Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

L’Italia vuole diventare un polo delle energie rinnovabili – EURACTIV.de

Oltre a gas e GPL, il governo italiano sta investendo anche nelle energie rinnovabili per diventare energeticamente indipendenti. Allo stesso tempo, l’obiettivo è quello di rendere il Paese un punto di trasferimento dell’energia in Europa.

Per raggiungere gli obiettivi climatici europei di zero emissioni nette entro il 2050 e per diventare indipendente dal gas straniero, in particolare russo, l’Italia deve espandere in modo massiccio le proprie energie rinnovabili.

Oltre a soddisfare il proprio fabbisogno energetico, il governo italiano sta cercando di diventare un hub energetico per l’Europa, esportando energia in altri Stati membri e oltre.

Il primo ministro Giorgia Meloni del partito di estrema destra Fratelli d’Italia ha promesso agli elettori in vista delle elezioni generali del 25 settembre che voleva fare dell’Italia, in particolare del sud, la “potenza d’Europa” investendo in “soluzioni strutturali”. Per raggiungere la completa indipendenza energetica.

“Con un po’ di ingegno e risorse ben investite, il Sud può diventare l’hub di approvvigionamento energetico dell’Europa”, ha detto all’epoca. Ciò include sia i gasdotti che le energie rinnovabili.

“Ci sarà un’ondata di energie rinnovabili il prossimo anno”, ha dichiarato martedì (29 novembre) Gianni Silvestrini, direttore scientifico del Kyoto Club, a EURACTIV Italia.

“Quest’anno saranno circa 3.000 MW in più; I risultati stanno già arrivando”, dice Silvestrini. “Dobbiamo produrre dai 7.000 agli 8.000 megawatt di energia pulita all’anno”.

All’inizio di ottobre, il governo italiano ha certificato la compatibilità ambientale di otto progetti di centrali elettriche con una capacità di 314 MW, che devono essere alimentate da fonti energetiche rinnovabili.

Diversi altri progetti sono vicini all’approvazione, sia per l’energia solare, che Silvestrini definisce prioritaria in Italia, sia per l’eolico e la geotermia.

READ  Italia: Medici Senza Frontiere & ResQ salva 200 rifugiati nel Mediterraneo

“Grazie alle nuove tecnologie, ora ci sono soluzioni innovative che facilitano il passaggio alle energie rinnovabili”, ha spiegato.

Dal 2014 al 2021, la quota di energia rinnovabile in Italia è stata di circa il 38%. A causa della siccità e del conseguente rallentamento della produzione di energia idroelettrica, quest’anno è probabile che lo stock diminuisca.

Tuttavia, secondo Silvestrini, questo aumenterà “esponenzialmente” nei prossimi anni, tenendo conto della roadmap varata dal governo Draghi e ora seguita dal governo Meloni.

Nel prossimo decennio, l’Italia produrrà una grande quantità di energia pulita, ha affermato il ricercatore.

“Allora è necessario lo scambio di energia con altri Paesi europei”, ha spiegato. A seconda della stagione e della conseguente quantità di energia prodotta, l’Italia può esportare o importare secondo necessità.