Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Nonostante le accuse di tortura: INTERPOL elegge il nuovo presidente

Stato: 25.11.2021 13:14

È accusato di aver partecipato alla tortura: questo è il motivo per cui ha intentato azioni legali in cinque paesi contro il maggiore generale degli Emirati, il principale. Ora l’organizzazione di polizia Interpol ha scelto quest’uomo come nuovo capo.

L’organizzazione internazionale di polizia, INTERPOL, ha eletto il maggiore generale degli Emirati Arabi Uniti, Ahmed Al Raisi, come nuovo capo. Al-Raisi è stato in precedenza un ispettore generale del Ministero dell’Interno. In un’assemblea generale dei 195 Stati membri dell’Interpol a Istanbul, ha ottenuto la maggioranza richiesta per quattro anni, ha annunciato l’organizzazione su Twitter.

L’ex presidente è scomparso durante un viaggio in Cina

Circa 470 capi di polizia, ministri e altri rappresentanti di oltre 160 paesi hanno partecipato all’incontro di tre giorni a Istanbul. Ogni paese partecipante poteva esprimere un voto alle elezioni. L’Interpol ha annunciato la vittoria di Raisi alla presidenza dopo tre sondaggi, con il 68,9 per cento dei voti.

Le elezioni sono state contrassegnate da suspense dopo la scomparsa dell’ex presidente cinese Meng Hongwei durante un viaggio in Cina nel 2018. È stato arrestato e accusato di corruzione. A causa delle sue dimissioni, il vicepresidente dell’Interpol sudcoreano Kim Jong-yan è diventato presidente. Il suo mandato doveva scadere nel 2020, ma è stato prorogato di un anno a causa della pandemia di coronavirus.

Gli Emirati possono arrestare gli oppositori politici

I critici hanno espresso preoccupazione per il fatto che se gli Emirati Arabi Uniti dovessero eleggere il loro candidato, l’influenza dell’Interpol potrebbe fermare gli oppositori esiliati del paese e gli oppositori politici.

READ  Trump nomina Liz Cheney al Capitol Storm Committee

Heba Zayadin di Human Rights Watch ha detto in un’intervista a ARD: “Non importa come gli Emirati Arabi Uniti cercano di ritrarre se stessi, è probabilmente uno dei paesi più autoritari del Golfo. Le autorità degli Emirati Arabi Uniti hanno costantemente ignorato la libertà di espressione dal 2011. Il governo arresta arbitrariamente le persone che criticano le autorità e le fa sparire con la forza”, così Zayadin. “I residenti degli Emirati Arabi Uniti che hanno sollevato questioni relative ai diritti umani sono a rischio di arresti arbitrari, detenzione e tortura”.

E il principale è in buon contatto

Il presidente principale doveva incontrare deputati e funzionari governativi di tutto il mondo durante la sua campagna presidenziale. Ha messo in evidenza le sue testimonianze di istituzioni nel Regno Unito e negli Stati Uniti e anni di esperienza di polizia. Al Raisi ha affermato che è stato “un grande onore essere eletto come prossimo presidente dell’Interpol. L’Interpol è un’organizzazione indispensabile costruita sulla forza delle sue partnership”, secondo l’Interpol.

Critici principali: prove di una “politica della tortura”

Dal punto di vista dei critici, il Raisi rappresenta un apparato di sicurezza aggressivo in cui le persone che criticano il governo sono detenute arbitrariamente o addirittura torturate. Contro di lui sono state intentate azioni legali relative ad accuse di tortura in almeno cinque paesi. In Turchia, gli avvocati hanno sporto denuncia per conto del Golf Center for Human Rights. L’annuncio diceva che c’erano prove evidenti che fosse responsabile delle sue “politiche di tortura” contro gli oppositori politici.

Il secondo maggiore azionista di Emirates Airlines

Gli Emirati Arabi Uniti hanno già iniziato a fare donazioni su larga scala all’Interpol nel 2015 e hanno sollevato dubbi sul fatto che lo stato volesse acquistare influenza con loro. L’organizzazione, con sede a Lione, vive dei contributi di 195 Stati membri. Gli Emirati Arabi Uniti sono il secondo azionista dopo gli Stati Uniti.

READ  Solo un bambino è sopravvissuto: due adolescenti hanno picchiato a morte 14 canguri - Notizie Estere

Il Segretario Generale è responsabile delle operazioni quotidiane dell’INTERPOL. L’operatore storico è la società tedesca Jürgen Stock. Il capo sovrintende al lavoro della polizia e dà la direzione generale al corpo di polizia.

L’INTERPOL ha annunciato l’elezione del brasiliano Valdisi Urquiza a vicepresidente del servizio di polizia statunitense e del nigeriano Garba Baba Omar a vicepresidente dell’Africa. I delegati dell’Interpol hanno votato per accettare la Micronesia come 195esimo membro delle forze di polizia.

Con informazioni di Bjorn Blaschke, ARD-Studio Cairo