Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

L’Italia presenta il piano di pace per l’Ucraina: Zelenskyj sottolinea l’importanza dei negoziati – un movimento in diplomazia? – Politica

La guerra della Russia contro l’Ucraina è rimasta silenziosa sui canali diplomatici per settimane e persino un cessate il fuoco ha fatto sembrare impossibile una soluzione negoziata. I colloqui diretti tra Russia e Ucraina sono sospesi da un mese.

Il governo di Roma ha annunciato sabato di aver presentato un piano di pace in più fasi dopo aver appreso giovedì che alti ufficiali militari negli Stati Uniti e in Russia si erano chiamati per la prima volta dall’inizio dell’invasione russa a febbraio 24. ONU In un’intervista con il presidente ucraino Volodymyr Zhelensky – che di recente è stato molto riluttante a negoziare – ha sottolineato che la guerra potrebbe finire solo con la diplomazia.

[Alle aktuellen Nachrichten zum russischen Angriff auf die Ukraine bekommen Sie mit der Tagesspiegel-App live auf ihr Handy. Hier für Apple- und Android-Geräte herunterladen.]

Secondo un rapporto del Dpa, il ministro degli Esteri italiano Luigi de Mayo ha dichiarato al quotidiano “La Stampa” che solo i singoli stati stanno attualmente cercando di mediare. “Ora è necessario un contrattacco diplomatico”. Il politico del popolare movimento Cinque Stelle ha affermato che il piano era di cooperare con tutte le organizzazioni internazionali pertinenti. Il primo obiettivo è raggiungere un cessate il fuoco locale durante la guerra, seguito da un cessate il fuoco, dalla neutralità e infine da un accordo di pace.

Ministro degli Esteri italiano: Luigi de Mayo.Foto: Imago / photothek.net / Thomas Imo

Il piano è stato sviluppato dai diplomatici e dal governo italiano e presentato ai negoziatori delle sette più importanti nazioni industrializzate (G7), ha affermato de Mayo. Ha parlato anche con il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres. L’ONU, l’UE e l’OSCE dovrebbero coinvolgere altri paesi come la Turchia e l’India come task force chiave.

READ  Grossell porta l'Italia in finale - Pattinaggio di Figura

De Mayo è pessimista sull’attuale stato dei negoziati con la Russia: “Non voglio sembrare un disastro, ma non vedo negoziazioni a nessun tavolo”, ha detto. “Le azioni personali non costringeranno Vladimir Putin a negoziare”. Inizialmente non c’è stata alcuna reazione da parte di Russia e Ucraina all’annuncio italiano.

Sabato, tuttavia, Zelenskyy ha dichiarato al canale televisivo ucraino ICTV dell’agenzia di stampa AFP che la guerra sarebbe stata “combattimento sanguinoso e feroce, ma alla fine sarebbe finita solo con la diplomazia”. Il presidente dell’Ucraina ha aggiunto: “Ci sono cose che possiamo ottenere solo al tavolo dei negoziati”. L’esito dei colloqui dovrebbe essere “solo” per l’Ucraina.

Il presidente ha ribadito la sua richiesta di una garanzia di sicurezza. Ha suggerito che ci dovrebbe essere un documento sulle garanzie di sicurezza per l’Ucraina, firmato dagli “amici e partner dell’Ucraina senza la Russia”. Allo stesso tempo, dovrebbe esserci una “discussione bilaterale con la Russia”.

D’altra parte, Zhelensky continua a insistere sulla fornitura di armi pesanti, come ha fatto dall’inizio della guerra. In un’intervista registrata prima dell’acquisizione russa di Mariupol Steelworks, ha in qualche modo incolpato l’Occidente per i progressi compiuti lì. Ha ripetutamente invitato i leader occidentali a fornire al suo paese “armi appropriate” in modo che il presidente ucraino possa “contattare Mariupol per liberare queste persone”.

Maggiori informazioni sulla guerra in Ucraina su Tagesspiegel Plus:

Secondo le agenzie di stampa russe, l’ultimo incontro dei capi negoziatori a Mosca e Kiev si è svolto il 22 aprile. Dall’inizio dell’offensiva russa in Ucraina, le due parti si sono incontrate regolarmente per colloqui o discusso sulla risoluzione del conflitto in videoconferenza. La Russia incolpa l’Ucraina per lo stallo.

READ  Incendi in Turchia, Italia, Grecia: questa è la situazione

“I negoziati non sono realmente progrediti e vediamo che i negoziatori ucraini non hanno intenzione di continuare questo processo”, ha detto mercoledì a Mosca il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov. In precedenza, l’Ucraina aveva dichiarato che i colloqui erano stati sospesi a causa della posizione della Russia. Il consigliere presidenziale ucraino Mikhail Podoliyak ha affermato che Mosca non ha una comprensione di “ciò che sta accadendo nel mondo in questo momento e del suo ruolo molto negativo”.