Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Nuove minacce: ‘Abbiamo ancora il Nord Stream 2’ – Putin accende la prossima fase della guerra del gas contro la Germania

SLa Germania guarda con ansia ad est da settimane. Perché da anni la quarta potenza economica più grande del mondo è diventata fatalmente dipendente dalla Russia per le sue forniture di gas naturale. Il governo federale sa che Vladimir Putin ha tra le mani l’Europa e la Germania in particolare. Ora il presidente russo ha iniziato a sfruttare radicalmente il suo potere d’invasione.

Martedì sera ha detto per la prima volta qualcosa di rassicurante. E la compagnia russa del gas Gazprom adempirà “totalmente” ai suoi obblighi. Ma più o meno nello stesso periodo ha avvertito l’Europa di ulteriori tagli alle forniture di gas russe attraverso il gasdotto del Mar Baltico, Nord Stream 1. Ha poi anche accennato che potrebbe cercare di persuadere l’Europa e la Germania a iniziare una guerra per respingere il Nord Stream 2 in stallo tubatura.

Mercoledì sera, Putin ha parlato a margine di un incontro ad alto livello con il presidente iraniano Ibrahim Raisi e il presidente turco Recep Tayyip Erdogan a Teheran. La capacità di produzione giornaliera del Nord Stream 1 potrebbe diminuire di nuovo in modo significativo se la Russia non ricevesse una turbina per la pipeline 1 che è stata riparata in Canada, ha confermato – e ha aggiunto: “Abbiamo ancora un percorso completato – questo è il Nord Stream 2. Possono farlo. ” Lo mettiamo in pratica”.

Il presidente della Russia al suo arrivo martedì all’aeroporto di Teheran

Fonte: AP / Konstantin Zavragin

Senza le turbine, la capacità produttiva giornaliera rischia di scendere a 33 milioni di metri cubi al giorno a fine luglio a causa della necessaria revisione di una “unità extra”. Si tratterebbe di quasi la metà dei 67 milioni di metri cubi di cui la Russia ha già ridotto la capacità da giugno.

Sarà solo un quinto della capacità massima del gasdotto di circa 150 milioni di metri cubi al giorno. Il gasdotto Nord Stream 1 – il più importante gasdotto dalla Russia alla Germania – è stato messo in servizio nel 2011. Il gasdotto, che ha una lunghezza di oltre 1.200 km, è attualmente completamente chiuso per manutenzione annuale.

Qui è dove troverai contenuti di terze parti

Per visualizzare i contenuti incorporati, è necessario il tuo consenso revocabile al trasferimento e al trattamento dei dati personali, poiché tale consenso è richiesto dai fornitori di contenuti incorporati in quanto fornitori di terze parti [In diesem Zusammenhang können auch Nutzungsprofile (u.a. auf Basis von Cookie-IDs) gebildet und angereichert werden, auch außerhalb des EWR]. Impostando l’interruttore a levetta su ON, accetti questo (che può essere revocato in qualsiasi momento). Ciò include anche il tuo consenso al trasferimento di determinati dati personali a paesi terzi, inclusi gli Stati Uniti d’America, in conformità con l’articolo 49, paragrafo 1, lettera a), del regolamento generale sulla protezione dei dati (GDPR). Puoi trovare maggiori informazioni a riguardo. Puoi revocare il tuo consenso in qualsiasi momento tramite il toggle e tramite Privacy in fondo alla pagina.

I lavori dovrebbero continuare fino a giovedì. Se e in che misura sarà nuovamente intensificato è oggetto di speculazioni in Germania e in Europa da diversi giorni. Un ruolo importante in questo è stato svolto da una turbina Siemens riparata in Canada.

Leggi anche

Quasi niente a Portovaya funziona senza questa turbina

È stato ostacolato a lungo dal governo di Ottawa a causa delle sanzioni occidentali a seguito della guerra aggressiva della Russia contro l’Ucraina. L’Ucraina ha esortato a non fornire turbine. Ma c’è stata una crescente preoccupazione in Occidente che Putin possa usare le turbine non consegnate come un’opportunità per tagliare ulteriormente le forniture di gas.

DWO_AP_Ostukraine_Gebiete_1807

La situazione attuale in Ucraina

Fonte: Mondo Infografico

Soprattutto, la Germania, che è molto dipendente dal punto di vista esistenziale dal gas russo, è riuscita a consegnare la turbina alla Repubblica Federale Tedesca con un permesso speciale in modo che potesse poi essere installata nel gasdotto baltico. Secondo il governo tedesco, la consegna della turbina è esente dalle sanzioni dell’UE contro la Russia perché non mira al transito del gas.

È stato riferito da Mosca che né la turbina né i documenti ad essa associati sono ancora arrivati. Inoltre, rimane dubbio se Vladimir Putin non troverà una nuova giustificazione per tagliare le forniture di gas anche con le turbine installate – e sembrerà ancora una volta che il governo federale sia superato nei suoi tentativi di affrontare in modo costruttivo il Cremlino.

In ogni caso, le dichiarazioni di Putin a Teheran indicano che anche dopo il completamento della manutenzione e anche se le turbine saranno installate, il gasdotto potrebbe non essere riportato a pieno regime. La menzione di Nord Stream ha anche fatto alzare le persone e prenderne atto.

Leggi anche

Ursula von der Leyen vuole assicurarsi competenze completamente nuove per la Commissione europea

Piano di emergenza della Commissione Ue

Putin ha improvvisamente aperto un collegamento tra i due gasdotti del Mar Baltico. Con la dichiarazione, Putin suggerisce che potrebbe chiudere deliberatamente il gasdotto Nord Stream 1 così tanto che l’Europa, temendo un inverno senza gas russo, accetterebbe persino di far funzionare il Nord Stream 2. Questa sarebbe una grande umiliazione simbolica. E come se non bastasse, Putin ha anche aggiunto che solo la metà del volume originariamente previsto sarà consegnato tramite l’oleodotto del Mar Baltico perché la Russia ha bisogno del resto per le esigenze interne.

Il Nord Stream 2 era molto controverso anche prima che la Russia invadesse l’Ucraina. L’oleodotto è stato chiuso da Germania e Russia nel 2015, un anno dopo l’annessione della Crimea e l’inizio della guerra russa nell’Ucraina orientale. Era chiaro fin dall’inizio che con due gasdotti Nord Stream, tutto il gas russo poteva fluire attraverso il Mar Baltico e che l’Ucraina e la Polonia potevano essere aggirate come paesi di transito. Ciò indebolirebbe notevolmente la posizione geostrategica di questi paesi.

Leggi anche

Sospetto incendio: un incendio in un deposito petrolifero nella città di Bryansk

Nonostante tutti gli avvertimenti, il governo federale – guidato dai ministri dell’SPD – ha portato avanti la costruzione del gasdotto. Di norma, l’attenzione era rivolta alle relazioni con la Russia e alla fornitura di gas a basso costo all’economia tedesca. Quasi nessuno a Berlino voleva sentire il fatto che dal 2014 ci sono state crescenti indicazioni che Vladimir Putin voglia cancellare l’Ucraina dalla mappa.

Solo il giorno dell’invasione dell’Ucraina il cancelliere Olaf Schultz (SPD) era pronto a sospendere il Nord Stream 2. La Germania ha sospeso il processo di approvazione per l’esercizio della linea. La fine del Nord Stream 2 è ancora considerata uno dei passi logici che la Germania ha intrapreso in risposta all’invasione russa dell’Ucraina.

Leggi anche

Il consigliere Olaf Schultz

Se la Repubblica Federale è ora costretta a riavviare il gasdotto perché ricattata da Vladimir Putin, sarà un nuovo simbolo del massiccio fallimento della politica energetica sotto i cancellieri Gerhard Schröder (SPD) e Angela Merkel (CDU).

Puoi ascoltare il podcast WELT qui

Per visualizzare i contenuti incorporati, è necessario il tuo consenso revocabile al trasferimento e al trattamento dei dati personali, poiché tale consenso è richiesto dai fornitori di contenuti incorporati in quanto fornitori di terze parti [In diesem Zusammenhang können auch Nutzungsprofile (u.a. auf Basis von Cookie-IDs) gebildet und angereichert werden, auch außerhalb des EWR]. Impostando l’interruttore a levetta su ON, accetti questo (che può essere revocato in qualsiasi momento). Ciò include anche il tuo consenso al trasferimento di determinati dati personali a paesi terzi, inclusi gli Stati Uniti d’America, in conformità con l’articolo 49, paragrafo 1, lettera a), del regolamento generale sulla protezione dei dati (GDPR). Puoi trovare maggiori informazioni a riguardo. Puoi revocare il tuo consenso in qualsiasi momento tramite il toggle e tramite Privacy in fondo alla pagina.

“Kick-off Politics” è il podcast di notizie quotidiane di WELT. L’argomento più caldo analizzato dai redattori di WELT e le date di oggi. Iscriviti al podcast su spotifyE il Podcast di AppleE il musica amazzonica O direttamente tramite feed RSS.

READ  Incidente precedente: l'Egitto chiede un risarcimento di 900 milioni di dollari