Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Migration Crisis 2.0: la nuova versione del curriculum di Erdogan

DottLa crisi migratoria è tornata. In Italia e Spagna il numero di persone che Ingresso irregolare dall’AfricaDi recente, bruscamente. Con loro torna nell’Unione Europea un’antica lotta. Sei anni fa, quando molti rifugiati si sono riversati nell’Unione europea, la comunità internazionale è precipitata in una profonda crisi umanitaria e politica. In sostanza, non è mai stato risolto.

L’Unione europea discute da anni sulla distribuzione dei rifugiati. La Polonia, la Repubblica ceca, l’Ungheria e la Slovacchia in particolare sono fortemente contrarie a un meccanismo permanente.

Fonte: World Infographic

Così la Commissione dell’Unione Europea ha presentato lo scorso settembre una proposta di riforme globali, volte ad agevolare paesi come Grecia, Italia e Spagna, soprattutto in caso di deportazione.

Sebbene il tempo sia essenziale, non c’è accordo in vista. L’esperienza ha dimostrato che i numeri continueranno ad aumentare nei mesi estivi. L’Unione europea ora vuole esternalizzare la soluzione al problema e sta pianificando più accordi con paesi terzi, Simile a quello con la Turchia. Come il commissario per gli interni Elva Johansson Ha detto in un’intervista al quotidiano italiano “La Repubblica”, Sono già in corso colloqui con Tunisia e Libia.

Leggi l’intervista con Elva Johansson qui

Migranti sull'isola italiana di Lampedusa.  In un solo fine settimana di metà maggio, 2.200 richiedenti asilo sono arrivati ​​dalla Libia e dalla Tunisia

Il grosso problema con accordi come questo: i governi di paesi terzi sanno come usare i migranti come merce di scambio. Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha dimostrato quest’ultima volta all’inizio dello scorso anno, quando ha annunciato unilateralmente l’apertura dei confini con la Grecia. Anche Eventi a Ceuta Pochi giorni fa c’è stato un annuncio di escalation. Il Marocco ha permesso a circa 8.000 migranti di entrare nel ritiro spagnolo entro 36 ore.

Cosa vogliono i paesi su cui fa affidamento l’Unione europea e quale potere hanno per far valere i propri interessi politici? WELT ha una panoramica.

Marocco, ovest, tramonto

Il regno del Nord Africa ha ottenuto ciò che voleva. Non ha dovuto fare molto per questo, basta aprire una volta il cancello di frontiera esterno dell’UE. Riguarda il conflitto del Sahara occidentale: il Marocco rivendica gran parte della regione scarsamente popolata sulla costa del Nord Atlantico ed è arrabbiato per il fatto che il leader del movimento indipendentista del Polisario, Brahim Ghali, si sta curando in un ospedale spagnolo senza informare il Marocco. Inoltre è rimasto senza molestie in tribunale.

“Non avremo paura”, ha dichiarato mercoledì il vicepresidente della Commissione europea Margaritis Chinas. “Nessuno può ricattare l’Unione europea”. Tuttavia, la realtà è diversa. Poco dopo gli eventi di Ceuta, la Spagna ha avviato un procedimento contro Gali per rapimento, stupro e altri crimini.

Leggi anche

Grande fiducia in se stessi grazie ai più forti sostenitori: il re Mohammed VI.  Marocco, ovest, tramonto

Il legamento è consapevole della sua forza. È grazie al regno che centinaia di migliaia di migranti non si traducono ogni anno dall’Africa all’Europa. Nel 2019, il Marocco assume completamente la protezione delle frontiere e il salvataggio marittimo nello Stretto di Gibilterra. Il numero di immigrati in arrivo in Spagna è sceso a circa 32.000, il 50 per cento in meno rispetto all’anno precedente.

Tuttavia, il servizio non è gratuito. Nel 2019, Madrid ha trasferito 30 milioni di euro a Rabat per proteggere i confini. Altri 140 milioni di euro sono arrivati ​​da Bruxelles. Il Marocco è il paese di origine e di transito di molti migranti e vorrebbe sviluppare una soluzione sostenibile come partner alla pari dell’Europa. Ma il concetto di immigrazione regolare, ad esempio, attualmente non è molto popolare a Bruxelles. L’Unione europea si è impegnata per l’isolamento.

“Il Marocco voleva essere preso sul serio, dalla Spagna e dall’Unione Europea – e lo ha fatto

La scena drammatica ha fatto scalpore nella crisi dei migranti a Ceuta. Un bambino viene salvato nel Mediterraneo da una scialuppa di salvataggio. Il giornalista di WELT Tim Röhn spiega i retroscena del potere di queste immagini.

Con irritazione del Marocco. “Non siamo i gendarmi d’Europa”, ha detto il ministro degli Esteri Nasser Bourita, in una recente intervista a un’agenzia di stampa spagnola. La migrazione non può essere regolata solo dai contributi finanziari. Questo record può ripetersi in qualsiasi momento: tutto dipende dalle forze di sicurezza marocchine a guardia delle frontiere esterne dell’Unione europea.

Decine di migliaia di immigrati subsahariani vivono in Marocco, spesso da anni. Molti aspettano l’opportunità di entrare in Europa. Se il Marocco consentirà loro di restare senza ostacoli, la Spagna sarà completamente sommersa.

Libia e Tunisia

La Tunisia e la Libia sono tra i più importanti paesi di transito sulla rotta migratoria verso l’Italia: non sono lontane dall’isola mediterranea di Lampedusa e dalla Sicilia. Su questo scuotimento è venuto Secondo l’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati Quest’anno fino al 16 maggio, un totale di 13.156 persone si sono recate in Italia, quasi il triplo nello stesso periodo dell’anno scorso. Circa un quinto di loro proviene dalla Tunisia e più di tre quinti di loro dalla Libia.

Fonte: World Infographic

Nel 2017, il governo italiano ha raggiunto un accordo controverso con vari attori politici in Libia. La guardia costiera libica dovrebbe impedire ai migranti la pericolosa traversata dalla costa libica verso l’Europa e ricevere in cambio denaro e attrezzature dall’Italia. Inizialmente, il numero di migranti che utilizzano questa via di transito è diminuito in modo significativo.

Ma dallo scoppio della crisi Corona, è aumentata di nuovo dall’inizio di quest’anno. Silvia Colombo, esperta di politica estera italiana nel Mediterraneo presso l’Istituto di politica estera (IAI) di Roma, accusa l’instabilità della situazione nel Paese, attualmente gestito da un governo di transizione. “Le autorità libiche hanno un sacco di altri problemi e attualmente si stanno concentrando principalmente sulle elezioni di dicembre”.

Leggi anche

Situazione di approvvigionamento difficile: a causa dell'elevato numero di nuovi arrivi, gli assistenti in loco spesso mancano di elementi essenziali

Tuttavia, l’Italia continua a negoziare, da ultimo con il sostegno dell’Unione Europea. È probabile che il nuovo accordo diventi realistico solo dopo le elezioni di fine anno, cioè quando l’Unione europea avrà un contatto permanente e permanente a Tripoli. Ma i negoziati sono già iniziati con il governo di transizione: una delegazione di politici europei, tra cui il ministro degli Esteri italiano Luigi Di Maio e Olivier Farhelli, il commissario Ue per l’allargamento e la politica europea di vicinato, prevede di inviare una missione in Libia la prossima settimana.

Anche Italia e Unione Europea stanno negoziando per la prima volta congiuntamente con la Tunisia un nuovo accordo per il controllo dei flussi migratori. A tal fine, il ministro degli interni italiano Luciana Lamorgues e il commissario per gli interni dell’Unione europea Johansson si sono recati nel paese giovedì.

Leggi anche

Aspetta, gela, spera: profughi dopo l'arrivo a Lampedusa

A differenza della Libia, la Tunisia ha un governo stabile con il quale Roma mantiene un dialogo costante. Ma i migranti che viaggiano sulle barche in Tunisia sono per lo più locali, mentre in Libia sono persone dell’Africa subsahariana e del Bangladesh. In poche parole, si potrebbe dire che il governo tunisino è riuscito in gran parte a prevenire i migranti ai suoi confini, ma non a mantenere la sua popolazione nel paese, dice Colombo.

I giovani tunisini in particolare si stanno facendo strada attraverso il Mediterraneo a causa della disperazione economica e della mancanza di alternative ai viaggi legati a Corona. Se l’Unione Europea vuole avere un partner affidabile in Tunisia, gli accordi con la Tunisia dovrebbero concentrarsi non solo sulla gestione dei flussi migratori ma anche sull’assistenza economica.

tacchino

Al culmine della crisi dei rifugiati europei, le persone venivano in Grecia principalmente attraverso la Turchia. Molti di loro sono siriani fuggiti dalla guerra nel loro paese. Solo nell’ottobre 2015 l’hanno realizzato Più di 200.000 persone L’Unione Europea muore.

Il cancelliere Angela Merkel ha accolto i rifugiati, forse sperando che altri governi europei seguano l’esempio. Invece, sempre più paesi hanno chiuso i propri confini. La pressione aumentò e i partiti di destra ne approfittarono. Da novembre 2015 a gennaio successivo Inoltre, quasi 1.000 persone sono annegate nel Mediterraneo orientale. Una soluzione doveva essere trovata – rapidamente.

Leggi anche

Bosnia: sistema di asilo europeo disfunzionale Per raggiungere l'Unione europea, il percorso è solitamente molto rischioso per i rifugiati e conduce attraverso aree impraticabili che sono state parzialmente cancellate a causa della guerra in Bosnia.  +++ Commissioni a tasso fisso +++ Giorgio Morra GIORNALISTA FOTOGRAFICO Cellulare: +49178 26 3333 2 Email: mail@giorgiomorra.com Home Page: www.giorgiomorra.com

Ecco come è andata Accordo sui rifugiati tra l’Unione europea e la Turchia Ragazzo. La Turchia si è impegnata a proteggere i suoi confini e a riprendere i migranti respinti dalla Grecia. In cambio, Bruxelles ha promesso ad Ankara 6 miliardi di euro e relazioni politiche più strette con l’Unione europea.

L’accordo ha funzionato. Il numero degli arrivi è improvvisamente diminuito, molti meno sono annegati, le condizioni di vita dei rifugiati in Turchia sono migliorate e l’eredità politica della Merkel è stata salvata.

Tuttavia, una potente leva è stata posta nelle mani del presidente turco Erdogan. Usalo a febbraio 2020 e dichiara i confini aperti. Ha accusato più volte Bruxelles di non aver attuato l’accordo. Di fatto, non sono state attuate garanzie politiche come la modernizzazione dell’unione doganale comune e l’esenzione dal visto per i turchi.

Leggi anche

I sostenitori del presidente turco Recep Tayyip Erdogan intonano slogan durante la grande conferenza del Partito per la giustizia e lo sviluppo (AKP) al potere ad Ankara, in Turchia, il 24 marzo 2021. Reuters / Umit Paktas

Poi migliaia di migranti hanno cercato di raggiungere la Grecia dalla Turchia. La crisi è tornata. La risposta delle guardie di frontiera greche è stata molto severa: gas lacrimogeni, manganelli e bombe sonore. Oggi, tuttavia, difficilmente più migranti arrivano nell’Unione europea attraverso la rotta del Mediterraneo orientale. Ad aprile c’erano solo 196 persone. L’accordo con la Turchia è tornato al suo posto? No. Una nuova edizione è attualmente in fase di negoziazione.

C’è un altro motivo per cui i numeri stanno diminuendo. Cerca, tra le altre cose Rete investigativa Bellingcat, Si scopre che le guardie di frontiera greche stanno rifiutando le persone in mare. Tali revisioni sono illegali ai sensi del diritto europeo e internazionale. L’Unione europea sta attualmente attraversando senza un accordo sui rifugiati. Ma l’assistenza di Erdogan non sarà eliminata a lungo termine. Il prezzo che l’Unione europea paga per la politica dei mutui è troppo alto per questo.

READ  La Banca centrale russa raddoppia il tasso di interesse al 20%.