Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Perché i tedeschi amano così tanto questo paese e si arrabbiano per questo

Roma. Italia, italiani… Molti tifosi tedeschi in questo Paese devono aver sospirato in queste settimane, e non solo loro: anche svizzeri e austriaci, che con Bill Pais hanno un rapporto affettuoso e sospettoso come i tedeschi. Attualmente sta guardando ciò che sta accadendo a Roma con un misto di smarrimento e preoccupazione.

Leggi di più dopo l’annuncio

Leggi di più dopo l’annuncio

Il governo del dopoguerra numero 68 (68!) è stato recentemente formato nella Città Eterna – e questo non è un bello spettacolo: il presidente di Forza Italia Silvio Berlusconi racconta di 20 bottiglie di vodka che ha ricevuto dall’amico Vladimir Putin per il suo 86esimo compleanno Matteo Salvini, presidente della Lega, vuole tornare Al Ministero dell’Interno, il nuovo presidente del Consiglio Giorgia Meloni dovrebbe spiegare alla coppia di “non essere aperta ai ricatti”. E come al solito, si tratta di posizioni governative influenti e ben pagate e mai del bene del Paese. Tragedia.

Dalla caduta di Mario Draghi, la politica italiana ha confermato i pregiudizi temporanei che sempre prevalevano all’estero nei confronti dell’Italia: sempre instabile, spesso inaffidabile, a volte irresponsabile. Oscilla sempre tra farsa e melodramma. “Condizioni italiane”, come si dice a volte con leggerezza a Berlino.

Leggi di più dopo l’annuncio

Leggi di più dopo l’annuncio

La stragrande maggioranza degli italiani è più rilassata su questo. Certo, la vittoria elettorale della destra ha confuso molti cittadini in Italia, soprattutto quelli estranei al vittorioso populista di estrema destra Melonis. Ma l’opinione prevalente è: hanno vinto le elezioni, quindi lasciamoli governare ora – l’alleanza divisa tra Meloni, Salvini e Berlusconi non durerà comunque a lungo. E alla fine, il saggio del Quirinale, il presidente Sergio Mattarella, lo riparerà.

In altre parole, la situazione in Italia è di nuovo disperata, ma non grave.

Niente è più difficile che eliminare i pregiudizi e le idee volgari, soprattutto quando vengono costantemente affermate, come a Roma. E niente è più difficile che scrivere di caratteristiche nazionali senza pubblicare tu stesso gli spazi pubblici. Una cosa è certa: le differenze culturali tra l’Italia ei paesi di lingua tedesca del Nord sono molto maggiori del previsto a causa delle ridotte distanze geografiche e del vivace scambio economico e turistico. Gli italiani sono completamente diversi sotto molti aspetti. Si comincia con il rapporto con la politica: lo stato ei politici sono visti come corpi estranei, oppressori. Questo porta a una reazione difensiva contro ogni situazione. Ma il legislatore almeno di solito fissa la barra così in alto che si può passare attraverso di essa, se necessario.

READ  Perfekte Olympia-Generalprobe: Straßer gewinnt Schladming-Slalom

La vita degli italiani non si svolge in pubblico, ma nella privacy – in famiglia, con gli amici, nel “bar dello sport”, in spiaggia, in una associazione senza scopo di lucro, sopra o accanto al campo di calcio.

Forse la vera origine del desiderio tedesco per l’Italia risiede nella natura familiare degli italiani: l’informalità dei rapporti personali, una certa leggerezza dell’essere, la conseguente creatività e arte dell’improvvisazione, la generosità e l’apertura degli italiani – insieme al “grande bellezza” offerto dallo Stato. Poi c’è questa cucina e questo clima. Johann Wolfgang von Goethe non ha saputo resistere alla magia della “terra dove fioriscono i limoni” più di 200 anni fa. Oggi ogni tedesco ha il suo posto italiano preferito dove lui, pizza e pasta vanno e può godersi un po’ di italiano per qualche ora.

Leggi di più dopo l’annuncio

Leggi di più dopo l’annuncio

Allo stesso tempo, ci sono anche radicati pregiudizi negativi nei confronti degli italiani: molti tedeschi li considerano timidi sul lavoro, corrotti e talvolta mafiosi, nonostante tutta la loro simpatia per il loro lato solare. Der Spiegel una volta descrisse l’uomo italiano, mezzo cinico, come una “forma di vita parassitaria”. Spesso si dimentica che l’Italia versa nelle casse dell’Unione Europea più di quanto riceve: il Paese contribuisce in modo netto, proprio come la Germania. E senza dubbio pigri: secondo l’Organizzazione per la Cooperazione Economica (OCSE), l’orario di lavoro medio annuo in Italia è di 1.779 ore, mentre in Germania 1.371 ore all’anno.

Gli italiani trovano particolarmente offensivo quando il loro paese è alla pari con la mafia. La stragrande maggioranza degli italiani non è una mafia, ma – se lo è – la sua vittima: nei lunghi decenni di valorose lotte contro i clan, innumerevoli giudici, agenti di polizia, pubblici ministeri, uomini d’affari, preti, giornalisti e persone impegnate hanno perso la vita . Tra gli altri, il fratello di Sergio Mattarella, ucciso a colpi di arma da fuoco da Cosa Nostra nel 1980 davanti all’attuale presidente. Queste persone coraggiose sono gli eroi e i modelli dell’Italia, non i capi.

Ci sono anche pregiudizi positivi e negativi nella direzione opposta – e anche i pregiudizi negativi vengono attualmente confermati. La decisione del governo tedesco di tutelare i propri cittadini e soprattutto le proprie imprese con 200 miliardi di euro dall’aumento dei prezzi del gas e allo stesso tempo di bloccare il tetto comune europeo dei prezzi richiesto da Draghi e da 14 Paesi in Italia è vista come inesistente. In solidarietà con. L’Italia e molti altri Stati membri dell’UE non hanno le capacità finanziarie della Germania e le sue aziende, che in futuro dovranno affrontare prezzi dell’energia più elevati rispetto ai loro concorrenti tedeschi, saranno in svantaggio competitivo.

C’è ancora, agli occhi degli italiani, la tendenza tedesca all’egoismo e all’onniscienza: Berlino impone regimi di austerità ai paesi poveri del sud, ma quando le cose si fanno serie per la stessa Germania, le regole di bilancio improvvisamente non esistono più. Progredendo. Il “doppio boom” della Germania è visto in Italia come molto più pericoloso per la coesione dell’UE del suo nuovo governo di destra, che fa argomentazioni populiste di destra contro la Germania e l’UE.

Leggi di più dopo l’annuncio

Leggi di più dopo l’annuncio

Vecchie reazioni difensive contro la “Germania arrogante”

È anche memorabile in Italia che quando è scoppiata l’epidemia nel marzo 2020, Berlino è stata la prima a interrompere la consegna delle mascherine protettive, e mentre decine di morti per Corona a Bergamo sono stati trasportati su camion, si sono opposti alla creazione di: L’Unione ha chiamato i corona bond per diversi mesi e ha dominato la crisi esistenziale. Il fatto che i tedeschi abbiano agito come i principali contabili dell’Unione Europea in questa tragica situazione è stato un peccato per gli italiani. Inoltre, ha risvegliato in Italia la vecchia reazione difensiva contro “l’arrogante egemonia tedesca”: l’Unione Europea è guidata dagli interessi di Berlino, e il mercato comune alla fine non è altro che una sorta di “Grande Germania 2.0”.

READ  La "vecchia signora" nel cuore: la leggenda dell'Herta Nilo Di Martino compie 70 anni

Più tardi, l’allora cancelliere Angela Merkel ha aperto la strada al generoso Fondo per la ricostruzione dell’UE, e quindi anche ai controversi Joint Bond, restituendo così molta simpatia per la Germania tra gli italiani.

Il rapporto italo-tedesco è sempre stato complesso: segnato dal rispetto reciproco e, allo stesso tempo, da profondo sospetto. Si può dire così: i tedeschi amano gli italiani (per il loro stile di vita e il bel paese), ma non li rispettano.

Gli italiani, invece, rispettano i tedeschi (per la loro perfezione e capacità organizzative), ma non li amano.

Leggi di più dopo l’annuncio

Leggi di più dopo l’annuncio

L’inviato di lunga data del Corriere della Sera in Germania, Paolo Valentino, ha recentemente parlato di un’esperienza capitatagli nelle prime settimane dopo il suo arrivo a Berlino. È andato a correre a Grunewald e lì ha incontrato una coppia tedesca e lo ha subito rimproverato: correva sul lato sinistro della strada forestale invece che a destra. “Quella è stata la prima lezione nella mia nuova casa: voi italiani non rispettate le regole, anche se non esistono”. È difficile per Valentino descrivere in modo più accurato l’isolamento dell’Italia nei confronti della Germania e dei tedeschi.