Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Medico. mezzo. Intervista a Yael Adler: Shingles: un esperto ne spiega cause e sintomi – Intrattenimento

Se sospetti di avere l’herpes zoster, dovresti consultare un medico il prima possibile. Foto: thodonal88 / Shutterstock.com


Chiunque abbia avuto la varicella da bambino può contrarre l’herpes zoster. Ma perché i sintomi riguardano anche il nostro sistema immunitario, afferma il dermatologo Dr. mezzo. Intervista a Yael Adler.

In Germania, tra 350.000 e 400.000 persone vengono infettate dal fuoco di Sant’Antonio ogni anno. Per l’uno o per l’altro, l’infezione può sembrare una semplice eruzione cutanea. Ma l’herpes zoster può portare a gravi conseguenze a lungo termine se il corso è drammatico. Medico. Yael Adler, dermatologo, venereologo e nutrizionista, in un’intervista a Spot On News.

Che cos’è esattamente l’herpes zoster?

Medico. mezzo. Yael Adler: L’herpes zoster è un’infezione del virus varicella-zoster, il virus della varicella. Tuttavia, questa non è un’infezione per la prima volta, ma una ricaduta, cioè una ricorrenza di un’infezione che è stata nel corpo per molto tempo. Una volta che hai avuto la varicella, questi virus si ritirano nei punti di commutazione nervosa all’interno del corpo, vicino al midollo spinale o ad altri punti di commutazione nell’area della testa e poi strisciano indietro se sei immunocompromesso.

Quali sono i sintomi dell’herpes zoster?

Adler: Prima di tutto, c’è una fase iniziale insolita, che si verifica all’incirca nella prima settimana in cui ti senti strano, hai mal di schiena o dolore nell’area a esordio tardivo dei sintomi della pelle. Ci può essere una sensazione di formicolio e febbre, quindi spesso si verificano bruciore, lancinanti e dolori lancinanti prima che compaiano i primi segni della pelle.

Si verificano sempre su un lato del corpo, ad esempio sul viso, sulla testa, sul corpo o sul busto. Si sviluppano macchie rosse, che spesso confluiscono per formare vere e proprie epidemie, che possono anche gonfiarsi. Questo porta a vesciche raggruppate, che poi si trasformano in vere vescicole o pustole. Questo può anche sembrare nuvoloso. Molti di questi si trovano spesso nell’intera regione nervosa. Questo può essere molto discreto e meschino, ma è anche molto violento, drammatico e doloroso.

READ  La mutazione delta porta a un aumento dell'incidenza, ma un numero dà speranza

Nella terza settimana, tutto guarisce e, si spera, il dolore diminuirà, ma non è sempre così. Questo è chiamato dolore post-zoster, che, come la nevralgia, può continuare a sparare e può diventare cronico, in modo tale che l’abbigliamento non è tollerato, ad esempio.



Come con la varicella, il processo richiede circa tre settimane. Il sistema immunitario è stressato e possono verificarsi dolori successivi come stanchezza o affaticamento. Più bassa è la competenza immunitaria, soprattutto negli anziani, più gravi sono i sintomi. Può raggiungere il punto in cui la vescica si riempie di sangue, i tessuti muoiono e rimangono cicatrici. Se compaiono bolle nella regione della testa, i nervi nel cervello sono compromessi, ad esempio possono verificarsi paralisi facciale unilaterale, vertigini o perdita dell’udito.

Quando dovrei vedere un medico?

Adler: Devi andare dal dottore in tempi relativamente brevi per essere curato in tempo. Puoi ottenere qualcosa di efficace solo con i farmaci per i primi tre giorni. Quindi devi stare lontano dall’infezione e trattarla sintomaticamente. Il dolore deve essere trattato in modo profilattico, cioè prima che si manifesti, altrimenti il ​​rischio di soffrire di irritazione nervosa anche dopo il recupero è relativamente aumentato.

La persona giusta da chiamare è un dermatologo o un medico di famiglia e, in caso di sintomi più evidenti, ovviamente il pronto soccorso.

Come viene trattato l’herpes zoster?

Adler: Non devi trattare tutte le herpes zoster se si tratta solo di punti molto chiari. Per i giovani è spesso sufficiente asciugarli con una miscela agitante contenente antidolorifici e il polidulcanolo antipruriginoso. È anche usato per trattare la varicella, per esempio. Quindi le aree secche vengono trattate con crema d’argento o pantenolo per la cura della pelle.

READ  Il rumore del traffico silenzioso aumenta significativamente il rischio di demenza - FITBOOK

In caso di infezioni gravi, immunodeficienza o vecchiaia, i malati dovrebbero assumere farmaci interni. Oltre alle compresse o all’infuso, l’herpes zoster, a seconda di quanto sia drammatico il decorso, in ospedale viene anche trattato con corticosteroidi, che riducono l’infiammazione e il gonfiore dei nervi.

Puoi anche sostenere il tuo sistema immunitario. Ferro, vitamina D, zinco, selenio, acidi grassi omega-3 e vitamine del gruppo B sono tutti micronutrienti importanti per la pelle, i nervi e il sistema immunitario che devono essere in equilibrio. Gli integratori possono essere molto utili qui per un po’.

Come puoi prevenire l’herpes zoster?

Adler: L’herpes zoster non può essere prevenuto correttamente perché quasi tutti hanno avuto la varicella a un certo punto. Esiste una vaccinazione, cioè un vaccino morto che viene iniettato dall’età di 50 anni, specialmente nelle persone con un sistema immunitario indebolito. Questo è molto efficace e duraturo e protegge dall’herpes zoster e anche dal dolore nervoso ricorrente dopo un’infezione.

L’herpes zoster è contagioso?

Adler: L’herpes zoster come quadro clinico di per sé non è contagioso, perché è una riattivazione dei virus presenti nel corpo. Ma le vesciche sono contagiose, il che significa che una persona che non ha mai avuto la varicella prima può contrarre la varicella. Pertanto, in caso di infezione, è necessario evitare il contatto con donne in gravidanza.

Se hai già avuto l’herpes zoster, il rischio di reinfezione è aumentato?

Adler: La maggior parte delle volte, le persone hanno maggiori probabilità di avere l’herpes zoster solo una volta, se non del tutto. Ma ci sono anche casi in cui il sistema immunitario è indebolito, poiché ciò può accadere molte volte. Si osserva un aumento dell’incidenza in tutto il mondo. Ci sono da 350.000 a 400.000 persone all’anno in Germania, due terzi delle quali hanno più di 50 anni.

READ  Diabete: l'ora della colazione influisce sul rischio - quando mangi il tuo primo pasto