Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Perdite sul Nasdaq: Wall Street senza panico

Perdite sul Nasdaq: Wall Street senza panico


Rapporto di mercato

Stato: 24/01/2023 22:27

A Wall Street, i titoli tecnologici in particolare non sono stati in grado di sfruttare la ripresa del giorno precedente. Anche i nuovi dati dell’azienda erano contrastanti, quindi non c’era alcun senso di ottimismo.

La giornata di negoziazione di New York è stata dominata da una marea di bilanci della società. L’attuale stagione dei rapporti ha quindi raggiunto il suo apice. Diversi pesi massimi del principale indice Dow Jones come Johnson & Johnson, Verizon e 3M, ma anche aziende di armi come Lockheed Martin o Rathyeon, hanno fornito i loro numeri per l’ultimo trimestre.

“Non è eccezionale, ma non è nemmeno preoccupante: questo è probabilmente il modo migliore per descrivere la traiettoria della stagione dei rapporti negli Stati Uniti fino ad ora”, ha affermato Konstantin Oldenburger, analista di mercato presso il broker CMC Markets. Anche nei prossimi giorni, i numeri e, soprattutto, le aspettative future delle aziende potrebbero avere un impatto significativo su quanto accade in Borsa.

In attesa dei titoli tecnologici

Alla fine della giornata, il principale indice Dow Jones ha chiuso in rialzo dello 0,31%, a 33.731 punti. I dati del gigante del software Microsoft e del produttore di chip Texas Instruments sono attesi solo dopo la chiusura del mercato. Dopo i buoni numeri di Netflix di venerdì scorso, c’era ancora più fiducia nella tecnologia del Nasdaq. Oggi, tuttavia, è di nuovo in calo dello 0,27%. L’S&P 500 ha chiuso pressoché invariato a 4.016 punti.

Gli analisti affermano che i guadagni dei giganti della tecnologia potrebbero determinare se il rinnovato entusiasmo per i titoli in crescita continuerà. “A breve termine, la risposta sembra risiedere nei bilanci. A lungo termine, prevediamo un forte impulso positivo all’acquisto di titoli tecnologici se la Federal Reserve americana taglierà i tassi di interesse quest’anno”, hanno scritto gli esperti della banca d’affari statunitense. . JP Morgan.

Forti fluttuazioni dei prezzi – errore del computer?

Le azioni di molte importanti società statunitensi come Verizon, Morgan Stanley, Visa e Wells Fargo sono diminuite bruscamente e violentemente all’inizio delle negoziazioni. Il recupero è iniziato altrettanto rapidamente e chiaramente. L’azione dei prezzi ricorda i casi passati in cui i malfunzionamenti del computer hanno causato improvvise distorsioni dei prezzi. Finora, non ci sono stati commenti dalla borsa interessata Nyse.

Ad esempio, le azioni Morgan Stanley sono scese di oltre il 12% nell’S&P 100 nelle prime negoziazioni e poi si sono prontamente riprese. “Questo è un po’ preoccupante”, ha detto Edward Moya, analista di mercato presso il broker Oanda. “Questi non sono i tipici stock di meme facili da manipolare. Questi sono Morgan Stanley, Verizon e AT&T, quindi sono giganti”. Pertanto, non lo considera un normale problema tecnico.

Johnson & Johnson soffre di un dollaro forte

La vendita di meno dosi di vaccino Covid e un dollaro forte hanno rallentato il gruppo di farmaci e beni di consumo Johnson & Johnson dal principale indice Dow Jones nel quarto trimestre dello scorso anno. Mentre gli affari negli Stati Uniti sono aumentati, il gruppo ha dovuto subire enormi perdite nei suoi mercati internazionali.

Nel corso degli interi 12 mesi, le vendite consolidate nel 2022 sono aumentate solo leggermente rispetto all’anno precedente a quasi 95 miliardi di dollari (circa 87 miliardi di euro), ha annunciato Johnson & Johnson prima dell’IPO. La linea di fondo è che i guadagni sono diminuiti del 14 percento a quasi $ 18 miliardi per l’intero anno.

READ  Deutsche Post ammette errori di consegna dei messaggi nel Saarland

Per il 2023, il consiglio di amministrazione attorno al direttore della società Joaquin Duato sta preparando gli investitori a un’ulteriore minore crescita delle vendite. Di conseguenza, i ricavi vanno da 96,9 a 97,9 miliardi di dollari. Marchi come Penaten, Carefree, Listerine e Nicorette rappresentano Johnson & Johnson.

Microsoft guadagna più del previsto

Il gigante del software ha registrato un utile operativo rettificato di $ 2,32 nel quarto trimestre, appena sopra le stime degli analisti di $ 2,30. Per quanto riguarda le vendite, Microsoft “solo” è arrivata a $ 52,7 miliardi, dove ci si aspettava $ 52,9 miliardi. In una reazione iniziale, il titolo è aumentato significativamente di oltre il quattro percento nelle negoziazioni fuori orario.

L’indice DAX alla fine non si è mosso

Come il giorno prima, gli investitori hanno agito con molta cautela nel mercato azionario locale. Il DAX attualmente non ha lo slancio per costruire sui guadagni realizzati all’inizio dell’anno, ma non ci sono nemmeno vendite. Invece, Wall Street è tornata al centro dell’attenzione degli investitori, poiché la stagione dei report aziendali continua oggi con una marea di nuovi numeri.

Alla fine della giornata, il DAX ha chiuso in ribasso dello 0,1% a 15.093 punti e oscillava tra 15.022 e 15.147 punti all’interno di un intervallo gestibile. Come il giorno precedente, il livello di supporto può essere mantenuto a 15.000 punti. L’indice MDAX delle azioni medie ha perso lo 0,44% a 28.567 punti.

Anche se i dati economici hanno indicato che la contrazione nell’area dell’euro non è così profonda come si temeva e L’Unione monetaria europea può evitare la recessione. “Tuttavia, gli investitori riconoscono che mentre questo è un progresso, hanno ancora molta strada da fare mentre la BCE si prepara ad aumentare ulteriormente i tassi di interesse”, ha affermato Susanna Streeter, analista di Hargreaves Lansdowne.

I dati economici non mostrano alcun effetto

I nuovi dati economici non hanno aiutato il DAX: per la quarta volta consecutiva, la fiducia dei consumatori in Germania è migliorata a gennaio, secondo la società di ricerche di mercato GfK. Ma rimane nel range negativo. “Anche se il livello è ancora molto basso, il pessimismo si è recentemente attenuato”, ha spiegato l’esperto di consumatori GfK Rolf Burkel.

Il fornitore di servizi finanziari S&P Global ha annunciato oggi che il suo indice dei responsabili degli acquisti per il settore privato, l’industria e i fornitori di servizi è aumentato a gennaio per il terzo mese consecutivo, di 0,7 punti, a 49,7 punti. Questa è la lettura più alta in sette mesi, ma è ancora al di sotto della soglia dei cinquanta punti, che indica una crescita.

L’euro è ancora ad un livello elevato

La valuta comune europea costa $ 1,0883 negli Stati Uniti. È leggermente più alto rispetto al giorno prima ed è ancora ad un livello elevato. Lunedì, l’euro è salito sopra $ 1,09 per la prima volta dall’aprile 2022. La Banca centrale europea ha fissato il tasso di interesse di riferimento nel pomeriggio a $ 1,0858 (lunedì: $ 1,0871).

READ  dpa-AFX Panoramica: Società - I migliori rapporti del fine settimana

Sebbene i dati economici dell’Eurozona siano stati migliori del previsto, non hanno dato una spinta all’EUR. Come in Europa, anche l’S&P Global PMI è apparso leggermente più brillante negli Stati Uniti. Tuttavia, a gennaio, ha continuato a indicare una contrazione dell’economia. Tuttavia, questo indicatore riceve meno attenzione rispetto ai corrispondenti dati europei. Negli Stati Uniti, l’ISM è il principale punto di riferimento.

I prezzi del petrolio sono scesi

I barili (159 litri) di qualità Brent North Sea e WTI hanno entrambi aumentato le loro perdite nel corso dell’anno. Ovviamente, entrambi i leader di mercato hanno perso circa l’un percento.

Tuttavia, gli osservatori del mercato tendono a rimanere ottimisti. Anche il ciclo corona meno rigoroso della Cina fornisce fiducia. Fa sperare in una ripresa economica e in un aumento della domanda di energia nella seconda economia più grande del mondo. Secondo gli esperti di Commerzbank, l’Agenzia internazionale per l’energia prevede che il mercato petrolifero subirà un chiaro eccesso di offerta nel primo trimestre e cadrà in una chiara carenza di offerta durante tutto l’anno.

Gli Stati Uniti hanno citato in giudizio Google per il predominio della pubblicità su Internet

Il governo degli Stati Uniti ha citato in giudizio il gigante di Internet Google per accuse di violazioni dell’antitrust nella pubblicità online. Nella causa depositata oggi davanti al tribunale federale, il governo e diversi Stati accusano la società di aver costruito e abusato di una posizione di “monopolio” nel settore. Ciò è stato confermato dai resoconti dei media diffusi oggi. L’azienda genera circa l’80% delle sue entrate dalla pubblicità online.

Telekom inizia a vendere i propri smartphone

Deutsche Telekom è anche in concorrenza con i fornitori di smartphone in Germania con il suo telefono 5G. Oggi l’operatore di rete ha annunciato l’inizio delle vendite dei modelli T Phone e T Phone pro, i cui prezzi partono da 219 euro, e sono rivolti principalmente al mercato dei dispositivi entry-level. I fornitori cinesi, in particolare, sono di casa in questa regione.

T-Mobile US prima di acquistare miliardi?

Secondo un resoconto dei media, la filiale statunitense di Deutsche Telekom, T-Mobile US, intende investire fino a 1 miliardo di dollari per acquisire Mint Mobile a basso costo. Oltre all’importo fisso di 350 milioni di dollari, c’è anche un elemento di successo, riferisce il “Manager of Magazin”, citando persone che hanno familiarità con la questione. Si è rivelato essere 920 milioni di euro. Un portavoce di Telekom ha rifiutato di commentare quando gli è stato chiesto.

Niente più lettere all’ufficio postale?

Secondo le sue stesse dichiarazioni, Deutsche Post vuole continuare a consegnare lettere e pacchi in tutta la Germania. Su richiesta, il gruppo ha annunciato oggi che non è previsto il ritiro dal cosiddetto servizio universale e di voler “continuare a dare questo importante contributo ai servizi essenziali”. La società ha fatto riferimento a un articolo su “Welt”, in cui si afferma che ci sono giochi di simulazione in azienda per eliminare gradualmente il servizio universale. Il giornale si è basato sulle informazioni del Consiglio del lavoro.

RB Leipzig cambia fornitore nel 2024

READ  Titoli tecnologici sotto pressione: mercati azionari statunitensi per lo più in rosso

Il club della Bundesliga RB Leipzig sta cambiando fornitore per la stagione 2024/2025. Secondo un rapporto di “Bild”, che coincide con le informazioni della dpa, il gruppo di articoli sportivi Puma, con sede a Herzogenaurach, sostituisce il produttore americano Nike, con cui RB ha stipulato un contratto dal 2014. Secondo il rapporto del giornale, il nuovo contratto decennale dovrebbe portare ai sassoni circa 150 milioni di euro. Si dice che l’accordo sia stato negoziato dal presidente del consiglio di sorveglianza di RB Oliver Mintslav, ex Puma stesso.

Interesse degli investitori Maue per il candidato al mercato azionario di Ionos

Secondo un articolo di giornale, il potenziale interesse degli investitori per il candidato al mercato azionario di Ionos è limitato. Il quotidiano “Bürsen Zeitung” ha scritto di ritenere ambizioso il valore di mercato target di circa cinque miliardi di euro. Gli investitori istituzionali erano sconvolti, tra l’altro, dal fatto che le azioni offerte provenissero solo dalle partecipazioni dei precedenti proprietari United Internet e Warburg Pincus e che Ionos non ricevesse nuovo denaro.

Rheinmetall si trova accanto alla pistola

Le dichiarazioni rilasciate dal presidente di Rheinmetall Armin Papperger sullo sviluppo delle vendite a medio termine, oggi hanno temporaneamente rafforzato il titolo. Poco dopo il suo avvio è salito a 225,50 euro, minimo storico di 227,90 euro a fine giugno. “Per il 2025, prevediamo un fatturato di 11-12 miliardi alla Rheinmetall”, ha dichiarato il presidente Armin Babberger in un’intervista alla rivista “Stern”. Secondo un trader, la previsione di consenso è attualmente di 10,4 miliardi di euro. Tuttavia, la carta non può mantenere il livello elevato ed è attualmente rossa per più dell’1%.

Allo stesso tempo, Papperger ha chiesto una maggiore agilità politica nell’assegnazione di contratti per la tecnologia della difesa. “Ciò di cui abbiamo bisogno ora è la solidarietà con i politici che abbiamo il potere di pianificare”, ha detto oggi il direttore del gruppo alla conferenza Handelsblatt. Ha sottolineato che l’industria ha una capacità produttiva sufficiente. “Siamo in grado di produrre più munizioni di artiglieria degli americani”, ha detto il direttore. “Ma non ho ancora ricevuto un solo ordine per lei.”

Verizon è in ritardo

L’operatore di telefonia mobile statunitense Verizon prevede un calo significativo dei profitti per l’anno in corso. Dopo i 5,18 dollari dell’anno scorso, è probabile che l’utile per azione rettificato scenda tra i 4,55 e i 4,85 dollari nel 2023, ha riferito oggi a New York il concorrente di Telekom, la controllata statunitense di T-Mobile, T-Mobile. Questo è molto inferiore a quanto previsto dagli analisti.

La forte flessione è verosimilmente una conseguenza della perdurante crisi del business dei contratti di telefonia mobile per i clienti privati. Soprattutto, rispetto alla statunitense T-Mobile, il gruppo è rimasto indietro rispetto all’indice Dow Jones di 217.000 nuovi contratti netti. Il concorrente ha reclutato 927.000 nuovi clienti. Nel frattempo, nell’ultimo trimestre, Verizon ha aumentato i suoi ricavi del 3,5% su base annua a 35,3 miliardi di dollari. Tuttavia, l’utile per azione rettificato è sceso a $ 1,19 da $ 1,33 dell’anno precedente.