Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Il virologo Cesc rinnova la chiamata di emergenza di Corona a Drosten: “Non ho parole”

  • A partire dalSophia Luther

    Vicino

  • Katia Thorworth

    Katia Thorworth

    Vicino

La virologa Sandra Sisik attira l’attenzione sul drastico deterioramento delle condizioni di Corona in Germania. Anche Christian Drosten sceglie parole preoccupanti.

  • La pandemia Corona è ancora sotto controllo in Germania. Il numero di nuove infezioni è in aumento.
  • Alla luce del deterioramento della situazione, la virologa Sandra Csick è a malapena senza parole su Twitter.
  • Christian Drosten condivide un tweet del direttore scientifico di DIVI sull’uso del letto in terapia intensiva con la frase “Questa è una chiamata di emergenza”.

Aggiornamento da domenica 11 aprile 2021 alle 8:35: Il numero di casi di coronavirus sta attualmente aumentando rapidamente quasi ovunque in Germania. In questo modo le misure più rigorose vengono già discusse di nuovo. Presto questo può essere applicato a livello nazionale. La virologa di Francoforte Sandra Cissek ha recentemente confermato la gravità della situazione su Twitter.

Corona: il virologo Cisik è senza parole – “Non ho parole”

Il tweet di Christian Karajanides, direttore scientifico della German Interdisciplinary Society for Intensive Care and Emergency Medicine (DIVI), presenta schemi diversi, la cui esplosione diventa più evidente a un esame più attento. Karagiannidis ha scritto nel testo: “Dall’inizio dell’epidemia, oggi abbiamo raggiunto il picco di occupazione di tutti i letti di terapia intensiva”. Inoltre Diminuzione della capacità dei letti di terapia intensiva nella crisi Corona* In base a ciò che ha menzionato anche hna.de, il direttore scientifico è preoccupato per altri fattori. A causa della separazione del personale e anche con il grave blocco, i numeri sono aumentati per altri dieci-quattordici giorni. “Qualcosa deve accadere ora”, ha prontamente supplicato il direttore scientifico di DIVI.

La virologa Sandra Sissek, qui al Goethe University Hospital di Francoforte, tace su Twitter. (Immagine di archivio)

© rheinmainfoto / Imago Images

Il virologo Cissik aveva già criticato la mitigazione precoce e affermato che non vi era alcun effetto della vaccinazione in vista (vedere il primo rapporto del 7 aprile 2021). Ha ritwittato i numeri inquietanti di Karagiannidis e ha confessato di essere rimasta in silenzio: “Le parole mi deludono – posso solo condividerlo di nuovo”.

READ  Legge climatica statunitense: l'ipocrisia del cambiamento climatico? Apple, Microsoft & Co. stanno combattendo un importante disegno di legge degli Stati Uniti | newsletter

Corona in Germania: il biologo Christian Drosten parla di “chiamata d’emergenza”

Ma Sandra Sisk non è sola nelle sue preoccupazioni. Anche il virologo Christian Drosten lo avverte ripetutamente su Twitter. Il virologo ha condiviso un altro tweet di Karagiannidis con le parole: “Questa è una chiamata di emergenza”. Nel tweet, il direttore scientifico di DIVI chiede ai “decisori” di agire per ultimi: “Quanto dovrebbero salire i numeri prima di reagire? ?? Ci mancano tutte le vie d’uscita per ridurre i numeri”.

Virologo a Francoforte sul Corona: nessun segno di vaccinazione in vista

Prima registrazione da mercoledì 7 aprile 2021: FRANCOFORTE – Martedì (6 aprile 2021), il Saarland è stato l’unico stato federale ad avviare un progetto modello a livello nazionale basato su prese d’aria. La base per i cittadini che ne traggono beneficio è un test corona negativo. Sandra Ciesick, virologa di Francoforte, critica tali strategie di apertura in tempi di pandemia Corona. “La responsabilità è del cittadino”, ha detto martedì nel podcast “Coronavirus Update” il direttore dell’Istituto di virologia medica dell’ospedale universitario di Francoforte.

“Quando la porta viene aperta, dovrebbe essere chiaro al cittadino che non ha nulla a che fare con la sicurezza”, ha detto Cicek. Di conseguenza, questa impressione non dovrebbe essere creata, ha aggiunto il virologo. Ognuno dovrà invece decidere individualmente se accettare queste libertà alla luce delle nuove infezioni da coronavirus o esercitare cautela.

Corona: Il virologo Cissek non vede alcun motivo per rifiutare le procedure

Sebbene ci fosse una certa stabilità nello sviluppo di nuove infezioni Corona prima di Pasqua, anche i valori di infezione sono diminuiti in alcune città durante le vacanze. Tuttavia, ritiene rischioso estrapolare il rifiuto delle misure e delle restrizioni di Corona da questi numeri, come ha continuato il virologo. Da un lato, è noto che i test sono meno frequenti durante le vacanze e, dall’altro, alcune persone potrebbero avere contatti limitati prima di Pasqua per poter incontrare i parenti durante le vacanze, dice Cesik: vediamo come stanno le cose andrà dopo Pasqua.

READ  Premi Nobel 2021: per la scoperta dei recettori del calore e del tatto

In particolare, è motivo di preoccupazione l’aumento del numero di pazienti ospedalizzati e la crescente occupazione dei giovani nei letti di terapia intensiva. Il virologo ha detto che questi avranno migliori possibilità di sopravvivenza rispetto a quelli di 80 o 90 anni, ma trascorreranno più tempo in unità di terapia intensiva: “settimane o mesi” i pazienti con la seconda ondata di infezione sono ancora in unità di terapia intensiva – e cioè. Una situazione completamente diversa rispetto alla scorsa estate.

Strategie di apertura della corona: il virologo non vede alcun effetto della vaccinazione

Inoltre, l’effetto della vaccinazione non è stato ancora dimostrato su Sandra Ciesek. Né è sufficiente guardare agli effetti delle vaccinazioni Corona in modo da poter revocare le restrizioni di contatto. È anche importante che le persone che sono state vaccinate non rinunciano a misure precauzionali dopo la prima vaccinazione. Cicek ha detto che c’è una “fase pericolosa” dopo la prima vaccinazione, in cui devono svilupparsi prima gli anticorpi, per trascurare coloro che credevano di essere immediatamente protetti dall’infezione Corona dopo la vaccinazione.

In merito all’obbligo di testare chi rientra dal viaggio, il virologo ha detto: “Ho davvero la sensazione che il viaggio sia un fattore di rischio”. Da un lato, nuove varianti possono essere introdotte nel paese in cambio di ritorno, dall’altro ci si comporta diversamente, altrimenti non sarebbe una vacanza. Ha sottolineato, tuttavia, che il test è “solo un’istantanea”. A suo avviso, non è sufficiente solo proteggere gli aeroporti. I passeggeri che guidano verso la Germania, ad esempio, sono caduti sulla rete: “C’è decisamente ancora una necessità di miglioramento “, dice. Csec. (Ktho / slo / dpa) * hna.de è una demo di IPPEN.MEDIA.