Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Pogacar e Vingegaard propongono spettacoli itineranti in Italia – bici da corsa

Pogacar e Vingegaard propongono spettacoli itineranti in Italia – bici da corsa

Jonas Vingegaard (a sinistra) e Tadej Pogacar (a destra) hanno presentato una lotta emozionante. © ANSA / Bernard Babon / Poole

Come scatenato, Tadej Pogacar ha intrapreso il ripido percorso verso la Chiesa del Pellegrinaggio di San Luca ma non è riuscito a scrollarsi di dosso il suo grande rivale, Jonas Wingegaard. Il primo scambio di colpi tra le due stelle del ciclismo in terra italiana non ha avuto successo, ma fa ben sperare in una grande battaglia al 111° Tour de France.

Bocagar è attualmente in maglia gialla dopo aver sostituito il francese Romain Bardet nella classifica generale dopo 199,2 chilometri con temperature di oltre 30 gradi a Bologna.

La vittoria di giornata è andata al francese Kevin Voeglin, che ha mostrato grande resistenza in un folto gruppo in fuga e ha regalato alla Grande Nation la sua seconda vittoria di tappa nel secondo giorno.

Ma Bocacar e Wingegard sono in una lega a parte, come dimostrato dalla prima salita. Entrambe le stelle hanno respinto i dubbi sulla loro forma fisica. A Bocacar, il corona virus non ha lasciato traccia due settimane fa, e Wingegard, che non corre da una grave caduta nei Paesi Baschi all’inizio di aprile, sembra essere tornato in forma in tempo.

Bhogar in modalità offensiva

Questo è il primo mini-spettacolo del 111° tour. Con una lunghezza di 1,9 chilometri e una salita mediamente ripida del 10,6%, sono state necessarie due traversate, Bhogar è entrato in modalità attacco. Il tedesco Primos Roglic della Red Bull, così come il co-favorito Remko Evenboel, non sono riusciti più a seguirlo, anche se lo sloveno aveva un bel ricordo della scalata al santuario della Madonna con i suoi impressionanti 666 colonnati. Nel 2019 Roglic ha vinto qui la cronometro di apertura del Giro.

Almeno Evenepoel è riuscito a riconquistare la discesa, portandosi secondo assoluto. Wingegard è terzo. Ma tutte e tre le stelle allo stesso tempo. Roglik è indietro di 21 secondi.

Kevin Voeglin ha vinto la seconda tappa del tour. © ANSA/GUILLAUME HORCAJUELO

Già sabato Bocacar, che avrebbe potuto essere il primo ciclista professionista dopo Marco Pantani nel 1998 a realizzare la doppia impresa di Giro d’Italia e Tour, aveva “provato un po’ le gambe” nella salita e nella discesa verso Rimini , ma mancato. Primi secondi bonus al quarto posto. Il verdetto di Bokker è che la piattaforma non è abbastanza difficile da creare confusione. La star veterana di lunga data Mark Cavendish non ce la fa.

Con 39 minuti di deficit, l’ex campione del mondo nel frattempo era assente dal periodo di attesa dopo aver vomitato. Domenica ha concluso ancora una volta molto indietro.

Cavendish guardò le stelle

Gli automobilisti hanno dovuto affrontare ancora una volta difficoltà a causa del sole cocente. Come il giorno precedente, il termometro segnava talvolta temperature superiori ai 30 gradi.

Lunedì si svolgerà la presunta prima tappa sprint da Piacenza a Torino, una distanza di 230,8 chilometri. Sembra discutibile se anche l’ex campione del mondo Cavendish possa svolgere un ruolo. L’uomo dell’Isola di Man, che potrebbe diventare l’unico vincitore di tappa con un record se riuscisse a ottenere un’altra vittoria, ha sofferto molto il caldo italiano. Ha guardato le stelle, ha ammesso Cavendish, che insieme a Eddy Merckx guida le classifiche con 34 vittorie giornaliere.

READ  Tra l'Alto Adige e il Lago di Garda bisogna evitare i tre errori di pedaggio