Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Potenziale nuovo bersaglio terapeutico – pratica di guarigione

Demenza: scopri il legame tra le proteine ​​e il morbo di Alzheimer

malattia Alzheimer Non può ancora essere curato. Tuttavia, soprattutto nelle fasi iniziali e intermedie, i farmaci e i metodi di trattamento non farmacologico possono aiutare a mantenere le prestazioni della memoria il più a lungo possibile e alleviare gli effetti collaterali. I ricercatori ora ne hanno uno nuovo Punto di partenza per Trattamenti per l’Alzheimer ho trovato.

Alzheimer È la forma più comune di demenza. Il trattamento di questa malattia, che non è ancora guarita, è stagnante nonostante un significativo aumento delle conoscenze negli ultimi anni e lo sviluppo di nuovi farmaci. Ora i ricercatori hanno scoperto un nuovo potenziale bersaglio terapeutico. I risultati del loro studio sono stati pubblicati sulla rivista “naturarilasciato.

L’impatto è stato finora sottovalutato

Come in streaming Messaggio Presso il Centro tedesco per le malattie neurodegenerative (DZNE), la proteina Medin si deposita anche nei vasi sanguigni del cervello dei malati di Alzheimer insieme alla proteina amiloide. Gli scienziati di DZNE hanno scoperto questo cosiddetto co-assemblaggio.

“Sebbene Medin sia noto da circa 20 anni, il suo impatto sulle malattie non è stato sottovalutato fino ad ora. Siamo stati in grado di dimostrare che i cambiamenti patologici nei vasi sanguigni dei malati di Alzheimer sono stati notevolmente aumentati da Medin”spiega il responsabile dello studio Il dottor Jonas Nir Dal sito Web di Tubinga di DZNE.

Nel Studio a lungo termine Hanno partecipato anche l’Istituto Hertie per la ricerca clinica sul cervello di Tubinga, l’Università di Tubinga e altre istituzioni internazionali e partner di cooperazione.

Gli aggregati si depositano anche nei vasi sanguigni

Secondo le informazioni, Medin appartiene al gruppo amiloide. Tra queste proteine, l’amiloide-beta è meglio conosciuta perché si aggrega nel cervello delle persone con malattia di Alzheimer. Queste masse vengono poi depositate come placche non solo nel tessuto cerebrale, ma anche nei suoi vasi sanguigni, danneggiando il cervello. cellule nervose o vasi sanguigni.

Quindi, mentre molti studi si sono occupati dell’amiloide-beta, finora Medin non è stata al centro dell’attenzione. “C’erano poche prove di patologia, nessuna scoperta clinicamente evidente Connessione Con Medin – e questo è spesso un prerequisito per uno studio più dettagliato dell’amiloide “Secondo Nir.

Infatti, Medin si trova nei vasi sanguigni di quasi tutti gli over 50, rendendola la più comune di tutte le amiloidi conosciute. Neher e il suo team hanno originariamente scoperto che Medin si sviluppa in topi anziani ed è stato riportato due anni fa nella rivista “PNASsu questa scoperta.

Più invecchiavano, più Medin si accumulava nei vasi sanguigni del cervello dei topi: questa era la scoperta all’epoca. E quando il cervello diventa attivo e altro ancora Riserva di sangue Necessario, i vasi contenenti depositi di Medin si espandono più lentamente di quelli senza Medin.

Questa capacità di espansione è importante per ottenere il massimo dal cervello ossigeno e fornire nutrienti.

Pochi ricercatori lavorano a Medin

per te risultati recenti I ricercatori hanno costruito su questa base e hanno esaminato specificamente il morbo di Alzheimer.

Utilizzando modelli murini di Alzheimer, sono stati in grado di dimostrare che Medin si accumula di più nei vasi sanguigni del cervello se ci sono anche depositi di beta-amiloide. Anche i risultati corrispondenti possono essere tessuto cerebrale È stato scoperto da donatori di organi con demenza di Alzheimer.

Tuttavia, se i topi fossero stati geneticamente modificati in un modo che Medin non avrebbe potuto formare, ce ne sarebbero stati molti di meno Depositi di amiloide-beta Quindi significativamente meno danni ai vasi sanguigni.

“Ci sono solo pochi gruppi di lavoro in tutto il mondo che lavorano a Medin”.Nir spiega. Uno studio precedente condotto negli Stati Uniti ha recentemente descritto che il livello di farmaci nei malati di Alzheimer è in aumento. Tuttavia, non è chiaro se questa fosse solo una conseguenza della malattia o se fosse uno dei fattori le ragioni ha udito.

“Ora siamo stati in grado di dimostrare in diversi studi che Medin promuove la malattia vascolare in modelli di malattia di Alzheimer”.Nir dice. Quindi i depositi di Medin sono in realtà un motivo per rovina dai vasi sanguigni. “Questa è un’indicazione che è una delle cause della malattia”.Secondo lo scienziato.

Speriamo di sviluppare un possibile trattamento

Nei loro studi, i ricercatori hanno colorato sezioni di tessuto di topi e malati di Alzheimer in modo da rendere visibili alcune proteine. Ciò ha permesso loro di dimostrare che Medin e amiloide si depositano insieme nei vasi sanguigni del cervello. co-localizzazione è il termine tecnico per esso.

Con ulteriori esperimenti, gli esperti sono stati in grado di dimostrare nella fase successiva che anche queste due amiloidine si aggregano, cioè Gruppi misti aspetto esteriore. “Sorprendentemente, Medin interagisce direttamente con l’amiloide – e ne promuove l’aggregazione – questo era completamente sconosciuto all’epoca”.Nir dice.

Questo è esattamente ciò su cui si basavano i ricercatori pieno di speranza sviluppare un possibile trattamento. Hanno concluso, “Meden potrebbe essere un bersaglio terapeutico per prevenire il danno vascolare e il declino cognitivo derivante dall’accumulo di amiloide nei vasi sanguigni del cervello”.

Nei circoli di esperti, è indiscutibile che le cause del morbo di Alzheimer non sono solo grumi di beta-amiloide nel tessuto cerebrale, ma anche cambiamenti vascolari, cioè una funzione ridotta o rovina dai vasi sanguigni.

Anche se durante il trattamento non solo placche da attacchi Vengono presi, così come i vasi sanguigni interessati, e questo può aiutare il paziente.

Nella fase successiva, è ora necessario chiarire se gli aggregati di Medin che si sono già formati possono essere rimossi terapeuticamente e se questo intervento ha effettivamente un effetto su prestazioni della memoria lei ha.

Gli scienziati vogliono prima testarlo su modelli murini, perché quelli sono i modelli di malattia i cambiamenti Si riflette molto bene nei malati di Alzheimer. (anno Domini)

Autore e informazioni sulla fonte

Questo testo è conforme ai requisiti della letteratura medica specializzata, delle linee guida mediche e degli studi attuali ed è stato verificato da professionisti medici.

Fonti:

  • Centro tedesco per le malattie neurodegenerative: trovato un nuovo punto di partenza per le terapie di Alzheimer, (accesso: 19 novembre 2022), disponibile qui. Centro tedesco per le malattie neurodegenerative
  • Jessica Wagner, Caroline Degenhardt, Marilyn Veit, Nikolaos Loros, Katerina Constantoulia, Angelos Skoudras, Catelyn Wilde, Bing Liu, Ulrike Obermuller, Vikas Bansal, Anupriya Dalmia, Lisa M. Hassler, Marius Lamberts, Matthias D.V. Gillian Madden, Deborah Kronberg-Versteig, Regina Federle, Domenico del Turco, K. Peter R. Nelson, Tamarine Lashley, Thomas Deller, Marla Gering, Larry C. Walker, Peter Heutink, Frederic Russo, Joost Chemkowitz, Matthias Joker e Jonas Gehr : Medien si accumula con l’amiloide-beta vascolare nella malattia di Alzheimer; In: Natura (pubblicato: 2022-11-16), natura
  • Caroline Degenhardt, Jessica Wagner, Angelos Skoudras, Michael Candlech, Anna Julia Kopelman, Caitlin Wilde, Rochica Maxwell, Carola Rottermund, Felix von Zuiddorf, Christian Johannes Glockner, Hannah A. Davies, Jillian Madin, Domenico del Turko, Regina Federle, Tamarin, Thomas Diller, Philip Kahle, Jasmine K. Hifendahl, Matthias Joker e Jonas J. In: PNAS (Pubblicato: 08.09.2020), PNAS

nota importante:
Questo articolo contiene solo consigli generali e non deve essere utilizzato per l’autodiagnosi o il trattamento. Non può sostituire una visita dal medico.

READ  La caduta da un letto a soppalco è la causa più comune