Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Più alto del Monte Everest – Un gigantesco vulcano marziano è stato trascurato dai ricercatori per decenni

Più alto del Monte Everest – Un gigantesco vulcano marziano è stato trascurato dai ricercatori per decenni

  1. Home page
  2. Lo sappiamo

Insiste

Marte rivela un altro segreto: un vulcano gigante. La sua scoperta potrebbe essere importante nella ricerca della vita.

The Woodlands – Marte ospita il vulcano e la montagna più alti del sistema solare, l'Olympus Mons (21,3 km di altezza). Qui si trova anche il vulcano più grande del sistema solare, l'Alba Patera (1.200 km di diametro). Il Pianeta Rosso nasconde altri segreti. Ora un gruppo di ricerca ha scoperto un altro supervulcano.

Questo vulcano appena scoperto, provvisoriamente chiamato vulcano Noctis, si trova a est della regione di Tharsis, vicino all'equatore marziano. Con un'altezza di 9.022 metri e un diametro di 450 chilometri, è superiore al Monte Everest. Sorprendentemente, il vulcano si trova in un’area regolarmente ripresa dall’orbita di Marte, poiché è vicino al massiccio sistema di rift Valles Marineris e al suo ramo, Noctis Labyrinthus. Tuttavia, il vulcano rimase sconosciuto per molto tempo.

Il vulcano appena scoperto si trova sull'equatore marziano, a est di Noctis Labyrinthus e ad ovest di Valles Marineris. © Immagine di sfondo: NASA/USGS Mars Globe. Interpretazione geologica e spiegazioni di Pascal Lee e Saurabh Shubham 2024

Il gigantesco vulcano marziano è stato trascurato per decenni

Pascal Lee del SETI Institute, autore principale di A Studio del vulcano“Stavamo studiando la geologia dell'area in cui abbiamo trovato i resti di un ghiacciaio l'anno scorso quando ci siamo resi conto che ci trovavamo all'interno di un enorme vulcano fortemente eroso”, spiega. “È nota un'ampia gamma di minerali idrati provenienti da questa regione di Marte, che abbracciano un lungo periodo della storia marziana”, aggiunge Saurabh Shubham, coautore dello studio. Afferma inoltre: “In un certo senso, questo grande vulcano è una “prova conclusiva” tanto attesa”.

Secondo uno di loro, le dimensioni del vulcano e la complessa storia dei cambiamenti lo indicano avviso Indica che è attivo da molto tempo. Nella parte sud-orientale del vulcano, il gruppo di ricerca ha scoperto depositi vulcanici relativamente freschi e sottili, probabilmente coperti dal ghiaccio glaciale.

Un vulcano marziano è più alto del Monte Everest

Nonostante questa scoperta, molte domande sul vulcano gigante rimangono senza risposta. È noto che è stato attivo per un periodo di tempo molto lungo e si è formato nei primi giorni di Marte, ma non è chiaro quando esattamente. Non è inoltre chiaro se il vulcano sia ancora attivo e possa eruttare nuovamente. Il gruppo di ricerca si chiede anche se la combinazione del calore vulcanico e del ghiaccio d’acqua possa aver consentito la vita nella zona.

Per questo motivo la regione potrebbe rappresentare un luogo interessante per la ricerca futura, soprattutto alla ricerca di possibili forme di vita. La potenziale presenza di ghiaccio d’acqua a profondità basse all’equatore potrebbe essere di grande interesse per le future missioni spaziali, poiché gli esseri umani potrebbero utilizzare l’acqua per se stessi e come carburante per i missili.

Un vulcano recentemente scoperto su Marte è un “luogo chiave” per la ricerca della vita

“È una combinazione di cose che rende Noctis Volcano così eccezionalmente emozionante”, afferma il ricercatore Lee. Si tratta di un vulcano antico e longevo, eroso così profondamente che può essere percorso a piedi, in macchina o in aereo per esaminare diverse parti del suo interno, prelevare campioni e datarli, ripercorrendo così l'evoluzione del vulcano “fino allo studio di Marte nel corso dei secoli”. tempo.” Aggiunge che l’interazione del calore con acqua e ghiaccio rende il vulcano appena scoperto “un sito chiave per l’astrobiologia e la nostra ricerca di segni di vita”.

E non sembra
Il vulcano Noctis non sembra un vulcano normale perché si sta erodendo nel tempo. Ecco perché è stato scoperto solo ora su Marte. © Immagini di sfondo: mosaico (CTX) del Mars Reconnaissance Orbiter (MRO) della NASA e modello di elevazione digitale e altimetro laser (MOLA) del Mars Global Survey (MGS). Interpretazione geologica e annotazioni di Pascal Lee e Saurabh Shubham 2024)

Lo studio ha utilizzato, tra le altre cose, immagini delle sonde spaziali Mariner 9, Viking 1, Viking 2 e Mars Global Surveyor della NASA, nonché delle più recenti sonde spaziali Mars Odyssey e Mars Reconnaissance Orbiter. È stata utilizzata la sonda Mars Express dell'Agenzia spaziale europea. La più antica di queste sonde spaziali, la Mariner 9, è stata attiva fino al 1972 e mostra da quanto tempo i ricercatori hanno trascurato il vulcano. (fattura non pagata)

L'editore ha scritto questo articolo e poi ha utilizzato un modello linguistico AI per migliorarlo a sua discrezione. Tutte le informazioni sono state attentamente controllate. Scopri di più sui nostri principi di intelligenza artificiale qui.

READ  Un meteorite è caduto in Sardegna