Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Mariupol: il negoziatore russo chiede la pena di morte per i combattenti Azov

DottIl parlamento russo sta valutando la possibilità di esentare i combattenti del reggimento ucraino Azov dall’accordo di scambio di prigionieri. Ciò deriva dal servizio Telegram che trasmette da Douma. L’agenzia di stampa TASS ha citato il capo della Duma Vyacheslav Volodin dicendo che i criminali nazisti non dovrebbero essere scambiati.

Il negoziatore russo è stato più acuto. Leonid Slutsky, che sta negoziando con l’Ucraina a nome di Mosca, ha affermato che la Russia dovrebbe considerare la pena di morte per i militanti. Ha affermato che “non meritano di vivere di fronte agli atroci crimini dei diritti umani che hanno commesso e continuano a commettere contro i nostri prigionieri”.

La Russia accusa l’Ucraina di tollerare gli estremisti di destra come parte del suo esercito di reggimento. In effetti, la forza era nota per averli nei loro ranghi. Tuttavia, gli esperti ritengono che questo sia cambiato negli ultimi anni. Il reggimento è stato determinante nella difesa del porto di Mariupol.

Il vice ministro della Difesa ucraino Hanna Malgar ha descritto le dichiarazioni di Volodin sui presunti “criminali” come una dichiarazione politica “progettata per la propaganda interna (con l’obiettivo di) processi politici interni nella Federazione Russa”. Dal punto di vista dell’Ucraina, sia il processo negoziale che il processo negoziale hanno affermato che il processo di salvataggio stesso.

Leggi anche

Lo stato maggiore ucraino ha dichiarato martedì sera nel suo rapporto serale sulla situazione che le forze russe stavano bloccando le unità ucraine nelle acciaierie. Non c’era indicazione di quanti combattenti fossero ancora nell’edificio.

Secondo le dichiarazioni del vice capo del governo ucraino, Irina Weryshuk, il previsto scambio di prigionieri inizialmente ruotava solo attorno a “soldati gravemente feriti”. Mosca non ha commentato direttamente questo. Secondo le loro dichiarazioni, un’agenzia delle forze dell’ordine russa vuole interrogare i combattenti che sono stati prelevati dalla fabbrica.

READ  Studio americano: i bambini colpiti dall'epidemia si sviluppano più lentamente

Gli ucraini furono trasferiti nelle terre controllate dalla Russia

Dopo mesi di aspri combattimenti intorno a Mariupol, l’Ucraina sembrava rinunciare alla sua ultima roccaforte lì, lasciando le forze russe al controllo della città costiera in gran parte devastata dalla distruzione. L’esercito ucraino ha annunciato martedì che avrebbe cercato un’evacuazione completa dell’impianto di Azovstal. La struttura è diventata un simbolo di resistenza a Mariupol perché i combattenti ucraini si sono rintanati lì per settimane.

Qui è dove troverai contenuti di terze parti

Per visualizzare i contenuti incorporati, è necessario il tuo consenso revocabile al trasferimento e al trattamento dei dati personali, poiché tale consenso è richiesto dai fornitori di contenuti incorporati in quanto fornitori di terze parti [In diesem Zusammenhang können auch Nutzungsprofile (u.a. auf Basis von Cookie-IDs) gebildet und angereichert werden, auch außerhalb des EWR]. Impostando l’interruttore a levetta su ON, accetti questo (che può essere revocato in qualsiasi momento). Ciò include anche il tuo consenso al trasferimento di determinati dati personali ad altri paesi, inclusi gli Stati Uniti d’America, in conformità con la Sezione 49(1)(a) del GDPR. Puoi trovare maggiori informazioni a riguardo. Puoi revocare il tuo consenso in qualsiasi momento tramite il toggle e tramite Privacy in fondo alla pagina.

Lo stato maggiore delle forze armate ucraine è stato aperto lunedì sera Facebook Ha riferito che l’evacuazione di 53 soldati sono rimasti gravemente feriti. Sono stati portati in un ospedale di Novoazovsk. La città è sotto il controllo dei separatisti filo-russi.

Più di 200 altri soldati furono portati anche a Olinevka, anch’essa sotto il controllo russo. Successivamente verranno trasferiti nel territorio controllato dall’Ucraina nell’ambito di uno scambio di prigionieri. Ulteriori misure sono state prese per salvare le unità presso l’acciaieria.

Gli autobus che trasportano soldati ucraini da Azovstal arrivano a Novoazovsk

Fonte: Reuters

L’esercito russo afferma di aver catturato 265 combattenti ucraini dalle acciaierie da lunedì. “Nelle ultime 24 ore, 265 militanti, di cui 51 gravemente feriti, hanno deposto le armi e preso in custodia”, ha detto martedì il portavoce del ministero della Difesa russo Igor Konashenkov. Quindi i numeri differiscono leggermente dalle informazioni di Kiev.

Leggi anche

Combo Wirgen Mariupol

Opinione Evacuazione dell’acciaieria

Il ministero russo ha anche diffuso un video che mostra gli ucraini detenuti, che ricevono cure mediche ed evacuazione dei feriti. L’esercito russo è stato inizialmente lasciato aperto sul fatto che lo scambio di prigionieri che Kiev sperava potesse effettivamente aver luogo.

“Garrison Mariupol ha completato la sua missione di combattimento”

E il comandante delle forze ucraine lì assediate aveva precedentemente spiegato in un videoclip che stava eseguendo gli ordini dell’alto comando per salvare la vita dei soldati. Lo stato maggiore dell’esercito ucraino ha pubblicato una dichiarazione su Facebook secondo cui il comando militare supremo ha ordinato ai comandanti delle unità di stanza presso l’acciaieria di Azov di salvare la vita di individui. “La guarnigione di Mariupol ha portato a termine la sua missione di combattimento.”

Leggi anche

Uno degli ultimi combattenti dell'Azovstal: Bohdan Zaritskil

Combattenti d’acciaio Azov

I difensori sono eroi e hanno fatto la storia per sempre. La loro resistenza ha impedito la prevista rapida invasione di Zaporizhia. Vincolando le forze nemiche, l’Ucraina ha avuto l’opportunità di costruire linee difensive. “Ci abbiamo lasciato un momento critico per costruire riserve, raggruppare le forze e ottenere il sostegno dei partner”.

Non è stata una giornata facile, ha detto il presidente ucraino Volodymyr Zelensky nel titolo di un video pubblicato su Facebook durante la notte. Tuttavia, l’Ucraina ha bisogno che i suoi eroi siano vivi. “Grazie alle azioni dell’esercito ucraino, delle forze armate ucraine, dei servizi di intelligence, nonché della squadra negoziale, del Comitato internazionale della Croce Rossa e delle Nazioni Unite, speriamo di poter salvare la vita dei nostri figli”.