Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Mac Pro con Apple Silicon: SSD rimane aggiornabile, ampia selezione PCIe

Mac Pro con Apple Silicon: SSD rimane aggiornabile, ampia selezione PCIe

Ecco fatto, l’ultimo Mac ancora da trasformare in Apple Silicon: il Mac Pro. La nuova versione completa il passaggio già previsto per la fine del 2022 e spinge finalmente fuori Intel. Il fatto che il nuovo dispositivo sia alloggiato nel vecchio chassis è dovuto alla sua espandibilità, che vale anche per i due SSD.

Il nuovo Mac Pro con silicio Apple in qualche modo non è stato il gran finale che uno o un altro utente sperava, anche sulla base di voci. Il “M2 Extreme” che accoppia due M2 Ultra, anch’esso introdotto proprio ieri, e offre quindi le prestazioni di quattro M2 Max? nessuno. Invece, il nuovo Mac Pro utilizza M2 Ultra, disponibile anche nella nuova versione di Mac Studio. La differenza: Mac Pro è disponibile solo con M2 Ultra, mentre Mac Studio è disponibile anche con M2 Max, ma perché usare il Tower?

Il Mac Pro non è più il Mac più veloce

Alla fine, solo l’espandibilità del sistema parla per il Mac Pro, non le prestazioni. Mac Studio con la configurazione completa di M2 Ultra, che offre 24 core CPU e 76 core GPU, elaborerà progetti complessi alla stessa velocità di un Mac Pro con questo chip. Anche otto schermi 4K60, sei con 6K60 o tre schermi 8K60 dominano entrambe le piattaforme. Il Mac Pro passa dal computer più veloce di Apple a altrettanto veloce e offre la massima flessibilità del gruppo. Tuttavia, in alcune regioni, questo non è vero: solo Mac Studio offre uno slot per schede SDXC. Apple non pensava che il nuovo Mac Pro meritasse una riprogettazione del telaio, quindi le persone creative devono cavarsela senza le loro schede di memoria.

Non esiste un lettore di schede per il nuovo Mac Pro (Foto: Apple)

Tuttavia, ci sono molti slot PCIe. Questi, a loro volta, spiegano anche perché il Mac Pro continua ad avere l’aspetto che ha quattro anni dopo l’ultimo modello. Il formato delle schede aggiuntive PCIe determina l’aspetto che dovrebbe avere la torre. Quindi Apple non aveva molto margine di manovra per un nuovo design. Il penultimo Mac Pro ha mostrato cosa è possibile quando ti blocchi fuori dai fornitori di terze parti. La “tonnellata” era significativamente più compatta, difficile da aggiornare e alla fine fallì da sola. Il nuovo Mac Pro è esattamente l’opposto: non un esperimento, ma una solida base con quattro anni di esperienza su cui continuare a costruire. Tuttavia, non si può negare che Apple se la sia resa facile con la nuova versione. Gli sforzi di sviluppo devono essere limitati.

READ  Pillars of Eternity 2: Deadfire non arriverà più su Nintendo Switch

Sei slot PCIe rimangono liberi

Di conseguenza, gli acquirenti ottengono una torre (o rack) che può essere espansa con sei schede PCIe fino al doppio dell’altezza. È la prima volta che un Mac con Apple Silicon offre questa funzionalità. A rigor di termini, come il modello 2019, il nuovo Mac Pro offre otto slot PCIe, ma due di essi sono già occupati in fabbrica. Durante il keynote si è parlato di sette slot e di una fabbrica occupata, ma questo perché la scheda in alto offre sei porte Thunderbolt 4, senza le quali il Mac Pro non sarebbe nemmeno in grado di produrre un’immagine. Questo è probabilmente il motivo per cui Apple non conta questa carta tra le carte standard per un computer.

Backlink
Backlink (foto: Apple)

Subito sotto c’è la “scheda Apple I/O”, che fornisce un jack per le cuffie, due porte HDMI 2.1 e due porte USB-A da 5 Gb/s. Questa scheda plug-in si collega solo a PCIe x4 Gen 3, tutti gli altri slot funzionano con PCIe Gen 4.

Gli utenti ottengono due corsie PCIe x16 Gen 4

Nel dettaglio, in ordine dall’alto verso il basso, Mac Pro offre quattro slot PCIe x8 Gen 4, due slot single-height e due dual-height e due slot PCIe x16 Gen 4 single-height. Sarà interessante vedere quali carte alla fine gli utenti installeranno lì. La scheda Afterburner di Apple non è più compatibile con il sistema, ma non è più necessaria a causa del motore multimediale di M2 Ultra. Apple ha spiegato ieri che ora è così potente che è possibile sostituire sette schede Afterburner. Ma che dire, ad esempio, di una potente scheda grafica Arc, GeForce o Radeon? Nella vita di tutti i giorni, probabilmente si riduce ad altre schede di produzione multimediale altamente specializzate.

READ  Call of Duty sta arrivando su Nintendo Switch: Xbox Boss condivide il piano decennale di Wild
All'interno del nuovo Mac Pro
All’interno del nuovo Mac Pro (Immagine: Apple)

I connettori di alimentazione rimangono sulla scheda

Le due corsie PCIe proprietarie che portano fino a 475 watt più 75 watt dalle schede slot PCIe tramite un’interfaccia aggiuntiva non sono più disponibili nel nuovo Mac Pro. Ma ciò che rimane in parte sono le connessioni di alimentazione aggiuntive per fornire alle schede PCIe più di 75 watt. Questo, a sua volta, indica che Apple potrebbe aspettarsi che nel sistema vengano utilizzate anche schede grafiche di terze parti. La varietà di connessioni è leggermente inferiore rispetto al 2019: ci sono ancora due connessioni a 6 pin, ciascuna con 75 watt di potenza, e una connessione a 8 pin con 150 watt, quindi la connessione a 8 pin è stata omessa. L’alimentatore nella parte inferiore della torre fornisce di nuovo 1.280 watt.

L’SSD rimane standard

Vengono offerti anche SSD. Come il Mac Studio, il Mac Pro non si basa sulla NAND saldata, ma non ci sono gruppi SSD di Mac Studio. Come prima, è possibile accedere agli SSD privati ​​dalla parte anteriore dopo aver aperto il case. Tuttavia, ora vengono utilizzati meno SSD rispetto al modello 2019, il che potrebbe avere un impatto sulle velocità di trasferimento. A sua volta, invece di 256 GB, ora c’è almeno 1 TB per il modello base. L’aggiornamento a 2 TB costa € 460 franco fabbrica per Apple chiama il nuovo kit di aggiornamento da 2 TB € 1.150 su di me. Questo, a sua volta, è il prezzo delle opere precedenti 4 TB, che è Poi 1.840 euro costi. 8 TB max costano € 2.530 durante la configurazione e Dopo di che 3220 euro. Con il vecchio Mac Pro, il kit da 1 TB veniva fornito con un SSD per un array RAID 0, ma questo è solo il caso del kit da 4 TB e superiore. Questo dovrebbe valere anche nei casi precedenti, quindi è necessario tenere conto di velocità di trasferimento inferiori a 4 TB.

READ  Blizzard uccide il modo migliore per potenziarsi: Nerf Club Hearts!
Kit di aggiornamento SSD da 8 TB
Kit di aggiornamento SSD da 8 TB (Foto: Apple)

Anche SATA è ancora in giro

È interessante notare che il nuovo Mac Pro eredita anche due porte molto vecchie: SATA. All’interno ci sono di nuovo due porte da 6 Gb/s per il collegamento di vecchi dischi rigidi o SSD tramite una gabbia aggiuntiva. Apple continua a elencare questo per quello Pegasus J2i è promesso per 519,95 euro Come custodia compatibile sia per Mac Pro del 2019 che per il nuovo modello del 2023. Apple inoltre non ha bloccato la porta USB-A interna con 5 Gb/s dalla scheda madre.