Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Nils Aldag, co-fondatore di Sunfire: "L'idrogeno, uno dei mercati energetici più interessanti"

Nils Aldag, co-fondatore di Sunfire: “L’idrogeno, uno dei mercati energetici più interessanti”

Nils Aldge, co-fondatore di Sunfire
“Idrogeno, uno dei mercati energetici più interessanti”

Scritto da Lucille Gagnaire

L’idrogeno è un importante faro di speranza per la transizione energetica, soprattutto perché le importazioni di gas dalla Russia sono sempre più soggette a riserve. Per produrlo sono necessari elettrolizzatori, una tecnologia in cui la start-up di Dresda Sunfire è un pioniere.

Dall’attacco russo all’Ucraina, la produzione di idrogeno è passata dall’essere un argomento esperto a un progetto prioritario. La fonte di energia, tendenzialmente a basso contenuto di inquinanti, è sempre stata intesa come elemento costitutivo della rivoluzione energetica e come mezzo di accumulo. Ma la pressione per ridurre la dipendenza dal gas russo il più rapidamente possibile ha aumentato notevolmente la domanda di idrogeno. “Dall’inizio di quest’anno, c’è stata un’ulteriore dinamica”, afferma Nils Aldag, CEO di Sunfire. Sul podcast “Ora zero”. “L’idrogeno è diventato uno dei mercati energetici più interessanti di sempre”.

L’azienda con sede a Dresda costruisce l’elettrolizzatore – sistemi che generano idrogeno mediante elettrolisi – e si affida a un mercato fiorente: settori come i produttori di acciaio, prodotti chimici e cemento si affidano all’idrogeno per raggiungere la neutralità climatica. Si prevede che la domanda globale di idrogeno aumenterà da 71 a 88 megatoni tra il 2019 e il 2030 e raddoppierà a 137 milioni di tonnellate entro il 2040. Nella sola Germania, la domanda potrebbe salire a 3,3 milioni di tonnellate entro il 2030.

Aldag ha fondato Sunfire nel 2010 con Carl Berninghausen e Christian von Olshausen, in un momento in cui anche gli investitori avevano scarso interesse per l’idrogeno: “All’epoca, sollevare il tema dell’idrogeno e del business ad alta intensità di investimenti era un vero disastro perché non era chiaro all’epoca come si svilupperebbe. Margini”, afferma Aldaj.

Dodici anni dopo, sembra chiaro che Aldug ei suoi collaboratori avevano ragione. Poche aziende hanno le conoscenze per produrre un elettrolizzatore su scala industriale. Secondo Aldag, Sunfire è uno dei cinque maggiori produttori di elettrolisi al mondo. L’azienda impiega 370 persone a Dresda e in altre due sedi in Germania e Svizzera. È stata commissionata dal Gruppo RWE Energy per la fornitura dell’impianto di elettrolisi dell’idrogeno verde, ovvero idrogeno prodotto con energie rinnovabili. Nel 2022, la società ha ricevuto 195 milioni di euro in un round di finanziamento da investitori come Copenhagen Infrastructure Partners e Lightrock. “In termini di personale, ordini ricevuti e finanziamento, possiamo confrontarci con la divisione elettrolisi di Thyssenkrupp o Siemens”, afferma l’amministratore delegato.

Nils Aldag ritiene che gli obiettivi politici tedeschi ed europei per promuovere l’uso dell’idrogeno “richiedano molti sforzi”: “Se possiamo iniziare domani mattina, l’obiettivo sarà già realizzabile”, afferma. I produttori sono “sul campo” e vogliono investire in capacità di produzione e personale. Tuttavia, si tratta “solo di obiettivi e non di una domanda reale”, afferma Aldag. Affinché questo possa uscire dalla fase di prototipo, sono necessarie “persone competenti in grandi quantità”. “Se a un certo punto la domanda reale non arriva e il sostegno politico non aumenta ulteriormente, sarà sicuramente poco tempo per raggiungere gli obiettivi”, afferma il CEO di Sunfire.

Ascoltare Nella nuova puntata de “L’Ora Zero”:

  • Da dove viene il nome Sunfire
  • Perché Sunfire ha continuato ad acquistare aziende
  • Perché la società ha sede a Dresda?

Tutti gli episodi possono essere trovati direttamente su AudioNowE Mela o spotify o attraverso Il Google.

READ  La Franconia centrale è un luogo attraente per le imprese