Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Perdite di prezzo DAX: gli investitori temono più sanzioni

Perdite di prezzo DAX: gli investitori temono più sanzioni


Rapporto di mercato

Stato: 04/04/2022 09:40

Dopo i guadagni iniziali, l’indice DAX è diventato rapidamente negativo. La richiesta di nuove sanzioni contro la Russia sta causando crescenti tensioni sui mercati azionari.

Il DAX ha iniziato il primo giorno di negoziazione del nuovo trimestre con guadagni significativi. Dopo l’inizio delle negoziazioni su XETRA, i 40 titoli tedeschi di riferimento sono inizialmente saliti a 14.516 punti. Ma gli orsi stanno rapidamente prendendo il sopravvento. I guadagni di prezzo si sciolgono e l’indicatore DAX diventa rosso. Scende sotto i 14.400 punti.

I rischi per l’approvvigionamento energetico europeo sono in aumento

All’inizio della settimana, la guerra in Ucraina è rimasta al centro dell’attenzione degli investitori. Dopo il massacro nella città di Bucha Vicino a Kiev, è probabile che le richieste di sanzioni più forti in Russia crescano ancora di più. Ulrich Lochtmann, esperto di cambio presso Commerzbank, sottolinea che “più sanzioni significano, ovviamente, che il rischio aumenta l’interruzione dell’approvvigionamento energetico in Europa”.

Inoltre, le aspettative degli investitori sull’aumento dei tassi di interesse alla luce dei tassi di inflazione storicamente elevati negli Stati Uniti e nell’Eurozona. Questo è un altro fattore negativo per i mercati azionari globali, poiché i tassi di interesse più elevati rendono meno attraente l’investimento in azioni.

DAX: Un altro rischio di slittamento

Ma non solo fondamentalmente ha offuscato le prospettive del DAX ultimamente. Uno sguardo al grafico DAX mette in guardia anche dalla cautela. Gli analisti tecnici di HSBC avvertono che “il rimbalzo della dinamica ripresa dal minimo di marzo di 12.439 punti potrebbe essere già terminato”.

Finché il DAX non supera l’area di resistenza a 14.800-15.000 punti, permane il rischio di un altro calo dei prezzi. In questo contesto, gli investitori dovrebbero guardare il recente minimo settimanale di 14.372 punti.

Le esportazioni tedesche sono aumentate in modo significativo a febbraio

Intanto il punto esclamativo positivo arriva dai nuovi dati dell’Ufficio federale di statistica sull’economia tedesca. Di conseguenza, il commercio estero tedesco è nuovamente aumentato a febbraio. E le esportazioni sono aumentate in modo significativo del 14,3% rispetto allo stesso mese dell’anno scorso. Rispetto a gennaio 2022, l’aumento è stato del 6,4%.

READ  dpa-AFX Panoramica: Società - I migliori rapporti del fine settimana

Tuttavia, anche questi dati dovrebbero essere trattati con cautela: “È probabile che la misura in cui sanzioni e altre misure di restrizione all’esportazione e comportamenti inaccettabili dei partecipanti al mercato continueranno a incidere sul commercio estero tedesco con la Federazione Russa sarà mostrata in dettaglio nel statistiche commerciali di marzo (marzo). ”, ha affermato l’Ufficio federale.

Nikkei chiude leggermente in rialzo

Le linee guida represse per il trading di azioni tedesche provengono dalle borse asiatiche. Gli investitori sono stati in gran parte cauti di fronte all’annuncio di altre possibili sanzioni contro la Russia per la guerra in Ucraina. L’indice giapponese Nikkei ha chiuso in rialzo dello 0,3% a 27.736 punti. La borsa in Cina è chiusa a causa di un giorno festivo.

Dow Jones e Nasdaq con guadagni

Le borse americane hanno chiuso venerdì con leggeri guadagni di prezzo. L’indice Dow Jones dei valori record è salito dello 0,4 per cento a 34.818 punti di scambio. L’indice tecnologico Nasdaq è salito dello 0,3% a 14.261 punti. L’ampio indice S&P 500 è salito dello 0,3% a 4.545 punti.

Dopo il forte rapporto sull’occupazione negli Stati Uniti, le aspettative degli investitori sono state rafforzate che i mercati sarebbero in grado di resistere agli imminenti aumenti dei tassi di interesse da parte della Federal Reserve (Fed) statunitense.

Prezzo del petrolio: Brent e WTI leggermente più cari

I prezzi del petrolio, che sono scesi drasticamente di recente, continuano a fornire un barlume di speranza per i mercati azionari globali. Questi sono diventati circa il dodici per cento in meno nell’ultima settimana dopo il rilascio delle riserve petrolifere strategiche negli Stati Uniti.

All’inizio della settimana si è registrato un leggero contromovimento sul mercato petrolifero. Il greggio Brent del Mare del Nord è aumentato dello 0,3% a $ 104,70. Un barile (159 litri) di grado americano WTI costa $ 99,47, con un aumento dello 0,2%.

L’oro è ancora macchiato

Dopo le perdite iniziali, il prezzo dell’oro è diventato positivo. Un’oncia troy d’oro al mattino costa $ 1.927, lo 0,2 percento in più. La conclusione è che il prezzo dell’oro continua a risentire dell’aumento delle aspettative sui tassi di interesse statunitensi, poiché il prezioso metallo giallo stesso non dà alcun interesse. Da quando ha raggiunto il picco di $ 2.070 all’inizio di marzo, l’oro ha perso più di $ 150 a volte. Un euro paga 1.1039 dollari.

READ  Titolo Fresenius: l'azienda in ripresa - l'indice resta dietro Fresenius

Delivery Hero vuole fare soldi operativamente

Di gran lunga, il più grande vincitore in DAX è la quota di Delivery Hero. Il fornitore di servizi di consegna vuole essere redditizio nel 2023 per la prima volta a livello di gruppo nel settore operativo. Delivery Hero di Berlino ha annunciato che l’utile prima di interessi, tasse, deprezzamento e ammortamento (Ebitda), rettificato per effetti speciali, dovrebbe essere positivo il prossimo anno.

Bayer fa progressi con nuovi anticoagulanti

DAX Group Bayer sta facendo progressi nello sviluppo del nuovo anticoagulante Asundexian. Uno studio di Fase IIB ha mostrato un minor rischio di sanguinamento nei pazienti con fibrillazione atriale ea rischio di ictus rispetto al farmaco standard apixaban. Secondo l’analista Alistair Campbell della casa di investimento Liberum, se approvato, il farmaco potrebbe avere più successo del blockbuster Xarelto, che porta miliardi nelle casse di Bayer ogni anno.

BMW con vendite negli Stati Uniti più, Porsche e Audi deboli

Le case automobilistiche tedesche si sono comportate diversamente negli Stati Uniti nel primo trimestre. BMW ha ottenuto un aumento delle vendite del suo marchio principale del 3,2% a 73.714 veicoli. D’altra parte, la controllata Volkswagen Porsche ha registrato un calo di quasi un quarto a 13.042 veicoli. Il marchio Audi soffre di cali ancora più grandi. Le vendite qui sono diminuite del 35 percento a 35.505 veicoli.

Il supervisore capo di Henkel difende il suo impegno a lavorare in Russia

Prima dell’assemblea generale di oggi, il presidente del consiglio di sorveglianza del produttore di beni di consumo Henkel, Simone Bagel-Trah, ha difeso l’approccio del gruppo DAX a continuare a fare affari in Russia per il momento. “Continuare la nostra attuale attività in Russia non è una questione di profitto, dato il rublo debole e le difficoltà nel paese”, ha detto a Handelsblatt. “Produciamo principalmente i beni quotidiani per i residenti qui”.

READ  dpa-AFX Panoramica: Aziende - I migliori rapporti del fine settimana | newsletter

Nordex-IT cade nelle mani degli hacker dell’opera

Il produttore di turbine eoliche Nordex è caduto vittima di un attacco hacker. La sicurezza informatica ha rilevato l’incidente giovedì. Per precauzione, i sistemi IT sono stati chiusi in diverse aree dell’azienda in diverse località. “Clienti, dipendenti e altre parti interessate possono essere interessati dall’arresto dei sistemi IT”.

Lilium, il produttore di aerotaxi, rinvia il suo lancio sul mercato

Il produttore di aerotaxi di Monaco Lilium vuole lanciare i suoi aerei elettrici un anno dopo l’annuncio. Invece del 2024, il veicolo elettrico ad alta velocità dovrebbe ora essere approvato, e quindi l’operazione commerciale, nel 2025, come evidenziato da un post sul blog del presidente di Lilium Daniel Wiegand sul sito Web dell’azienda alla fine di marzo.

Tesla torna con un record di consegna

Nonostante i problemi della catena di approvvigionamento globale, il produttore di auto elettriche Tesla ha un altro problema nel primo trimestre del 2022 Standard impostato per le sue consegne. L’azienda, gestita dal miliardario americano Elon Musk, ha portato ai clienti 310.048 auto nei primi tre mesi dell’anno. Erano quasi 1.500 in più rispetto all’ultimo trimestre del 2021. Il leader nell’elettrificazione delle auto vuole mantenere un aumento annuale delle consegne di almeno il 50% a lungo termine.

Ryanair chiarisce le previsioni di perdita

Il più grande vettore low cost d’Europa, Ryanair, vede le cose più chiare poco dopo la fine del suo anno fiscale con una perdita già prevista. Nei dodici mesi fino alla fine di marzo, ci sarebbe dovuto essere un deficit di 350-400 milioni di euro prima degli effetti speciali, secondo Ryanair. Di recente, il management ha ipotizzato intorno al capo di Ryanair Michael O’Leary un importo negativo compreso tra 250 e 450 milioni di euro per il secondo anno fiscale segnato dalla pandemia.