Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Nations League: la retrocessione motiva di più la squadra

Basta guardare la classifica mondiale: come numero 33, l’Austria era un chiaro outsider nel Gruppo A con i vice campioni del mondo Croazia (15), i campioni del mondo Danimarca (10) e Francia (4), quindi tutto tranne la retrocessione sarebbe una sorpresa. Al momento è bastata una sola vittoria, che è arrivata inizialmente in Croazia, quando ha vinto 3-0 all’esordio del capo allenatore.

Seguono le sfortunate perdite di punti contro Danimarca (1-2) e Francia (1-1), prima di due meritate sconfitte, seguite da Copenaghen (0-2) e Saint-Denis (0-2). 1:3 contro la Croazia era di nuovo in una categoria evitabile, ed è qui che la squadra vuole iniziare.

Rangnick si autocritica

Per la nazionale austriaca le speranze di rimanere al vertice della Nations League domenica non si sono avverate. Un pareggio per 1-3 con la Croazia all’Ernst Habil Stadium ha retrocesso il Gruppo B in Seconda Divisione. Il capo della squadra Ralph Rangnick era autocritico.

“Dobbiamo tirare fuori giochi come questo dalla nostra parte e decidere da soli. Sarà molto importante quando ci dirigeremo verso l’Europeo”, ha detto Rangnick. David Alaba lo ha espresso in modo simile: “Abbiamo giocato spesso buone partite, ma alla fine siamo rimasti a mani vuote. Dobbiamo liberarcene lentamente. Ma quando guardo alla nostra squadra, a come giochiamo, a quanto è ambiziosa, non sono preoccupato per il futuro”.

“C’era di più in generale”

Non sorprende che nessuna lacrima sia stata versata dopo la sua retrocessione nella Lega Due delle Nazioni Unite. Il risultato era così prevedibile e la concorrenza così irrilevante. Friendly Games Plus è servito a Rangnick principalmente per conoscere meglio la sua nuova squadra ai massimi livelli e continuare a plasmarla per il futuro.

READ  Gasly si unisce a Alpine - Alpha Tauri porta de Vries - Sport

“Abbiamo giocato quattro belle partite su sei e dominato per lunghi periodi. Due trasferte in Danimarca e Francia non abbiamo giocato bene, quindi meritavamo di perdere. Purtroppo abbiamo segnato solo quattro punti nelle altre quattro partite. C’era di più, e avevamo ancora bisogno di un ulteriore sviluppo”, ha riassunto domenica il 64enne.

Geba / Johannes Friedel

Per Rangnick, le apparizioni nella Società delle Nazioni erano un posizionamento e una base per il futuro

Nell’ultima partita contro la Croazia, il suo allievo Christoph Baumgartner ha realizzato l’inversione della fase a gironi. “Abbiamo dimostrato di poter giocare con squadre di livello mondiale a questo livello. Ma ovviamente ci manca Alzerl”. Proprio come lui, per diventare finalmente un titolare a Rangnick, che era già sotto Franco Foda. Il suo gioco contro la palla, un elemento chiave sotto la sua guida Rangnick, sembri ancora in grado di migliorare.

Crudeltà e domande di posizione

È anche possibile vincere partite contro queste squadre top. Questo sarà fondamentale se vuoi prendere parte ai Campionati Europei in Germania. Non vuoi solo essere lì, “ma anche recitare un ruolo”, conferma Rangnick più volte. “A causa della nostra spietatezza, non segniamo né subiamo gol nei momenti cruciali. Il passo successivo dovrebbe essere non solo portare le grandi nazioni sull’orlo della sconfitta, ma anche ‘ucciderle’ e riportare a casa la vittoria”.

Christoph Baumgartner (Università americana)

Jeba/Filippo Bremm

L’Austria non vuole più perdere grandi opportunità per il futuro

Alaba ha anche preso l’istinto atletico del killer. Lo abbiamo già dimostrato, ma spesso no. Soprattutto quando giochiamo contro squadre del genere. Siamo in fase di sviluppo. Ma dobbiamo fare qualcosa per fare il passo successivo. Oggi abbiamo mostrato cosa ci eravamo prefissati di fare per oltre 60 minuti. Ora è il momento di mostrarlo nel corso di 90 minuti. “Rangnick ha preso la stessa linea: ‘Si tratta anche di giocare partite come questa senza una porta inviolata o di subire un massimo di gol'”. Anche se ora è doloroso, ha portato ancora una volta nuove intuizioni”.

Nel frattempo, sono stati confermati i risultati precedenti, vale a dire eccesso di personale e carenza di personale nei posti. “Abbiamo molti buoni difensori e anche molti buoni centrocampisti”, ha spiegato Rangnick, che questa volta ha permesso a Marcel Sabitzer di giocare lì, poiché abbiamo problemi con le posizioni di terzino.

Per quanto riguarda i portieri, il tedesco al momento è rimasto basso, ma Patrick Bentz ha recentemente fatto più autopromozioni in Francia rispetto a Heinz Lindner domenica, anche perché il portiere del Reims si presenta meglio con la palla tra i piedi.

Camp come il prossimo passo verso il Campionato Europeo

Prossimo punto all’ordine del giorno: Il 9 ottobre si decideranno i gironi di qualificazione agli Europei. Dopo l’atterraggio, l’Austria è stata ritirata dal secondo piatto, che non è nemmeno una gamba rotta. “Abbiamo abbastanza fiducia in noi stessi con questa squadra per qualificarci per l’Europeo, indipendentemente dal fatto che siamo usciti dal primo o dal secondo piatto”, ha detto Rangnick, che ha chiesto un ritiro in Spagna. L’avvitamento deve continuare a novembre.

Nel 2022 giocherà ancora a Malaga contro Andorra e nella giornata di apertura dei Mondiali in Qatar a Vienna contro l’Italia campione d’Europa. A Rangnick sarebbe bastata una partita – contro l’Italia -. “Ma dobbiamo giocarne due per via dei contratti”. Per ora, il processo rimane il fattore decisivo nella durata del mandato di Rangnick. “Ci stiamo assicurando di avere abbastanza corsi in Spagna che ci porteranno a un ulteriore sviluppo”. Prima di qualificarsi per l’Europeo nel marzo 2023, si tratta davvero di una questione di business.