Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Mediamarkt Saturn

MediaMarkt e Saturn venderanno – Cosa c’è dopo?

Mediamarket Saturn Retail Group

Il rivenditore di elettronica Ceconomy sta portando avanti il ​​suo piano per acquisire completamente la sua controllata Media-Saturn.

Dopo che il progetto è stato recentemente interrotto a causa di azioni legali, gli azionisti dovrebbero votare di nuovo in un’assemblea generale straordinaria il prossimo anno, ha annunciato la società venerdì a Düsseldorf. Infatti, le azioni di Convergenta Holdings, la holding di famiglia del defunto co-fondatore di Media Markt Erich Kellerhals, dovrebbero trasferirsi a Ceconomy entro la fine dell’estate.

Media Markt-Saturn è destinata a diventare una sussidiaria al 100% di Ceconomy. Le catene di elettronica Media Markt e Saturn sono i principali negozi di Ceconomy. Ceconomy aveva annunciato l’accordo con la famiglia Kellerhals lo scorso dicembre dopo anni di faide e aveva già voluto suggellarlo nell’anno fiscale conclusosi a fine settembre. Con l’acquisizione e la conseguente riorganizzazione dell’azionariato, la società di Düsseldorf vuole semplificare la complessa rete del gruppo.

I piani di vendita iniziali sono stati interrotti a causa di cause legali

Il piano è stato originariamente approvato dall’assemblea generale annuale a metà febbraio, ma è stato successivamente interrotto a causa di azioni legali. Sullo sfondo del parere legale preliminare dell’Alta Corte Regionale di Düsseldorf sulle rivendicazioni degli azionisti dall’inizio di luglio, Ceconomy ora vuole un altro voto. La polemica nelle azioni degli azionisti sono le previste misure patrimoniali, di cui il 21,62 per cento, che dovrebbe essere finanziato dalla famiglia Killerhalls, sarà acquistato e detenuto da Convergenta. In cambio, Convergenta acquisirà una partecipazione fino al 29,99 percento nel rivenditore di elettronica.

Ha detto che il voto previsto nell’assemblea straordinaria degli azionisti è subordinato all’assemblea generale del 9 febbraio 2022 per approvare la distribuzione di un dividendo di circa 63 milioni di euro.