Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Pressioni illegali su MP: Ex consigliere: Trump voleva “rubare la democrazia”

La pressione della malavita è illegale
Ex consigliere: Trump voleva “rubare la democrazia”

In un modo senza precedenti, l’ex presidente degli Stati Uniti Trump ha cercato di aggirare la sua sconfitta alle elezioni del 2020. Ha sottoposto a tremende pressioni il suo vicepresidente Pence. Anche gli ex consiglieri di Pence e Trump ora lo stanno condannando. Si parla del pericolo di una “rivoluzione” e di una “crisi costituzionale”.

Gli ex consiglieri del governo degli Stati Uniti hanno affermato che i tentativi dell’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump di esortare il vicepresidente Mike Pence a ribaltare il risultato elettorale erano illegali. Il consigliere di Pence all’epoca, Greg Jacob, ha detto in un’audizione presso la commissione d’inchiesta sull’attacco del Campidoglio degli Stati Uniti che un’ampia revisione all’epoca ha concluso che “non c’erano basi ragionevoli per concludere che il vicepresidente avesse tale autorità”.

Il giudice in pensione Michael Luttig, il cui consiglio Pence ha cercato sulla questione, ha affermato che se Pence avesse ascoltato la richiesta di Trump in quel momento, avrebbe precipitato l’America in una “rivoluzione” e in una “crisi costituzionale”. In una dichiarazione scritta, ha detto, Trump ei suoi alleati sanno benissimo che ha perso le elezioni presidenziali del 2020. Tuttavia, hanno affermato di aver vinto le elezioni e hanno cercato di invertire il risultato. Il “piano traditore” era di “rubare la democrazia americana”.

Il comitato ha mostrato di nuovo le registrazioni video di precedenti interviste con i testimoni, poiché i consiglieri di Trump all’epoca hanno anche respinto la teoria secondo cui Pence avrebbe potuto deviare la sconfitta elettorale di Trump attraverso un’azione formale del Congresso. Eric Hirschman, un ex vice di Trump alla Casa Bianca, ha definito la teoria “assolutamente folle”. All’epoca disse a uno dei consiglieri di Trump, John Eastman, che promosse questa idea: “Sei matto?”. Eastman ha anche avvertito che avrebbe “causato rivolte nelle strade”.

Diverse persone sono state uccise quando hanno preso d’assalto l’edificio del parlamento

Il 6 gennaio 2021, i sostenitori dell’allora presidente repubblicano Trump hanno preso d’assalto il Parlamento a Washington. Il Congresso degli Stati Uniti si è riunito lì per confermare ufficialmente che lo sfidante democratico di Trump, Joe Biden, aveva vinto le elezioni. La folla violenta voleva impedirlo. Diverse persone sono state uccise nell’attacco. A quel tempo, Pence presiedette una sessione del Congresso come vicepresidente, un compito puramente cerimoniale dal punto di vista legale. Trump aveva precedentemente invitato pubblicamente il suo vicepresidente a sospendere la misura, per aiutarlo a vincere le elezioni in seguito.

Poco prima di prendere d’assalto il Campidoglio degli Stati Uniti, Trump ha ancora una volta incitato i suoi sostenitori a una manifestazione che gli era stata rubata la vittoria elettorale. Ha anche incitato apertamente i suoi sostenitori contro Pence. A quel tempo, stavano cercando il vicepresidente nell’edificio, che chiamavano un traditore e minacciavano l’esecuzione perché non aveva impedito la conferma di Biden.

Il commissario capo per l’inchiesta democratica Benny Thompson ha elogiato la posizione di Pence. “Ha resistito sotto pressione”, ha detto Thompson. “Sapeva che era illegale. Sapeva che era sbagliato.” Il paese può considerarsi fortunato perché il vicepresidente è stato così coraggioso. “Quel coraggio lo mette in tremendo pericolo.” “Il 6 gennaio, la democrazia è arrivata pericolosamente vicina al disastro”, ha avvertito Thompson.

READ  Vertice di Versailles: una svolta nella storia dell'Unione Europea