Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

L'Unione Europea ha concluso un accordo per obbligare le multinazionali a dichiarare utili e tasse

L’Unione Europea ha concluso un accordo per obbligare le multinazionali a dichiarare utili e tasse

I negoziatori dell’Unione Europea hanno concordato regole in base alle quali le grandi multinazionali devono rivelare pubblicamente dove guadagnano e pagano le tasse nel blocco come parte della campagna europea per combattere l’evasione fiscale delle società.

Dopo anni di colloqui in stallo, i governi dell’UE e i membri del Parlamento europeo hanno inserito nella lista nera un accordo sulla cosiddetta dichiarazione fiscale specifica per paese per le grandi aziende che operano nel mercato interno e in aree al di fuori dell’UE.

La mossa è stata salutata come una svolta nella trasparenza fiscale e deriva dal fatto che i responsabili delle politiche internazionali stanno intensificando le loro richieste di rinnovo delle norme sull’imposta sulle società. I paesi del G7 dovrebbero raggiungere un accordo politico sull’aumento dell’imposta sul reddito delle società minima effettiva entro la fine della settimana. 15% di quota.

“Sono sicura che questo accordo sulla rendicontazione pubblica specifica per paese sia solo l’inizio di una maggiore giustizia fiscale e trasparenza finanziaria in Europa”, ha affermato Evelyn Regner, l’eurodeputata di centrosinistra che ha guidato i negoziati per il Parlamento europeo.

Secondo le normative UE specifiche per paese, un’azienda con un fatturato mondiale di almeno 750 milioni di euro in due anni consecutivi deve rivelare pubblicamente quante tasse paga in ciascuno dei 27 stati membri del blocco e in 19 paesi. . Che l’Unione Europea è un fisco “non collaborativo”. Questi includono regioni “lista nera” come Guam e le Isole Vergini americane, nonché paradisi fiscali “lista grigia” come Panama, Fiji e Samoa.

Le grandi aziende sono già tenute a divulgare i loro profitti alle autorità fiscali nazionali all’interno dell’Unione europea, ma le informazioni non sono state rese pubbliche.

READ  Wall Street sale - Guadagni in DAX - Nikola rivale di Tesla scivola ulteriormente in rosso - Siemens alza le aspettative - Focus su BMW, Adidas, Celtronic, BeyondMate, Peloton, GoPro | Messaggio

Da 50 miliardi di euro a 70 miliardi di euro

Perdite annuali stimate per i governi dell’UE a causa dell’evasione fiscale sulle società

Politici e attivisti fiscali hanno salutato l’accordo come il primo passo per misurare la portata dell’evasione fiscale delle società all’interno dell’Unione Europea. Bruxelles stima che i governi dell’UE perdano dai 50 ai 70 miliardi di euro all’anno a causa dell’evasione fiscale delle società.

L’accordo pone fine a una lunga battaglia sulle regole proposte per la prima volta da Bruxelles nel 2013, ma frenate dall’opposizione dei governi dell’UE. Le regole per le grandi multinazionali rifletteranno i requisiti di informativa dell’Unione Europea per le banche che sono stati concordati dopo la crisi finanziaria.

Tuttavia, i dettagli dell’accordo di martedì sono stati presi di mira da attivisti della giustizia fiscale e membri di sinistra del Parlamento europeo per aver limitato la portata della divulgazione dell’UE, non al di fuori dell’UE.

“Questo accordo lascia oltre l’80 percento dei paesi del mondo, compresi i famigerati paradisi fiscali come le Bahamas, la Svizzera e le Isole Cayman, sui quali le società non devono pubblicare informazioni”, ha affermato il membro del consiglio di amministrazione Manon Aubry of Directors di MEP & Company . . Capo del Gruppo della Sinistra Europea al Parlamento Europeo.

Tove Riding della Rete europea sul debito e lo sviluppo ha affermato che l’accordo è stata un'”opportunità mancata” per costringere le grandi aziende a rivelare tutti i paesi con attività imponibili.

“Abbiamo bisogno di dati dettagliati su ogni Paese in cui ha sede una multinazionale. Altrimenti, le aziende possono nascondere i loro profitti in Paesi dove non ci sono regole di trasparenza.

READ  Business - Biden amplia la lista nera delle aziende cinesi - Business

Sven Geogold, l’eurodeputato verde tedesco, ha affermato che, pur essendo favorevole alle regole di divulgazione globale, l’accordo di martedì rimane “oggi un grande passo verso la piena trasparenza”. Ha detto che sempre più paesi potrebbero approvare leggi simili per ottenere finalmente il quadro completo.

In base all’accordo finale, le aziende possono evitare di divulgare informazioni classificate come “sensibili” fino a cinque anni. I negoziatori hanno anche deciso di rivedere le regole ogni quattro anni su richiesta degli Stati membri.

L’accordo è un “passo importante verso una maggiore trasparenza nell’UE e nel mondo”, ha affermato Gabriel Zucman, economista e capo del nuovo European Tax Monitor, che monitorerà l’evasione fiscale delle imprese.

“Le informazioni pubbliche per ogni paese sui profitti delle multinazionali e sulle tasse pagate dalle multinazionali sono fondamentali per monitorare l’evasione fiscale e considerare migliori politiche fiscali”, ha affermato Zucman.

L’accordo è ancora soggetto al voto finale della maggioranza dei parlamentari e dei governi Ue, previsto dopo l’estate.

Copertura aggiuntiva di Sam Fleming a Bruxelles