Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

L’uomo dietro il film di Spielberg The Terminal muore all’aeroporto di Parigi

panorama Il rifugiato vive in una stazione terminale da 18 anni

L’uomo dietro il film di Spielberg The Terminal muore all’aeroporto di Parigi

Mehran Karimi Nasser

Foto d’archivio: Mirhan Karimi Nasseri siede tra le sue cose al Terminal 1 dell’aeroporto Roissy Charles de Gaulle

Fonte: dpa/Michel Eulero

Il rifugiato iraniano di 18 anni che ha ispirato Steven Spielberg a produrre il suo film The Terminal è morto. Mehran Karimi Nasseri è morto per cause naturali nel Terminal 2F dell’aeroporto sabato pomeriggio.

DottL’iraniano che ha ispirato il film The Terminal di Steven Spielberg vivendo all’aeroporto Charles de Gaulle di Parigi è morto. Secondo fonti dell’Autorità aeroportuale, Mirhan Karimi Nasseri è morto dopo aver subito un infarto sabato pomeriggio al Terminal 2F.

Si dice che Karimi Nasseri sia nato nel 1945. Durante una sosta nel 1988, l’iraniano ha perso i documenti nell’area di transito. Non può più dimostrare il suo status di rifugiato e ora non gli è permesso viaggiare o lasciare l’aeroporto. Quindi si stabilì nell’edificio 1. Per anni ha cercato senza successo di ottenere l’ammissione in molti paesi europei. Nel 1999 ottenne il visto per entrare in Francia, ma rimase nella sua capanna sotto una scala mobile dell’aeroporto dove si era sistemato a casa.

Non ha lasciato l’aeroporto fino al 2006 per trascorrere la sua degenza in ospedale e poi ha vissuto in una casa. La storia di Nasiri ha ispirato il film del 2004 The Terminal di Steven Spielberg, con Tom Hanks. Con i soldi guadagnati per il film, Nasseri si è trasferito in un hotel. Ma per diverse settimane ha vissuto di nuovo in aeroporto e si è sempre seduto nello stesso posto con i suoi effetti personali in una carrozza, ha riferito il personale dell’aeroporto al quotidiano Le Parisien.

Ultimamente non parlava con difficoltà e fissava il vuoto. Dopo la morte di “The Terminal Man”, come si definiva in un romanzo autobiografico, l’aeroporto gli coprì il sedile con una coperta bianca.

READ  Jason Momoa: Il gigante di Hollywood infastidisce i fan a Roma - le persone