Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Lo spettacolo in Russia: “Molte persone qui dicono: guardate tutte le vostre grandi sanzioni – e Mosca è in piena espansione!”

Lo spettacolo in Russia: “Molte persone qui dicono: guardate tutte le vostre grandi sanzioni – e Mosca è in piena espansione!”

HGrandi parole hanno accompagnato il primo pacchetto di sanzioni dell’UE dopo l’attacco all’Ucraina: “Questo distruggerà la Russia”, aveva promesso il ministro degli Esteri Annalena Baerbock nel febbraio 2022. Ora il 13° pacchetto di sanzioni dell’UE è stato approvato; Anche gli Stati Uniti hanno imposto nuovamente centinaia di sanzioni dopo la morte del dissidente Alexei Navalny.

Le misure includono il divieto di importazione ed esportazione di una serie di beni, il congelamento di beni per miliardi di dollari, il divieto di ingresso di migliaia di individui e misure punitive contro banche, istituti finanziari e aziende. La Russia è da tempo il paese più sanzionato al mondo, ma ciò non sembra indebolire l’economia russa.

Dopo un iniziale calo nel 2022, secondo i dati russi l’anno successivo il PIL è nuovamente aumentato del 3,5%. Il Fondo monetario internazionale prevede una nuova crescita del 2,6% per il 2024. Al contrario, l’economia tedesca ha recentemente registrato una contrazione dello 0,3%; Le aspettative per l’anno in corso sono simili.

Leggi anche

“Ti fa rabbrividire”

Ha aggiunto: “Noi in Occidente abbiamo subito detto: con le sanzioni, metteremo in ginocchio la Russia. “Ma lo stiamo ancora aspettando”, dice Oliver Kempkins. L'uomo d'affari ha vissuto a Mosca per circa quattro anni, dove ha lavorato, tra le altre cose, presso la Sberbank russa. Ha lasciato la Russia dopo l'attacco all'Ucraina, ma di tanto in tanto si reca ancora privatamente nel paese. La WELT lo contattò telefonicamente durante una di queste visite a Mosca.

Tuttavia, gli effetti delle sanzioni si fanno sentire solo in misura limitata, afferma Kempkins. È vero che le automobili cinesi, non quelle occidentali, stanno modellando sempre più il paesaggio urbano, e alcuni beni di consumo stanno diventando sempre più difficili da ottenere. Ma gli oggetti smarriti vengono semplicemente acquistati in modo creativo in altri modi. I russi ricchi, ad esempio, fanno acquisti a Dubai o volano in vacanza via Istanbul. “Molte persone qui dicono: guardate tutte le grandi sanzioni che avete imposto – e Mosca prospera!”

READ  Gli Stati Uniti attaccano nuovamente le milizie Houthi nello Yemen

Lontano dalle grandi città, dove le persone vivono comunque in condizioni più semplici, anche queste misure hanno poche conseguenze visibili. Anche l’inflazione, inizialmente esplosiva – soprattutto quella dei prezzi dei prodotti alimentari – si è ora stabilizzata a un livello medio, con salari in forte aumento in alcuni casi.

Siamo lontani dall’indebolire significativamente l’economia russa

A livello macroeconomico, la Russia ha anche trovato una serie di modi per aggirare le sanzioni occidentali: conti offshore, società di comodo, flotte ombra e le cosiddette importazioni parallele, dove le merci arrivano in Russia attraverso un paese non soggetto a sanzioni.

Ciò è stato possibile grazie alle ex repubbliche sovietiche come Bielorussia e Kazakistan, ma anche a paesi come Turchia, Cina, India e Arabia Saudita, che si dichiarano neutrali rispetto alla guerra in Ucraina ma hanno notevolmente ampliato gli scambi con la Russia .

“Al supermercato puoi scegliere tra Coca Cola iraniana, Coca Cola turca e Coca Cola polacca”, spiega Kempkins. “Alcuni ne fanno un gioco, chiunque catturino oggi.” Ma in questo modo entrano nel Paese anche componenti e materiali importanti dell’economia di guerra russa.

Leggi anche

Vladimir Putin in visita in Cina nell'ottobre 2023

L’Unione Europea cerca da tempo di affrontare questo problema e ha imposto sanzioni ad aziende e individui nei paesi terzi. Con discreto successo. Da un lato perché questo tipo di sanzioni – e anche a causa delle preoccupazioni del governo federale riguardo alle relazioni diplomatiche con i paesi colpiti – sono state imposte solo più tardi e in modo più debole.

D’altro canto, perché è difficile tracciare le rotte delle merci sanzionate attraverso paesi terzi a causa delle catene di approvvigionamento globali e della legislazione opaca. “Per impedire le importazioni parallele, bisogna sapere da dove provengono. Questa è la grande difficoltà”, dice l'ex direttore Kempkins. “Con l'attuale pacchetto UE, vengono sanzionate solo 200 persone e organizzazioni. “Probabilmente ci sono migliaia di persone coinvolte che non conosci nemmeno.”

L’elevato numero di sanzioni rende l’acquisto di determinati prodotti più complesso e costoso per la Russia. Ma come si sperava un tempo, l’economia russa si indebolirà in modo significativo – e questo è un esito improbabile. Oltre ai paesi terzi, che sono felici di contribuire ad eludere le sanzioni a causa dei propri interessi economici, contribuiscono anche alcuni fattori interni russi.

Questi fattori includono il basso debito estero, un tasso di interesse chiave elevato che mantiene il rublo relativamente stabile e un approvvigionamento alimentare relativamente autosufficiente. In questo modo, secondo diversi esperti, la Russia potrà portare avanti la sua economia di guerra negli anni a venire nonostante tutte le sanzioni.

La crescita economica, che dipende in gran parte dalla produzione di armi e munizioni, non è affatto sostenibile. Ma dal punto di vista della Russia, questo non dovrebbe essere il caso: Putin potrebbe semplicemente essere interessato a resistere più a lungo all’Ucraina. “È un gioco di tempo che i russi stanno deliberatamente giocando”, dice Kempkins. “Sapendo bene che l’Occidente ha tanti problemi”.

Qui troverai contenuti di terze parti

Per visualizzare il contenuto incorporato è necessario ottenere il tuo consenso revocabile al trasferimento e al trattamento dei dati personali, poiché i fornitori del contenuto incorporato richiedono questo consenso come fornitori di servizi terzi. [In diesem Zusammenhang können auch Nutzungsprofile (u.a. auf Basis von Cookie-IDs) gebildet und angereichert werden, auch außerhalb des EWR]. Impostando l'interruttore su “On”, accetti questo (revocabile in qualsiasi momento). Ciò include anche il tuo consenso al trasferimento di determinati dati personali a paesi terzi, inclusi gli Stati Uniti, ai sensi dell'articolo 49, paragrafo 1, lettera a) del GDPR. Puoi trovare ulteriori informazioni a riguardo. Puoi revocare il tuo consenso in ogni momento utilizzando il tasto privacy a fondo pagina.

Non è infatti chiaro per quanto tempo gli alleati occidentali dell’Ucraina saranno in grado (e disposti) a mantenere i loro attuali livelli di sostegno finanziario e militare. Le sanzioni e gli aiuti da soli costano miliardi all’economia tedesca, portano ad un aumento dell’inflazione ed esacerbano i divari di bilancio già ampi.

READ  Zelenskyj dubita: "Penso sia un missile russo"

La portata delle nuove sanzioni è limitata, anche perché il sostegno agli aiuti all’Ucraina tende a diminuire tra la popolazione tedesca e di altri paesi dell’UE. Se Donald Trump vincesse le elezioni, gli Stati Uniti minacciano di ritirarsi completamente dall’alleanza contro la Russia. Nel lungo termine, Putin potrebbe riuscire a vincere la partita di potere economico con l’Occidente.