Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Perché anche Henkel e SAP si stanno ritirando ora?

Perché anche Henkel e SAP si stanno ritirando ora?

Mosca.Quale ortografia è consentita? subordinare Il comico e vincitore del Grimme Award Jesko Friedrich Questa domanda è stata posta qualche anno fa rispondere in dettaglio. Chiunque prenda sul serio le sue spiegazioni potrebbe avere dubbi sul fatto che lo “spettacolo caldo” di fine marzo fosse ancora satira piuttosto che propaganda quando ha deriso le aziende tedesche in una dichiarazione generale perché, a differenza di aziende come Apple, Starbucks o H&M, lo sono ancora attivo in Russia.

Leggi di più dopo l’annuncio

Leggi di più dopo l’annuncio

Nel ruolo di mediatore per conto dell’industria tedesca, la comica Valerie Niehaus ha dichiarato: “Il nostro messaggio è: potresti non essere in grado di comprare la pace in Russia, ma puoi comprare mietitrebbie tedesche e shampoo tedeschi”. Quindi due musicisti hanno cantato la canzone di pace di John Lennon “Give Peace a Chance”, anche se con il titolo “Give Business a Chance”.

Il rancore era rivolto al produttore di macchine agricole Claas e al gruppo di beni di consumo Henkel, accusati di anteporre i motivi di profitto all’obbligo morale di astenersi dal fare affari con un paese che viola il diritto internazionale.

Leggi di più dopo l’annuncio

Leggi di più dopo l’annuncio

Tuttavia, accusare Claas e Henkel di fallimento morale allo stesso tempo è molto in bianco e nero, forse confermando la critica centrale di Jesko Friedrich alla cattiva ironia, almeno nel caso di Claas. Si legge: “Il presunto nemico ha ragione a un esame più attento”.

esempio di classe

Perché anche uno sguardo superficiale dovrebbe essere sufficiente per valutare le attività dell’azienda in Russia in modo più completo della semplice avidità di profitto. Può anche darsi che il gruppo Harsewinkler dovrà giustificarsi sulla base di considerazioni etiche se vuole chiudere la sua fabbrica a Krasnodar, nel sud della Russia.

“Se i produttori internazionali di macchine agricole e fertilizzanti si ritirassero dalla Russia, ciò potrebbe portare a una riduzione dei raccolti in Russia in autunno”, ha detto al German Liberation Network (RND) l’economista Carsten Killian dell’Università di scienze applicate di Würzburg-Schweinfurt. Ha conseguenze disastrose.

Gli agricoltori usano le loro mietitrebbie per raccogliere il grano in un campo di grano vicino al villaggio di Tbiliskaya in Russia. La guerra in Ucraina ha fatto salire i prezzi del grano in tutto il mondo.

Danni collaterali alla produzione alimentare mondiale

Dopotutto, quasi il 18% delle esportazioni mondiali di grano proveniva dalla Russia e un altro 8% dall’Ucraina. Se la Russia perdesse solo il 20% della sua produzione di grano a causa della mancanza di fertilizzanti e di macchinari agricoli difettosi, ciò significherebbe quasi il 4% di grano in meno in tutto il mondo.

Leggi di più dopo l’annuncio

Inoltre, se l’Ucraina dimezza la sua produzione di grano a causa dell’invasione russa, il mondo sperimenterà una carenza di grano dell’8% in sei mesi, portando a forti aumenti dei prezzi e conseguenti carestie in un certo numero di paesi, in particolare in Africa. È probabile che il risultato sia un aumento dell’afflusso di rifugiati, soprattutto in Europa”.

Putin e Ritter Sport

Anche il produttore di cioccolato Swabian Ritter Sport è stato deriso nella trasmissione di “The Hot Show”, il cui slogan pubblicitario era “Square”. il mio lavoro. Buona. Di Andrij Melnik, ambasciatore ucraino a Berlino, via Twitter a Square. il mio lavoro. il sangue “.

Contenuti editoriali consigliati

A questo punto troverai contenuti esterni da Twitter, Inc.che completa l’articolo. Puoi visualizzarlo con un clic.

Accetto di mostrarmi contenuti esterni. Ciò consente il trasferimento dei dati personali a piattaforme di terze parti. Maggiori informazioni su questo sul nostro sito Avvisi sulla privacy.

Una valutazione che sarebbe ingiusta dato che l’etica deve essere considerata in modo olistico. In Ritter Sport, sorge la domanda se il ritiro della società danneggerà maggiormente Vladimir Putin oi coltivatori di cacao in Africa occidentale e in Centro e Sud America.

Leggi di più dopo l’annuncio

Leggi di più dopo l’annuncio

Poiché l’azienda dovrà ridurre in modo significativo la produzione a Waldenbuch ea Breitenbrunn in Austria, a marzo ha detto alla RND se non stava più fornendo la Russia. Il paese è il secondo mercato più grande di Ritter Sport. Il 10 percento della produzione totale viene venduto tra Smolensk e Vladivostok.

Contenuti editoriali consigliati

A questo punto troverai contenuti esterni da Spotify Ltd.che completa l’articolo. Puoi visualizzarlo con un clic.

Accetto di mostrarmi contenuti esterni. Ciò consente il trasferimento dei dati personali a piattaforme di terze parti. Maggiori informazioni su questo sul nostro sito Avvisi sulla privacy.

Kilian conferma le informazioni: “È quasi possibile assorbire il 10 percento della produzione in altri mercati nel mercato altamente competitivo del cioccolato. Inoltre, Ritter Sport ha un solo prodotto: il cioccolato. Non ci sono sussidi incrociati come in molte altre aziende. Avere l’azienda di famiglia è in linea con la vendita dei loro cioccolatini”.

READ  Accordo del G7 sulle tasse minime: "Svolta storica"

Ritiro dopo continue critiche

Ma le critiche alle società che operano in Russia ignorano le obiezioni, per quanto giustificate possano essere. Invece, le denunce ora sono così alte che sempre più aziende stanno soccombendo alle pressioni dell’opinione pubblica. L’esempio più recente sembra essere il gruppo di beni di consumo Henkel e il gigante del software SAP, che all’inizio di questa settimana hanno annunciato che avrebbero interrotto le loro attività in Russia.

Il gruppo di beni di consumo Henkel sta ora abbandonando le sue attività in Russia.

Il gruppo di beni di consumo Henkel sta ora abbandonando le sue attività in Russia.

Leggi di più dopo l’annuncio

Leggi di più dopo l’annuncio

Henkel, il produttore di Persil e Schauma, è stato oggetto di particolari critiche. Ha operato in Russia come qualsiasi altra azienda Dax e, con 2.500 dipendenti in undici stabilimenti di produzione russi, ha generato un fatturato annuo di un miliardo di euro.

Alla fine, il presidente di Henkel, Karsten Nobel, non si è mai stancato di spiegare i motivi per cui non è stato possibile abbandonare la Russia come sito di investimento – e anche dal punto di vista morale la magistratura potrebbe essere ritenuta personalmente responsabile. Inoltre, si deve rendere conto della confisca di siti Web, marchi e brevetti a favore di un paese aggressore. Quindi questi argomenti non sono più menzionati nell’avviso di sconto.

C’è anche molta pressione all’interno dell’azienda

La pressione su Henkel è stata troppo grande, afferma l’economista Tim Krieger dell’Università di Friburgo. È stato riferito che molti dipendenti, anche a livello dirigenziale, si sono espressi a favore dell’abbandono dell’attività in Russia. All’assemblea generale tenutasi all’inizio di aprile, sono emerse chiare critiche da parte degli azionisti.

Guerra contro l’Ucraina: la casa automobilistica Stellantis sospende le operazioni in Russia

La casa automobilistica Stellantis, che produce e vende i marchi Peugeot, Citroёn, Opel, Jeep e Fiat in Russia, ha cessato la produzione lì.

Naturalmente, le notizie negative dei media sulle aziende che continuano a fare affari con la Russia non sono passate inosservate. Infine, le ultime sanzioni statunitensi contro la Russia hanno svolto un ruolo che può essere facilmente espresso in forma di “sanzioni secondarie” in futuro.

Leggi di più dopo l’annuncio

Leggi di più dopo l’annuncio

Potrebbe significare che le aziende ancora attive in Russia dovrebbero ritirarsi dall’enorme mercato statunitense: “Da un lato, soppesare la perdita di reputazione, i dipendenti insoddisfatti e gli impatti negativi sul business altrove”, spiega Krieger. D’altra parte, è possibile che il compito di rinunciare al lavoro abbia cambiato importanza nelle ultime settimane a scapito degli affari in Russia. Ecco perché ora la corda è stata tirata”.

READ  E10 è in Germania, quindi teuer wie nie

“Nessun margine di profitto”

Le considerazioni economiche sembrano aver giocato il ruolo principale per Henkel. “È probabile che la bussola morale venga evidenziata nei media nella maggior parte delle aziende, ma in realtà gioca un ruolo secondario”, afferma Karsten Killian.

Il servizio in lingua russa di Deutsche Welle ora vede questa posizione confermata in seguito da una dichiarazione rilasciata dal presidente del consiglio di sorveglianza di Henkel, Simon Pagel, lo vede all’inizio di aprile. La pronipote del fondatore di Henkel Fritz Henkel ha difeso la permanenza in Russia, tra l’altro, dicendo che il sito non era economicamente attraente: “Continuare la nostra attuale attività in Russia non è una questione di profitto”, ha sottolineato, “in vista l’indebolimento del rublo e le difficoltà che sta attraversando il Paese. E soprattutto produciamo beni quotidiani per la popolazione”.

Il mercato russo potrebbe essere rivalutato

Dichiarazione rivelatrice di Deutsche Welle: “Il gruppo o subisce perdite in Russia”, La radio straniera tedesca speculaOppure, dopo aver superato tante difficoltà, finisce al meglio con uno zero nero.

Leggi di più dopo l’annuncio

Leggi di più dopo l’annuncio

Quindi si può presumere che Henkel lascerà la Russia non solo e non a causa dell’ulteriore escalation militare in Ucraina e del conseguente aumento del rischio di immagine, ma perché il mercato russo semplicemente non offre più alcuna prospettiva di successo nelle nuove condizioni.

Se è così, conclude Deutsche Welle, “allora la decisione di Henkel è davvero un evento storico, in quanto segna il possibile inizio della seconda ondata di società occidentali che voltano le spalle alla Russia: l’uscita di coloro che inizialmente sono rimasti, ma ora non vedono più motivo per continuare a investire denaro e sforzi in Russia.

Deutsche Welle considera il fatto che anche le major SAP e Stellantis, la società madre di Opel, abbiano annunciato il loro ritiro dalla Russia lo stesso giorno di Henkel come prova della loro tesi.

“Dai una possibilità al lavoro!” Il fascino ironico dello “spettacolo caldo” sembra dare sempre meno frutti in Russia.