Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Orban promette all’Ucraina miliardi di dollari in denaro dell’UE, ma non senza condizioni

Orban promette all’Ucraina miliardi di dollari in denaro dell’UE, ma non senza condizioni

  1. Home page
  2. Politica

Il veto dell'Ungheria ha impedito all'Unione Europea di stanziare miliardi di dollari a favore dell'Ucraina. Ma in un vertice straordinario dell’UE a Bruxelles, Viktor Orban ha abbandonato la sua resistenza.

Aggiornamento del 1 febbraio, 15:10: L’accordo in un vertice speciale dell’UE è arrivato più velocemente del previsto: il primo ministro ungherese Viktor Orban ha abbandonato il blocco degli aiuti dell’UE all’Ucraina. Tutti i 27 capi di Stato e di governo hanno approvato il previsto pacchetto di sostegno da 50 miliardi di euro, inclusa l’Ungheria. Questa svolta è arrivata dopo un piccolo incontro al quale ha partecipato anche il cancelliere Schulz.

La proposta di compromesso di Orban non è stata attuata: ha chiesto all'UE di votare ogni anno sugli aiuti all'Ucraina. L’Ungheria ha però fatto una piccola concessione: ha dato agli altri 26 paesi la possibilità di discutere nuovamente, dopo due anni, ad alto livello degli aiuti all’Ucraina. Tuttavia, le modifiche devono essere decise all’unanimità. Pertanto non è sufficiente che l’Ungheria richieda da sola un nuovo dibattito.

Primo rapporto: Orban promette all'Ucraina miliardi dall'Unione europea, a una condizione

BRUXELLES – Per mesi l’Unione europea è stata ai ferri corti con l’Ungheria a causa degli aiuti miliardari promessi all’Ucraina. Nello specifico, ammonterà a circa 50 miliardi di euro entro il 2027. Sembra che Viktor Orbán non abbia abdicato a lungo al suo potere di veto. Lo ha detto in un'intervista alla rivista francese poco prima del prossimo vertice straordinario dell'UE di giovedì Le PointCome può continuare a sostenere il pacchetto di aiuti?

READ  Erdogan non vuole una celebrazione da eroe per Ataturk

Il populista di destra ha spiegato di essere pronto a essere “parte della soluzione”. Tuttavia, potrà decidere di sbloccare i fondi solo se ogni anno si terrà una nuova votazione. Non ha potuto sostenere un progetto che regolerebbe i pagamenti fino al 2027. Alto dpa In questo contesto Orban fa riferimento anche alle imminenti elezioni dell’Unione Europea di giugno. Se i finanziamenti venissero decisi ora per i prossimi quattro anni, gli elettori potrebbero avere l’impressione che i loro voti non avranno comunque alcun impatto.

Il “freno d’emergenza” di Orban? I diplomatici fanno una controproposta all’Ungheria

All’interno dell’Unione Europea, il Primo Ministro ungherese resta completamente solo nelle sue posizioni. Solo il suo controverso omologo populista slovacco, Robert Fico, è disposto a schierarsi con il suo vicino in caso di dubbi. Tutti gli altri Stati membri dell’UE si rifiutano di tenere una votazione annuale e accusano l’Ungheria di ricatto. Orban sta cercando di usare la politica del veto per sbloccare i fondi dell’UE che sono stati congelati a causa delle preoccupazioni sullo stato di diritto. Il voto annuale significa che l’Ungheria può porre il veto ogni anno. Tuttavia, l’Ucraina ha urgente bisogno di una pianificazione e di un sostegno sicuri e a lungo termine.

I critici di Ursula von der Leyen accusano la Commissione europea di lasciarsi ricattare dal capo di Stato ungherese Viktor Orban. (Foto d'archivio) © Ludovic Marin/AFP

Diplomatici e funzionari dell'UE hanno risposto alla richiesta di Orban con una controproposta. Invece di risolvere il problema degli aiuti all’Ucraina ogni anno e all’unanimità, si può immaginare una sorta di “freno di emergenza”, secondo le informazioni ricevute dall’agenzia di stampa. Agenzia di stampa francese Al di fuori. Ciò consentirebbe al primo ministro ungherese di tenere discussioni annuali sugli aiuti.

Guerra in Ucraina: Zelenskyj continuerà a giurare nell'UE

Questa discussione mostra ancora una volta le diverse opinioni sulla Russia, con la quale l’UE e l’Ungheria si scontrano ripetutamente. “Non vogliamo intensificare la guerra”, dice Orbán. “Garantire un accordo è fondamentale per la nostra credibilità”, spiega il presidente del Consiglio UE Charles Michel.

READ  Crescita della popolazione mondiale: paura della "sovrappopolazione"

Al vertice straordinario dell'UE di giovedì, il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyj parlerà ai partecipanti tramite collegamento video e giurerà ancora una volta la solidarietà dell'UE. Il cancelliere Olaf Scholz (SPD) vuole esortare i suoi colleghi europei a fornire maggiori aiuti nazionali oltre al bilancio dell’UE. La Germania è al primo posto in Europa con impegni per un valore di 7 miliardi di euro per il 2024. (LM/AFP/AFP)