Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Più luce solare significa meno morti: una pratica di guarigione

Meno morti per COVID-19 nelle zone soleggiate

Diversi studi hanno già dimostrato che i raggi UV uccidono i virus corona. La luce solare contiene anche questa radiazione. In particolare, i componenti dei raggi UV a onde lunghe, che costituiscono circa il 95% della luce solare, sembrano avere un effetto inibitorio su SARS-CoV-2. Uno studio recente mostra ora che ci sono meno decessi associati a COVID-19 nelle zone soleggiate.

I ricercatori dell’Università di Edimburgo in Scozia hanno confrontato tutti i decessi registrati per COVID-19 documentati negli Stati Uniti da gennaio ad aprile 2020. Gli scienziati hanno incluso valori UV per 2.474 regioni degli Stati Uniti. Risulta chiaramente che meno persone sono morte a causa di COVID-19 nelle zone soleggiate. I risultati della ricerca vengono visualizzati in “British Journal of Dermatology“È stato rilasciato.

In che modo i livelli di UVA influenzano le cifre di morte del COVID-19

La valutazione è giunta alla conclusione che le persone che vivono in aree con i più alti livelli di raggi UV hanno un minor rischio di morire per COVID-19 rispetto a coloro che vivono in aree con bassa radiazione UV. Come controllo, la task force ha ripetuto l’analisi con dati provenienti da Inghilterra e Italia – la stessa relazione è stata trovata anche qui.

Dermatologo Dr. Richard Weller del gruppo di studio. Durante l’analisi, i ricercatori hanno preso in considerazione tutti i fattori noti associati a un aumento del rischio di morte, come età, etnia, stato socioeconomico, densità della popolazione, inquinamento atmosferico, temperatura e livello di infezione nelle aree locali.

La vitamina D non è responsabile dell’effetto protettivo

I ricercatori hanno anche dimostrato che una maggiore produzione potenziale di vitamina D dovuta alla luce solare non poteva spiegare l’effetto protettivo. Perché la produzione di vitamina D è stimolata solo dai raggi ultravioletti a onde corte. Tuttavia, la stessa diminuzione della mortalità è stata riscontrata in aree con UVB alti ma UVB bassi.

READ  Il verificarsi di sette giorni continua e il valore R continua ad aumentare

L’ossido nitrico come causa dell’effetto?

Invece, i ricercatori vedono una possibile spiegazione nel monossido di azoto rilasciato. L’esposizione alla luce solare fa sì che la pelle rilasci ossido nitrico. Il gruppo di lavoro indica alcuni studi di laboratorio che hanno dimostrato che l’ossido nitrico impedisce a SARS-CoV-2 di riprodursi, cioè riprodursi.

Migliore salute del cuore nelle zone soleggiate?

Anche la salute cardiovascolare può essere un fattore. Ancora una volta, ricerche precedenti hanno dimostrato che la salute cardiovascolare generale è migliore nelle aree con più luce solare. Le persone che vivono in zone soleggiate hanno spesso una pressione sanguigna più bassa e un minor rischio di attacchi di cuore rispetto alle persone che vivono in aree con poca luce solare. Poiché la cattiva salute del cuore è un noto fattore di rischio di morte nel COVID-19, anche questo aspetto può essere parzialmente responsabile.

La causa esatta è sconosciuta

Tuttavia, la conclusione è che il team conferma che si tratta di uno studio osservazionale in cui è stata stabilita solo una connessione, ma ciò non è stato spiegato. A tal fine sono necessarie ulteriori indagini. (Fb)

Informazioni sull’autore e sulla fonte

Questo testo è conforme ai requisiti della letteratura medica specializzata, delle linee guida mediche e degli studi attuali ed è stato esaminato da professionisti medici.

autore:

Diploma Editor (FH) Volker Plasik

nota importante:
Questo articolo è solo una guida generale e non è inteso per essere utilizzato per l’autodiagnosi o l’automedicazione. Non può sostituire una visita dal medico.