Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Possibili nuovi aiuti statunitensi a Kiev: il gioco di prestigio di Trump dà speranza all'Ucraina

Possibili nuovi aiuti statunitensi a Kiev: il gioco di prestigio di Trump dà speranza all'Ucraina

Possibili nuovi aiuti americani a Kiev
Il gioco di prestigio di Trump dà speranza all’Ucraina

Di Roland Peters, New York

Ascolta il materiale

Questa versione audio è stata creata artificialmente. Maggiori informazioni | Invia la tua opinione

I repubblicani al Congresso degli Stati Uniti stanno negoziando da mesi per fornire maggiore sostegno militare all’Ucraina. Hanno poi consentito che venissero lanciati pacchetti di aiuti su richiesta di Donald Trump. Ma ora c’è un modo per i partecipanti di salvare la faccia.

C’è qualcosa di emozionante nel duello a distanza sulla guerra in Ucraina. Da mesi il presidente americano Joe Biden sollecita il Congresso ad approvare nuovi aiuti militari. I repubblicani alla Camera dei Rappresentanti bloccano da mesi la legislazione su richiesta dell’ex presidente Donald Trump. Ora Mike Johnson, portavoce dei conservatori della Camera, ha annunciato che agirà “secondo la volontà della Camera” e porterà in votazione il pacchetto di aiuti. I repubblicani stanno “considerando tutte le diverse opzioni”. Tuttavia, secondo i media statunitensi, prima della fine del mese non si voterà sui nuovi aiuti di cui l’Ucraina ha urgente bisogno. Anche il Senato dovrà approvare.

I contrasti politici interni dell’alleato più potente incidono sulla situazione bellica nell’Europa dell’Est. Kiev e i soldati ucraini aspettano da tempo notizie dell’ultima ora da Washington che potrebbero dare loro nuova speranza nella loro guerra difensiva contro la Russia. C’è carenza di munizioni e, senza il sostegno degli Stati Uniti, l’Ucraina non può difendere il proprio territorio nonostante tutti gli sforzi dei suoi alleati europei.

L'attesa è snervante. Il semplice fatto che Johnson stia ora annunciando il movimento è un enorme passo avanti. I negoziati tra i gruppi di interesse al Congresso sono in corso da novembre. Niente nuovi soldi per Kiev. I due pacchetti di aiuti approvati dal Senato con ampie maggioranze bipartisan erano già sul tavolo di Johnson, ma lui non li ha mai messi ai voti, dichiarandoli così morti.

Per Biden, l’Ucraina è il primo tassello che potrebbe decidere non solo il conflitto tra Occidente e Russia, ma anche tra democrazie e regimi autoritari. I repubblicani comprendono l’urgenza e molti di loro lo affermano essi stessi. Ma perché non fare campagna per novembre in arrivo? “Nessuno vuole che Vladimir Putin faccia ciò che vuole”, ha detto mercoledì Johnson, “sono dell’opinione che non si fermerà in Ucraina e attraverserà l’Europa”.

Tattiche di campagna elettorale e accumulazione di asilo

Per approvare il primo pacchetto di aiuti, i repubblicani hanno già negoziato con i democratici nuove misure per la situazione nel Sud. Storicamente, molti migranti vengono arrestati vicino al confine con il Messico. L'anno scorso sono stati registrati 2,5 milioni di passaggi al di fuori dei valichi ufficiali. Non c'era altro. I repubblicani volevano controlli più severi, barriere di confine più forti e più personale. I democratici si sono mostrati più accomodanti che mai e hanno chiesto, tra le altre cose, un tetto massimo di 1,8 milioni di trasferimenti all’anno.

Mike Johnson, il presidente della Camera repubblicana, ora vede una via da seguire

Mike Johnson, il presidente della Camera repubblicana, ora vede una via da seguire

(Foto: Imago/Abacapress)

All’ultimo minuto hanno lasciato che le trattative alla Camera dei Rappresentanti fallissero. Johnson si era sottomesso alla volontà di Trump, rendendo evidente la sua influenza sui repubblicani. Con l’avvicinarsi di novembre, il candidato presidenziale designato e rivale di Biden sfrutterà ogni crisi per presentarsi come un potenziale salvatore. Johnson non ha messo ai voti un altro pacchetto del Senato, comprendente 60 miliardi di dollari in nuovi aiuti militari.

Chiunque arrivi sul suolo americano può chiedere asilo. Ogni anno ne vengono approvati circa il 30-40%. Ma attualmente l’elaborazione richiede circa sei anni, durante i quali le persone rimangono negli Stati Uniti. Più di un milione di candidati sono in attesa di una decisione. Trump voleva impedire qualsiasi cambiamento effettivo al confine meridionale, cosa che Biden avrebbe potuto presentare come un successo durante la campagna.

Ora, Johnson e altri influenti membri del Congresso hanno espresso la speranza che si possa intervenire sugli aiuti all’Ucraina, indipendentemente dalla questione dei confini. E con un trucco politico: Trump ha sperato durante il fine settimana che gli aiuti militari potessero essere dichiarati come prestiti senza interessi senza obiettivo di rimborso. “Date loro i soldi, e se possono restituirli, li ripagheranno”, ha detto. Una volta annunciata la nuova rinuncia agli aiuti da parte di Trump, anche i repubblicani della Camera si sono mossi.

La priorità è il confine meridionale

Farebbe differenza se gli Stati Uniti non insistessero affatto sul pagamento? Forse non per Kiev, ma per i repubblicani e Trump. Attacca i suoi seguaci in ogni occasione dicendo che l’economia sta andando male e che i prezzi sono alti. È difficile per i repubblicani giustificare contemporaneamente decine di miliardi di dollari “regalati” per una guerra in un continente lontano senza fine in vista.

Una stretta maggioranza di elettori repubblicani ritiene che gli Stati Uniti dovrebbero semplicemente restare fuori dai conflitti internazionali, e i membri della Camera dei Rappresentanti si candidano alla rielezione ogni due anni. I tuoi colleghi di partito al Senato hanno una libertà politica molto maggiore. Il loro mandato dura sei anni. Inoltre, i democratici sono in maggioranza e possono programmare le votazioni.

Mentre Johnson ha ora mostrato un percorso con cui tutti i gruppi di interesse possono convivere, lui e gli altri alleati di Trump hanno chiarito le loro priorità: vogliono innanzitutto garantire i finanziamenti per il confine meridionale, che fa parte del bilancio del Dipartimento per la Sicurezza Nazionale. – E quindi una parte di se stesso, come la gomma da masticare nella disputa sul bilancio al Congresso. Pertanto Johnson ha dichiarato: in primo luogo metterà ai voti il ​​bilancio. Poi potrà occuparsi del pacchetto di aiuti d’emergenza per Kiev. I soldati in trincea hanno bisogno di pazienza.

READ  L’Ucraina chiarisce: l’industria della difesa dell’UE è in “grave difficoltà”