei essere minacciato. Avevo paura di mio padre”.

Interpretata in aula, Britney sembra così nervosa e legge il suo copione pre-abbozzato così velocemente che il giudice deve interromperla due volte perché il registratore non riesce a tenere il passo con il messaggio.

Poi crolla!

Britney interrompe la sua supplica. Piangere, scoppiare in lacrime. Non riesce a calmarsi per un minuto. La famosa regina del pop sul pavimento, c’è silenzio nella sala.

Alla fine, ha concluso la sua supplica con le ultime forze e ha detto con parole in pausa: “Voglio tornare nel mondo reale. Questo è tutto”.

Prima di allora, Britney ha causato molta confusione.

Il tribunale di Los Angeles aveva accolto la sua richiesta di nominare il suo avvocato: un successo per lei e finalmente un po’ di autodeterminazione!

Il suo avvocato di lunga data, Sam Ingham, che in precedenza la rappresentava, aveva recentemente chiesto di essere liberato dal suo incarico. Il cantante è ora rappresentato dal famoso avvocato Matthew Rosengart.

Straniero: Britney ha inviato un messaggio chiedendo il suo rilascio dall’aula per la sua testimonianza. Non il suo nuovo avvocato, ma il suo vecchio avvocato.


L’avvocato di Britney Rosengart ha già lavorato con clienti come Sean Penn e Steven SpielbergFoto: Chris Pizzello/The Associated Press

Quando le è stato chiesto perché non ha contattato il suo nuovo avvocato, Rosengart, ha risposto: “Mi dispiace di averti scritto (Sam Ingham). Non ho avuto contatti con Matthew Rosengart. Non ho tenuto il suo numero di cellulare nel mio telefono”.

Il motivo per cui Britney ha voluto lasciare la stanza non è chiaro. Quando il giudice chiede buone ragioni e fa notare che si tratta di un’udienza pubblica, Britney è d’accordo!

“Va tutto bene. È una mia decisione, non c’è bisogno di lasciare la stanza”, ha detto il cantante.

La sessione termina tra due ore. La prossima sessione è il 29 settembre alle 13:30 ora locale.

Tre settimane fa, la Spears ha convocato un’udienza per porre fine alla custodia della sua persona e del suo denaro. Sente che la sua famiglia e i suoi dirigenti si sono approfittati di lei. È controllata da tutti e non può definire la sua vita.


Molti sostenitori di Britney si sono riuniti davanti al tribunale di Stanley Musk a Los Angeles

Molti sostenitori di Britney si sono riuniti davanti al tribunale di Stanley Musk a Los AngelesFoto: Mario Anzoni/Reuters

Dopo che la cantante è crollata mentalmente a causa di problemi professionali e personali, nel 2008 un tribunale ha deciso di trasferire la tutela a suo padre. Da allora, James Spears è stato in grado di gestire la fortuna della sua famosa figlia e altre preoccupazioni. Successivamente, un fiduciario finanziario e un’altra persona sono stati nominati co-custodi.

Molte celebrità e fan hanno espresso il loro sostegno al cantante con l’hashtag “#FreeBritney”. Centinaia di fan sono scesi in piazza mercoledì a Los Angeles, Washington e in altre città, chiedendo la libertà della Spears con canti e poster.

READ  Meghan Markle: l'ex staff di Palace ha il "Sussex Survival Club"