Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Nessun test o quarantena: le persone vaccinate viaggiano più comodamente in questi paesi

Nessun test o quarantena
Le persone vaccinate viaggiano in questi paesi senza preoccupazioni

Il tasso di infezione è in calo, il tasso di vaccinazione è in aumento, le vacanze estive si avvicinano: soprattutto per chi è stato vaccinato e si è ripreso, i viaggi in alcuni Paesi sono quasi gli stessi di prima della pandemia. Anche il ritorno è meno stressante. Ecco una panoramica dei luoghi in cui è facile viaggiare durante la vaccinazione.

L’estate è arrivata e, nonostante la pandemia di Corona in corso, è di nuovo possibile viaggiare all’interno dell’Unione Europea. È più facile per coloro che sono già stati vaccinati o che sono sopravvissuti a un’infezione da corona: molti paesi ora fanno a meno dei test e della quarantena quando entrano nel paese. Ma ci sono anche meno ostacoli che ti aspettano per tornare in Germania. Ecco una panoramica dei punti più importanti:

Quando sei considerato completamente o in fase di recupero?

  • Vaccinazione completa: Se sono trascorsi almeno 14 giorni dalla seconda vaccinazione. Tuttavia, ci sono delle eccezioni: con il vaccino Johnson & Johnson e dopo essere sopravvissuti a un’infezione da corona, è sufficiente una dose del vaccino.
  • Recupero: Se sei stato infettato da corona per almeno 28 giorni e non più di sei mesi.

Come dimostri di essere stato completamente vaccinato o guarito?

  • Vaccinazione completa: La prova della vaccinazione può essere effettuata in forma digitale come il certificato di vaccinazione digitale pianificato, ma anche in forma cartacea: qui è sufficiente una tessera di vaccinazione gialla dell’OMS.
  • recuperato: Un risultato positivo del test PCR dopo almeno 28 giorni ma non prima di 6 mesi è considerato una prova.

Quando arriverà il certificato di vaccinazione europeo digitale?

Dal 1 luglio, un certificato di vaccinazione europeo digitale semplificherà i viaggi per gli europei. Oltre alle informazioni sulle vaccinazioni, le informazioni sui test o sui casi di coronavirus sopravvissuti sono memorizzate in un codice QR. Ma fino ad allora, un certificato giallo di vaccinazione rilasciato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità è ancora valido come possibile prova della vaccinazione completa.

In quali paesi europei è più facile l’ingresso per coloro che sono stati completamente vaccinati e che sono guariti?

Per tutti i vacanzieri nella maggior parte dei paesi, è sufficiente un test corona negativo all’ingresso nel paese – a volte è necessaria una quarantena di dieci giorni in seguito. Tuttavia, nei seguenti paesi, questi requisiti non sono più applicabili alle vaccinazioni complete e alla convalescenza (a partire dal 3 giugno 2021):

  • Appena test corona negativo Essenziale, che non vale per chi è stato vaccinato o guarito: Grecia, Croazia, Austria, Polonia, Madeira (Portogallo), Spagna (dal 7 giugno), Turchia, Cipro (almeno un È sufficiente la prima vaccinazione tre settimane prima).
  • Test corona negativo Così come dieci giorni Pietra Essenziale, che è stato omesso per i vaccinati o guariti: la Danimarca.
  • quando si entra Svizzera Dal 3 giugno non è richiesto alcun test, quarantena, prova di vaccinazione o sopravvivenza all’infezione per tutti i cittadini tedeschi.

In alcuni altri paesi, non c’è ancora alcun sollievo per coloro che sono stati completamente vaccinati o si sono ripresi:

  • Un test corona negativo è necessario anche per le persone che sono state vaccinate o che sono convalescenti: Belgio (sette giorni di quarantena necessari per soggiorni lunghi), Francia, Irlanda (necessari anche per la quarantena), Italia, Malta, Paesi Bassi, Portogallo (eccetto Madeira) e Svezia.
  • Caso speciale NorvegiaLa Norvegia non ha ancora permesso a nessun turista di entrare nel paese.

Cosa si applica ai figli di persone che sono state completamente vaccinate?

I figli di genitori vaccinati dovrebbero essere esentati dall’obbligo di quarantena quando si viaggia in vacanza in Europa – almeno questa è una raccomandazione della Commissione europea. La Danimarca lo sta già utilizzando: i bambini non vaccinati di età compresa tra 15 e 17 anni devono presentare un test dell’antigene negativo o un test PCR all’ingresso nel paese. Non è previsto alcun test obbligatorio per i minori di 15 anni. Soluzioni simili sono previste nel caso di altri paesi di viaggio entro l’estate.

Non solo i cittadini tedeschi che sono stati vaccinati e reintegrati godono di benefici quando entrano in altri paesi, ma ci sono anche alcuni requisiti per loro quando tornano in Germania. Tuttavia, dipende dal fatto che tu sia stato precedentemente esposto al rischio, un’area con un alto tasso di infezione o un’area alterata del virus. e.Una panoramica di cosa considerare:

Quali tipi di zone pericolose esistono?

  • Aree di pericolo: Aree con un aumentato rischio di infezione da SARS-CoV-2. La maggior parte dei paesi e delle regioni del mondo sono ancora attualmente classificate come aree a rischio.
  • Aree ad alta infestazione: Aree di incidenza particolarmente elevata per 7 giorni – di solito oltre 200. Un’area può essere classificata come area ad alta incidenza anche per altri motivi – ad esempio se il tasso di test è basso e il tasso di positività è allo stesso tempo alto. Attualmente in Europa, Lituania, Svezia e Turchia sono aree con un tasso elevato – al di fuori dell’Europa anche destinazione di vacanza in Tunisia.
  • Regione variante del virus: In queste regioni, i tipi di virus SARS-CoV-2 sono comuni e non si sono ancora diffusi in Germania. Contare in Europa Regno Unito, Isola di Man e tutte le Isole del Canale plus (tutte le varianti delta). Al di fuori dell’Europa ci sono l’India (la versione delta), il Sudafrica (la variante beta) e il Brasile (la variante gamma).

La classificazione di regioni e paesi come regioni ad alto rischio, ad alto rischio o che cambiano virus cambia di volta in volta. I Paesi Bassi, che un tempo erano un’area ad alta infezione, sono ora considerati un’area a rischio. Bulgaria, Ungheria, Polonia, Liechtenstein, Monaco e alcune parti della Spagna non sono più aree a rischio.

Questo crea un elenco completo di paesi che rientrano in qualsiasi categoria Istituto Robert Koch. L’elenco è costantemente aggiornato: prima di partire per una destinazione di vacanza, i viaggiatori dovrebbero conoscere lo stato della destinazione.

Rientro dalle zone pericolose

Come regola generale, ogni persona che è stata in una zona pericolosa negli ultimi dieci giorni prima di entrare in Germania (il transito non è incluso) dovrebbe considerare tre punti:

  1. Prima di entrare nel paese deve essere acceso Il cancello d’ingresso È necessario compilare un login digitale.
  2. Un test negativo deve essere dimostrato al più tardi 48 ore dopo l’ingresso nel paese.
  3. I rimpatriati dalle aree a rischio devono rimanere in quarantena per dieci giorni. A seconda della zona di pericolo e dello stato federale, questa quarantena può essere abbreviata da un test negativo (informazioni a riguardo sui siti web degli stati federali).

Vantaggio per coloro che sono completamente vaccinati e che sono guariti: Nessun requisito di test – Tuttavia, la prova della vaccinazione o dell’infezione residua deve essere fornita su Il cancello d’ingresso da depositare. Quindi, l’obbligo di quarantena non sarà più applicabile anche dopo il tuo ritorno.

di ritorno da Aree ad alta infezionen

Quando si entra da aree ad alto tasso di infezione, ai cittadini tedeschi si applicano regole più severe. Un risultato negativo del test dovrebbe essere già disponibile al momento dell’ingresso. C’è anche una quarantena di dieci giorni, durante la quale puoi metterti alla prova gratuitamente dopo cinque giorni al massimo.

Anche qui chi è stato completamente vaccinato e si è ripreso ha un vantaggio: non deve essere sottoposto a test né messo in quarantena. Tuttavia, anche in questo caso, il presupposto è che abbiano evidenza di vaccinazione o di un’infezione sopravvissuta al Il cancello d’ingresso depositare.

di ritorno da Regioni variabili di virus

Al ritorno da un’altra regione del virus come Gran Bretagna, Brasile, Sud Africa o India, coloro che sono stati completamente vaccinati o guariti non hanno alcun vantaggio. Perché anche per loro valgono le stesse regole ferree: devono presentare un test negativo all’ingresso ed essere messi in quarantena per quattordici giorni dopo il rientro. Anche la quarantena non può essere abbreviata.

Una particolarità al ritorno in aereo

C’è un regolamento speciale per il ritorno in aereo. Perché in questo caso non importa se si tratta di una zona pericolosa, ad alto tasso o variante virale: tutti i passeggeri devono presentare un test negativo al check-in. Fatta eccezione per il volo di ritorno dalla regione variante del virus, questo test non si applica a coloro che sono stati completamente vaccinati o sono guariti. In questo caso è sufficiente esibire prova di ciò allo sportello al momento del check-in.

Dove posso ottenere maggiori informazioni?

Informazioni sulle attuali normative di viaggio sono disponibili sui seguenti siti Web:

READ  Donald Trump insulta i principali repubblicani e intimidisce i principali donatori