Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Primarie in Georgia: la lunga ombra di Donald Trump


Rapporto

Stato: 24/05/2022 03:02

Donald Trump sta ora affrontando la sua più grande battuta d’arresto politica dalla sua sconfitta alle elezioni del 2020, nello stato della Georgia. Lì, gli elettori decidono chi dovrebbe candidarsi come candidato repubblicano alla carica di governatore.

Scritto da Sebastian Hess, ARD Studio Washington

L’autista di un autobus color melanzana deve girare leggermente il volante per manovrare il suo enorme veicolo in un piccolo parcheggio all’incrocio di due autostrade nella contea di Putnam, in Georgia. “KEMP” è scritto in maiuscolo sull’autobus.

Sebastian Hess
ARD Studio Washington

Il governatore della Georgia Brian Kemp ha interrotto una campagna elettorale qui nella campagna di Eatonton. Kemp assomiglia all’attore di Hollywood Nick Nolte. Indossa pantaloni chino e camicia da boscaiolo, scende dall’autobus, saluta il leader repubblicano locale, gli stringe la mano e posa per i selfie. Quattro anni fa, l’imprenditore e il cambio di carriera in politica ha sorprendentemente sconfitto l’emergente candidato democratico, Stacey Abrams.

Kemp ha preso il posto di Trump

Kemp è popolare in Georgia. Uno viene rieletto. Ma il 58enne si è fatto un potente nemico. Dopo le elezioni presidenziali del 2020, Kemp e il ministro dell’Interno Brad Ravensberger si sono rifiutati di manipolare i risultati delle elezioni in Georgia a favore di Donald Trump.

In una telefonata rilasciata, Trump ha esortato i suoi amici di partito a guadagnarsi in qualche modo altri 11.780 voti. È questo che mi manca vincere in Georgia. Kemp e il suo commissario elettorale hanno resistito. In Georgia, l’ufficio del procuratore generale sta ora indagando su Trump sospettato di aver tentato di truccare le elezioni.

READ  La Grecia si arma: combattenti francesi contro la Turchia

Repubblicani in una lotta di coscienza

L’uomo che è stato umiliato in Georgia ha scelto Brian Kemp come suo intimo nemico. Né è apparso in pubblico senza che Trump rimproverasse Kemp con disprezzo nella sua voce, definendolo una “vergogna”, un “codardo” e un “disastro”. A Eatonton, Kemp evita deliberatamente di menzionare Trump o il suo preferito, David Purdue. Ecco una strategia: Kemp è popolare e preferisce parlare di successi passati e sfide future con un forte accento del sud.

I suoi ascoltatori lo ringraziano per questo, perché sono in una lotta di coscienza. “Non so cosa pensare di questo”, dice Jodi Rodgers, “perché in realtà sono un grande fan di Trump!” Rodgers indossa la maglia di Kemp e vuole rieleggere il governatore e piange la perdita della presidenza Trump.

Billy Webster, il leader repubblicano nella contea di Putnam, alza le spalle. “Trump è ancora molto impressionante”, dice l’uomo con i baffi arricciati, “ma è lì che è completamente perso!” Tutti i sondaggi indicano una vittoria schiacciante per Kemp sul rivale sponsorizzato da Trump David Perdue.

L’incumbent deve la sua popolarità a mosse intelligenti: quando i prezzi dell’energia sono esplosi, Kemp ha concesso agli elettori uno “sgravio fiscale sul gas” – sospendendo la tassa sugli oli minerali fino alla fine di maggio, dopo le primarie. È così che si vince un’elezione, afferma Bill Nygot della Georgia Public Radio, che da decenni segue le elezioni in America: “Il sostegno di Trump è solo uno dei tanti fattori che determinano un’elezione”.

Un paese tradizionalmente conservatore con un improvviso spostamento a sinistra

Un cambio di scenario: due ore di macchina a nord-ovest di Eatonton, a Woodstock, arrivano al Semper Fi Bar and Grille. I partecipanti alla preghiera sono grati di vivere in un paese libero con libere elezioni. Semper Fi prende di mira principalmente i veterani delle forze armate statunitensi. La sede in stile salone è decorata con uniformi, immagini di operazioni militari e poster di reclutamento dell’esercito e di altre milizie.

READ  L'attacco a Erpin: "Non si sa mai con i russi. Non hai buone maniere"

Il rivale di Trump Kemp, David Purdue, arriverà qui tra pochi minuti. Fino a un anno fa, Perdue è stato senatore della Georgia al Congresso degli Stati Uniti. Ma poi lo stato meridionale tradizionalmente conservatore si è spostato sorprendentemente a sinistra: i repubblicani della Georgia hanno perso non solo le elezioni presidenziali, ma anche due seggi al Senato. Un disastro per la festa.

La menzogna della frode elettorale è ancora attraente

I tentativi di Trump di aggirare la sconfitta sono falliti e da allora la sua campagna contro Brian Kemp non è solo proseguita. Trump ha esortato David Purdue, uno dei primi sostenitori delle accuse di frode elettorale, a candidarsi per Kemp. Ha speso $ 2,6 milioni per la sua campagna, un record, più di qualsiasi altro candidato per la stagione primaria.

Kyle Reed, che sta aspettando Perdue a “Semper Fi”, pensa che sia assolutamente vero. “Brian Kemp non ha fatto quello che ci si aspettava da lui, avrebbe potuto impedire il furto delle elezioni di Trump!”, dice Kyle.

La sua vicina, Elaine Guarino, è d’accordo. È anche triste per la perdita del presidente. Eileen chiede: “Questo significa che voglio passare il mio tempo libero con Trump?” “No! È arrogante, un vero idiota, ma è un grande uomo d’affari!” Nella migliore delle ipotesi, Ronald Reagan ha fatto tanto per il Paese quanto Trump.

Polling con effetto segnale?

Kyle ed Elaine hanno già votato per posta: per David Purdue. Naturalmente conosci i numeri del sondaggio del povero 72enne. Ammettono che la sua campagna a tema unico si concentra fortemente sul passato: sulla presunta frode elettorale e sulla vendetta di Trump contro Kemp.

READ  "Impreparati alla realtà": Weber vede il problema dell'Unione Europea nell'incidente di "Sauvage"

I sostenitori di Purdue sono rimasti inorriditi dalla recente interferenza dell’ex vicepresidente Mike Pence nelle primarie. Pence è intervenuto con la voce chiara di Brian Kemp: l’espressione più visibile della sua faida con il suo ex capo, Trump. “Sono deluso per un centesimo, sono molto deluso”, ammette David Purdue.

Pertanto, il voto in Georgia è stato a lungo oscurato dalla lotta per il potere del Partito Repubblicano. I sostenitori di Trump guardano ancora una volta alla Georgia con apprensione. I critici di Trump sperano che la prevista vittoria di Brian Kemp invii un forte segnale al partito che opporsi a Donald Trump non è un suicidio politico.