Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Nelle persone di età compresa tra 50 e 70 anni, non dormire a sufficienza può aumentare il rischio di sviluppare la demenza

Per anni discutiamo della misura in cui il nostro comportamento del sonno influisce sul declino cognitivo e sui processi di cambiamento cognitivo. Uno studio attuale e completo dalla Gran Bretagna ha ora scoperto che un sonno scadente tra i 50 ei 70 anni comporta un aumento del rischio di sviluppare la demenza. FITBOOK mostra i dettagli più importanti sullo studio.

I cambiamenti nei modelli di sonno sono comuni nelle persone con malattia di Alzheimer e altri tipi di demenza. Gli scienziati ritengono che ciò sia dovuto a uno squilibrio nel ciclo sonno-veglia dovuto a processi fisiopatologici nel cervello. Oltre ai disturbi del sonno, c’è un crescente interesse nella ricerca sulla relazione tra la durata del sonno e la demenza. Periodi di sonno brevi e lunghi possono essere rumorosi Studi di vigilanza Può essere associato ad un aumentato rischio di declino cognitivo e demenza. Tuttavia, molti di loro si basano su periodi di studio inferiori a 10 anni. Un recente studio di un gruppo di ricerca internazionale ha ampliato questo studio e ha trovato una chiara relazione tra il sonno povero e un aumento del rischio di sviluppare la demenza.

Corso di studio

Quasi 8.000 persone sane provenienti dalla Gran Bretagna hanno partecipato allo studio per un periodo di 25 anni e i suoi risultati sono ora inNature Communications“È stato pubblicato. All’inizio dello studio, tra il 1985 e il 1988, avevano entrambi 50 anni. Durante il corso dello studio, ai partecipanti allo studio è stato chiesto sei volte il loro comportamento durante il sonno e, in particolare, quanto tempo hanno dormito.

READ  Il pericolo negli hamburger: il formaggio fuso è molto malsano

I fattori che influenzano il comportamento e la durata del sonno sono stati esaminati in dettaglio dal team di ricerca. Questi includevano, ad esempio, l’attività fisica e la dieta dei partecipanti allo studio, il comportamento al fumo e il consumo di alcol. Anche condizioni preesistenti come alta pressione sanguigna E il DiabeteSono state registrate anche le condizioni educative e di vita.

Inoltre, le persone con malattie mentali, come B. La depressione, un comprovato fattore di rischio per lo sviluppo di disturbi del sonno, è divisa in gruppi separati. Ciò garantisce che il comportamento del sonno si cristallizzi in questo modo e possa essere valutato senza fattori distorti. I soggetti del test sono stati divisi in tre diversi gruppi in base al loro comportamento durante il sonno ed esaminati utilizzando questionari nel corso dello studio.

Interessante anche: Chi va a letto presto può avere un minor rischio di sviluppare la depressione

Dormire meno di sei ore aumenta il rischio di sviluppare la demenza del 30 percento

Alla fine dello studio, 521 dei 7959 partecipanti allo studio avevano una demenza con un’età media di 77 anni. È stato riscontrato che coloro che hanno riportato un sonno medio regolare di sei ore o meno avevano un rischio maggiore del 30% di sviluppare la demenza nei successivi tre decenni. Nessuna differenza significativa è stata trovata tra uomini e donne. Un’altra scoperta importante è che il legame tra un sonno povero e un aumento del rischio di demenza non è dovuto alla salute mentale.

Se il sonno povero è una causa di demenza o un sintomo di una malattia che appare in seguito, il tanto discusso problema della gallina e dell’uovo può essere riesaminato utilizzando i risultati dello studio. È improbabile che i sintomi compaiano molto presto, circa 30 anni prima che la malattia si sviluppi, secondo il medico. Kristin Yaffe, professore di neurologia e psichiatria presso l’Università della California, in una conversazione conIl New York TimesDa ciò, Yaffe, che non è stato coinvolto nello studio, ha concluso che la mancanza di sonno potrebbe essere classificata come un fattore di rischio per la malattia.

READ  I denti di gesso nei bambini in Turingia sono una malattia nuova e diffusa | Discussioni

Dott. Eric Mosick, neurologo presso il Center for Biorhythms and Sleep dell’Università di Washington, conferma questa ipotesi al New York Times. Data l’età relativamente giovane dei soggetti intervistati all’inizio dello studio, è alta la possibilità che non si verifichino processi patologici nel cervello in questo momento.

Interessante anche: I pazienti con demenza hanno il doppio delle probabilità di contrarre il Covid-19

Classificazione critica dello studio

Secondo gli esperti, potrebbero esserci imprecisioni nell’analisi dei dati a causa delle auto-segnalazioni dei partecipanti *. Con l’ausilio di metodi di misurazione è stato effettuato un confronto oggettivo tra i rapporti e l’effettivo comportamento durante il sonno. Tuttavia, ciò è stato fatto troppo tardi, solo una volta con solo la metà dei partecipanti.

Un altro punto critico è la scelta degli stessi partecipanti allo studio. A causa della loro discendenza uniforme, dell’istruzione superiore e dello stato di salute superiore alla media, questi non possono essere considerati rappresentanti dell’intera popolazione britannica.