Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Primo processo per atrocità: ergastolo per i soldati russi

Stato: 23/05/2022 13:24

Un soldato russo è stato condannato all’ergastolo nel primo processo per crimini di guerra in Ucraina. Aveva confessato di aver sparato a un civile disarmato. Il suo avvocato intende ricorrere in appello.

Un soldato russo è stato condannato all’ergastolo nel primo processo per crimini di guerra in Ucraina. Il tribunale di Kiev ha ritenuto che fosse accertato che la petroliera di 21 anni ha ucciso a colpi di arma da fuoco un civile di 62 anni nella regione di Sumy. Questo è stato il primo processo per le atrocità russe in Ucraina.

Secondo la corte, il crimine è avvenuto il 28 febbraio nel villaggio di Chubakivka, a circa 60 chilometri a sud-ovest della città di Sumy. Secondo gli investigatori ucraini, il convoglio del soldato russo è stato precedentemente attaccato e respinto.

Il 21enne siberiano ha confessato il delitto. Un superiore gli ha ordinato di sparare all’ucraino perché stava parlando al cellulare. Il presidente ha detto che potrebbe trasferire le posizioni dei soldati russi alle forze ucraine. Il soldato ha spiegato di avergli sparato alla testa.

Un soldato ha chiesto perdono a una vedova

In tribunale ha chiesto la grazia alla vedova della vittima. Nel suo discorso conclusivo, ha detto: “Sono così dispiaciuto, così dispiaciuto per questo. Non ho rifiutato e sono pronto ad accettare qualsiasi misura che verrà imposta”.

Il verdetto non è ancora definitivo: l’avvocato dell’imputato dice di volersi appellare. Ha chiesto l’assoluzione del soldato perché il soldato aveva eseguito un ordine e si è detto non preparato al “violento confronto militare” e alle massicce perdite subite dall’esercito russo.

READ  Consegne di armi in Ucraina: l'Estonia fa pressione sulla Germania

Il condannato può essere scambiato

Poco prima dell’annuncio del verdetto, il Cremlino ha affermato che Mosca stava cercando modi per aiutare gli accusati. “Naturalmente siamo preoccupati per il destino dei nostri compatrioti”, ha affermato il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov, citato dall’agenzia di stampa Interfax.

È probabile che l’uomo venga scambiato con prigionieri ucraini in Russia. Come l’Ucraina, la Russia ha catturato molti soldati.