Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Notizie dall’Ucraina ++ Il governo ucraino licenzia sei viceministri della difesa ++

Notizie dall’Ucraina ++ Il governo ucraino licenzia sei viceministri della difesa ++

IOIn Ucraina verranno licenziati sei viceministri della Difesa. Tra loro c’è Hanna Maliar, nota al grande pubblico per le sue informazioni sulla situazione dei combattimenti.

Rimarrà in carica solo il primo vice Alexander Pavlyuk. Il nuovo ministro della Difesa Rustam Umgirov ha parlato su Facebook di un “nuovo inizio”. Secondo fonti del portale Internet “Ukrinskaya Pravda”, nessuno dei licenziati dovrebbe tornare al proprio posto.

Hanna Maliar è viceministro della Difesa da più di due anni

Fonte: Reuters

All’inizio del mese, il ministro della Difesa Oleksiy Reznikov ha presentato le sue dimissioni. Si dice che gli scandali riguardanti la corruzione nelle forniture militari e negli uffici di sostituzione militare abbiano contribuito al suo licenziamento. Resnikov ha sempre negato le accuse contro di lui.

Il suo successore, Umgirov, in precedenza era a capo del Fondo patrimoniale statale e, tra le altre cose, partecipò ai negoziati con la Russia nelle prime settimane di guerra. Omerov è il quarto ministro della Difesa sotto la presidenza di Volodymyr Zelenskyj da quando è entrato in carica nella primavera del 2019.

Qui troverai contenuti di terze parti

Per visualizzare il contenuto incorporato è necessario ottenere il tuo consenso revocabile al trasferimento e al trattamento dei dati personali, poiché i fornitori del contenuto incorporato richiedono questo consenso come fornitori di servizi terzi. [In diesem Zusammenhang können auch Nutzungsprofile (u.a. auf Basis von Cookie-IDs) gebildet und angereichert werden, auch außerhalb des EWR]. Impostando l’interruttore su “On”, accetti questo (revocabile in qualsiasi momento). Ciò include anche il tuo consenso al trasferimento di determinati dati personali a paesi terzi, inclusi gli Stati Uniti, ai sensi dell’articolo 49, paragrafo 1, lettera a) del GDPR. Puoi trovare ulteriori informazioni a riguardo. Puoi revocare il tuo consenso in ogni momento utilizzando il tasto privacy a fondo pagina.

Tutti gli sviluppi nella diretta streaming:

13:05 – L’Ucraina vuole fare causa a Polonia, Ungheria e Slovacchia per i divieti sull’importazione di cereali

L’Ucraina vuole fare causa ai paesi vicini Polonia, Ungheria e Slovacchia per il divieto di importazione di prodotti agricoli ucraini. “È importante dimostrare che queste misure sono giuridicamente sbagliate. Pertanto, domani intraprenderemo un’azione legale”, ha detto a Politico il rappresentante ucraino per il commercio Taras Kachka. È anche possibile che l’Ucraina imponga misure contro la Polonia se Varsavia non abbandona la sua rotta. “Dovremo agire.” “Misure di ritorsione per ulteriori prodotti e vieteremo l’importazione di frutta e verdura dalla Polonia.”

Venerdì Polonia, Ungheria e Slovacchia hanno annunciato le proprie restrizioni sulle importazioni di grano ucraino. La Commissione europea aveva precedentemente deciso di non estendere il divieto di importazione ai cinque vicini dell’Ucraina nell’Unione europea. Un divieto dell’UE imposto a maggio ha consentito a Polonia, Bulgaria, Ungheria, Romania e Slovacchia di vietare le vendite interne di grano, mais, colza e semi di girasole ucraini. Il trasporto di questi prodotti verso altri paesi era consentito.

READ  L'oligarca Roman Abramovich avvelenato nei colloqui di pace ucraini

Il governo di Kiev aveva già annunciato che avrebbe cercato un arbitrato internazionale a causa delle restrizioni.

10:36 – Sembra che la Russia stia concentrando le sue forze aeree attorno a due robot

Secondo gli esperti militari britannici, la Russia ha rafforzato ancora una volta con forze aviotrasportate le sue unità sotto pressione nella regione ucraina di Zaporizhzhya. E’ quanto emerge dal rapporto quotidiano dell’intelligence diffuso dal ministero della Difesa di Londra sulla guerra in Ucraina.

Di conseguenza, almeno cinque reggimenti erano di stanza al fronte, a diversi chilometri dal villaggio di Robotin. “A pieno regime, questa unità dovrebbe essere composta da circa 10.000 paracadutisti d’élite. Quasi tutte le unità probabilmente saranno significativamente a corto di personale”, ha detto in una nota il Ministero della Difesa. Con due robot, gli ucraini hanno sfondato la linea di difesa russa fortificata e minata.

Secondo gli inglesi, schierare soldati d’élite per rafforzare la linea del fronte probabilmente scontenterebbe i loro superiori. “Durante la guerra, i comandanti russi cercarono di ristabilire le forze aviotrasportate come forza altamente mobile per le operazioni offensive”. La dichiarazione prosegue affermando che i paracadutisti verranno ora nuovamente utilizzati come soldati di fanteria per rinforzare le forze di terra esaurite.

Leggi anche

10:00 – Due persone sono state uccise in attacchi di droni a sud di Kherson

Secondo i rapporti ucraini, due persone sono state uccise negli attacchi notturni dei droni nella regione a sud di Kherson. Il governatore della regione, Oleksandr Prokudin, ha detto che altre quattro persone sono rimaste ferite nell’attacco alla città di Berel. Secondo il governatore locale Uli Kiper, anche la zona intorno al porto di Izmail sul Danubio è stata bersaglio di attacchi.

11 droni sono stati abbattuti e una struttura di intrattenimento è stata colpita nella cittadina di Wilco. L’aeronautica militare ucraina ha riferito che 18 dei 24 missili da crociera in diverse regioni del paese sono stati abbattuti e 17 missili da crociera sono stati respinti.

9:00 – Zelenskyj mette in guardia dalla Terza Guerra Mondiale e paragona Putin a Hitler

Poco prima dell’inizio del dibattito generale ad alto livello delle Nazioni Unite, il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyj aveva lanciato l’allarme contro una terza guerra mondiale e aveva paragonato il capo del Cremlino Vladimir Putin ad Adolf Hitler. Zelenskyj ha affermato che la società russa ha perso il rispetto dell’opinione pubblica mondiale Intervista di 60 minuti della CBS. “Lo hanno eletto, rieletto e hanno portato un secondo Hitler”. Non puoi tornare indietro nel tempo, ma puoi fermare Putin adesso.

READ  Le barche sanzionate sono in sciopero: centinaia di vacanzieri russi sono bloccati ad Antalya

Zelenskyj ha continuato: “Se l’Ucraina cade, cosa succederà tra dieci anni?” Si chiedeva: se i russi arrivassero in Polonia, scoppierebbe la terza guerra mondiale? Pertanto, il mondo intero deve decidere se fermare Putin o se si vuole provocare lo scoppio di una guerra mondiale.

08:52 – L’Ucraina ha annunciato guadagni di terreno a est e a sud

L’Ucraina afferma di aver riconquistato più territorio sul fronte orientale. La settimana scorsa, i soldati ucraini hanno preso il controllo di due chilometri quadrati di terreno che circondano la città di Bakhmut, che le forze russe avevano conquistato a maggio dopo mesi di combattimenti, secondo il viceministro della Difesa ucraino Hanna Malgar. Furono catturate anche due città non molto a sud di Bakhmut.

Dall’inizio del contrattacco sono stati liberati complessivamente 51 chilometri quadrati vicino a Bakhmut. Nel frattempo, nella regione di Donetsk, le forze ucraine continuano a respingere l’attacco russo alle città di Avdiivka e Marinka. Ci sono stati progressi anche nel sud, mentre le forze ucraine avanzano verso il Mar d’Azov: nell’ultima settimana sono stati riconquistati 5,2 chilometri quadrati di territorio, il che significa che finora l’Ucraina ha riconquistato più di 260 chilometri quadrati nel sud. Nell’ambito del suo contrattacco che va avanti da tre mesi.

DWO_AP_Ucraina_180923

La situazione attuale in Ucraina

Fonte: Infografica Welt

7:55 – L’Ucraina ha segnalato diversi attacchi di droni russi

Secondo l’esercito, l’Ucraina è stata nuovamente attaccata da droni e missili russi durante la notte. L’aeronautica ucraina ha abbattuto 18 droni e 17 missili da crociera.

05:30 – Stoltenberg si unisce al dibattito sul passaggio di consegne del Toro

Nel dibattito sulla consegna dei missili Taurus tedeschi all’Ucraina, il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg ha sottolineato l’importanza di questi sistemi d’arma nella guerra. Stoltenberg ha dichiarato ai giornali del Funke Media Group, secondo il rapporto iniziale, di accogliere con favore il fatto che “alcuni alleati – Gran Bretagna, Francia e Stati Uniti – abbiano già fornito sistemi missilistici a lungo raggio”.

READ  Notizie dall'Ucraina: ++Critica all'immagine di genere nell'esercito ucraino ++

La Germania è un paese leader nel fornire sostegno militare all’Ucraina. Il forte sostegno della Germania all’Ucraina – compresi i carri armati e i sistemi di difesa aerea – sta facendo una differenza cruciale. L’Ucraina ha il diritto all’autodifesa sancito dalla Carta delle Nazioni Unite. Ha aggiunto: “Se prendiamo sul serio la Carta delle Nazioni Unite, dobbiamo aiutare l’Ucraina a difendersi”.

Non vede un pericolo immediato di escalation nucleare. Ha aggiunto: “Stiamo monitorando attentamente ciò che sta facendo l’esercito russo. “Finora non abbiamo notato alcun cambiamento nelle forze nucleari russe che ci spinga a reagire.” Allo stesso tempo, Stoltenberg ha sottolineato che la NATO è pronta ad usare le armi nucleari. “L’obiettivo della NATO è prevenire la guerra, in particolare la guerra nucleare. Abbiamo un deterrente credibile”.

05:04 – Mosca ha annunciato la presenza di difese contro i droni ucraini in diverse zone

La Russia afferma di aver respinto i droni ucraini in diverse aree lunedì sera. I droni sono stati intercettati “sulle regioni occidentali, sud-occidentali, nord-occidentali e orientali della penisola di Crimea, sulle regioni dell’Istria (ovest) e di Domodedovo (sud) della regione di Mosca e (…) a Belgorod e Voronezh (sud-ovest).” Lo ha detto il ministero della Difesa russo su Telegram. Inizialmente non è stata fornita alcuna informazione sul numero esatto di droni o di vittime.

Nel frattempo, il ministero della Difesa ha affermato che una fabbrica di carri armati a Kharkiv, nel nord-est dell’Ucraina, dove vengono riparati i carri armati delle forze armate ucraine, è stata sottoposta ad un attacco missilistico.

4:08 – Pechino: il ministro degli Esteri cinese Wang si reca in Russia

Lunedì il ministro degli Esteri cinese Wang Yi si recherà in Russia. Secondo il Ministero degli Esteri cinese, Wang visiterà la Russia per colloqui sulla sicurezza dal 18 al 21 settembre su invito del segretario del Consiglio di sicurezza di Mosca Nikolai Patrushev. Si tratta di un’altra visita ad alto livello tra i due paesi alleati, che spesso sottolineano la loro partnership “senza confini” e lodano la cooperazione economica e militare.

Leggi anche

Un dipendente lavora sulla catena di montaggio di una torre di turbina eolica presso la fabbrica del costruttore navale statale cinese Haizhuang Windpower

In precedenza, il ministero degli Esteri russo aveva affermato che Wang incontrerà il suo omologo russo, Sergei Lavrov, e che i due intendono “concentrarsi sul rafforzamento della cooperazione sulla scena internazionale”.

Un portavoce ha detto che ci sarà uno “scambio di opinioni dettagliato su questioni relative alla risoluzione del conflitto in Ucraina”. Di conseguenza, è necessario discutere “le modalità per garantire stabilità e sicurezza nella regione dell’Asia-Pacifico”.

00:02 – Un gruppo attorno alla Russia vuole vietare le dichiarazioni delle Nazioni Unite

Un gruppo di paesi che circondano la Russia vogliono bloccare diverse dichiarazioni che dovrebbero essere adottate dalla comunità internazionale durante il prossimo dibattito generale delle Nazioni Unite. Ciò include, tra le altre cose, un testo volto a promuovere gli obiettivi di sostenibilità delle Nazioni Unite. Oltre alla Russia, domenica hanno firmato la lettera corrispondente anche Bielorussia, Bolivia, Cuba, Corea del Nord, Eritrea, Iran, Nicaragua, Siria, Venezuela e Zimbabwe.

Nella lettera indirizzata al presidente dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite, Denis Francis, gli undici firmatari si sono lamentati delle sanzioni a cui sono soggetti i paesi, dannose per il loro sviluppo. La Russia è stata sottoposta ad una serie di misure punitive a causa dell’invasione dell’Ucraina.