Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Malattie cardiache associate a carenza di ferro nella mezza età – Pratica medica

Malattie cardiache dovute a carenza di ferro?

Molti casi di malattia coronarica nella mezza età sembrano essere correlati alla carenza di ferro. Secondo un recente studio, non solo la carenza assoluta di ferro, ma anche la cosiddetta carenza di ferro funzionale gioca un ruolo cruciale. Pertanto, la prevenzione della carenza di ferro può ridurre significativamente il rischio di malattia coronarica.

Uno studio in corso con i ricercatori dell’Helmholtz Zentrum München e del Centro cardiaco e vascolare dell’UKE di Amburgo mira a scoprire se esiste una relazione tra la carenza di ferro e gli esiti del trattamento nelle malattie cardiovascolari. I risultati possono essere trovati nell’English Language Journal of the European Society of Cardiology (ESC) »ESC insufficienza cardiaca“Si può leggere.

La carenza di ferro causa malattie cardiache?

L’autore dello studio, il dott. Benedict carica in uno comunicato stampa Dalla Società Europea di Cardiologia. Tuttavia, vi è una crescente evidenza di un collegamento.

Precedenti ricerche hanno dimostrato che la carenza di ferro nelle persone con malattie cardiovascolari (come l’insufficienza cardiaca) è associata a esiti peggiori, tra cui la degenza ospedaliera e la morte, hanno affermato i ricercatori.

Benefici della terapia con ferro per via endovenosa

Il trattamento con ferro per via endovenosa ha migliorato i sintomi, la funzione e la qualità della vita nei soggetti con insufficienza cardiaca e carenza di ferro che hanno partecipato allo studio FAIR-HF. Sulla base di questi risultati, lo studio FAIR-HF-2 sta studiando gli effetti della supplementazione di ferro per via endovenosa sul rischio di morte nelle persone con insufficienza cardiaca. Gli esperti hanno analizzato se la relazione tra carenza di ferro e risultati del trattamento potesse essere osservata anche nella popolazione generale.

READ  Come l'infiammazione può supportare un cuore malato - La pratica della guarigione

Identificazione dei fattori di rischio cardiovascolare esistenti

L’attuale studio ha incluso un totale di 12.164 persone con un’età media di 59 anni e il 55% dei partecipanti erano donne. All’esame iniziale, fattori di rischio cardiovascolare e comorbilità come fumaree obesitàe diabetico Il colesterolo alto è stato rilevato attraverso un esame clinico approfondito che includeva campioni di sangue, ha detto il team.

I partecipanti sono stati quindi classificati come poveri di ferro o non poveri di ferro in base a due definizioni. Una definizione era la carenza assoluta di ferro, in cui viene preso in considerazione solo il ferro immagazzinato (ferritina). La seconda definizione è carenza di ferro funzionale, che tiene conto del ferro immagazzinato (ferritina) e del ferro circolante per l’uso da parte dell’organismo (transferina), hanno spiegato gli esperti.

“La carenza assoluta di ferro è il metodo tradizionale per valutare lo stato del ferro, ma non tiene conto della circolazione del ferro. La definizione funzionale è più accurata perché include entrambe le scale e cattura coloro che hanno un apporto adeguato ma non hanno abbastanza ferro nel flusso sanguigno affinché il corpo funzioni correttamente”, spiega il dott. Itale.

Quindi ai partecipanti è stato chiesto del verificarsi di malattia coronarica e attacco cerebraleMorte sotto controllo medico per malattie cardiovascolari e morte per tutte le cause.

Chi sono le persone che sono state escluse dallo studio?

Il team ha analizzato la relazione tra carenza di ferro e incidenza di malattia coronarica, ictus, mortalità cardiovascolare e per tutte le cause dopo aver controllato per età, sesso, fumo, colesterolo, pressione sanguigna, diabete, indice di massa corporea e infiammazione. Se i partecipanti avevano già una malattia coronarica o un ictus all’inizio dello studio, sono stati esclusi dall’analisi delle malattie precedenti.

READ  Corona: il tasso di infezione a Berlino è in calo: i ristoranti potrebbero riaprire

All’inizio dello studio, il 60 percento dei partecipanti aveva una carenza di ferro assoluta e il 64 percento aveva una carenza di ferro funzionale. Durante un periodo medio di follow-up di 13,3 anni, ci sono stati 2.212 decessi (18,2 percento). Di questi, un totale di 573 persone (4,7%) sono morte di malattie cardiovascolari. Malattia coronarica e ictus sono stati diagnosticati rispettivamente in 1.033 (8,5%) e 766 (6,3%) partecipanti.

Aumento del rischio di carenza di ferro funzionale

Secondo i ricercatori, la carenza di ferro funzionale era associata a un aumento del 24% del rischio di malattia coronarica, un aumento del 26% del rischio di malattie cardiovascolari e un aumento del 12% del rischio di mortalità per tutte le cause rispetto alle persone senza carenza di ferro funzionale.

Non c’è alcun legame tra stato di ferro e ictus

La carenza assoluta di ferro era associata a un aumento del 20% del rischio di malattia coronarica rispetto all’assenza di carenza assoluta di ferro, ma non era correlata alla mortalità. Non c’era alcuna associazione tra lo stato del ferro e l’incidenza di ictus, ha riferito il team.

Il 5,4% di tutti i decessi è dovuto a carenza di ferro funzionale

Gli esperti hanno infine calcolato che circa il 5,4% di tutti i decessi, l’11,7% dei decessi cardiovascolari e il 10,7% delle nuove diagnosi di malattia coronarica erano correlati alla carenza di ferro funzionale entro un decennio.

“Questa analisi indica che circa il 5% dei decessi, il 12% dei decessi cardiovascolari e l’11% delle nuove diagnosi di malattia coronarica non si sarebbero verificati nel prossimo decennio se non ci fosse stata carenza di ferro all’inizio dello studio”, ha detto il dottor. Diagonale.

READ  La vitamina D aiuta a combattere la febbre da fieno e le allergie - pratica medica

La carenza di ferro nella mezza età è comune

La ricerca ha mostrato che la carenza di ferro era ampiamente prevalente nella popolazione di mezza età studiata, con quasi due terzi che mostravano una carenza di ferro funzionale. Il medico rileva che le persone con carenza di ferro hanno maggiori probabilità di sviluppare malattie cardiache e morire entro 13 anni. In futuro, sono previsti ulteriori studi per indagare le relazioni stabilite nelle coorti più giovani, non europee. (come)

Leggi anche:

Informazioni sull’autore e sulla fonte

Questo testo è conforme ai requisiti della letteratura medica specializzata, delle linee guida cliniche e degli studi attuali ed è stato esaminato da professionisti medici.

Risorse:

  • Benedikt Schrage, Nicole Rübsamen, Francisco M. Ojeda, Barbara Thorand, Annette Peters, et al: Associazione di carenza di ferro con malattie cardiovascolari incidenti e mortalità nella popolazione generale; A: ESC Heart Failure (veröffentlicht 05.10.2021), ESC insufficienza cardiaca
  • Società europea di cardiologia: la carenza di ferro nella mezza età è associata ad un aumento del rischio di malattie cardiache (veröffentlicht 06.10.2021), Uscita

nota importante:
Questo articolo è solo a scopo di orientamento generale e non è destinato all’uso per l’autodiagnosi o l’autotrattamento. Non può sostituire una visita dal medico.